Un elenco di donne con premi Nobel per la pace

Le donne vincitrici del Nobel per la pace sono in numero inferiore rispetto agli uomini che hanno ricevuto il Premio Nobel per la pace, anche se potrebbe essere stato l’attivismo per la pace di una donna a ispirare Alfred Nobel a creare il premio. Negli ultimi decenni la percentuale di donne tra i vincitori è aumentata. Nelle prossime pagine incontrerai le donne che hanno vinto questo raro onore.

Baronessa Bertha von Suttner, 1905

Imagno / Hulton Archive / Getty Images

Amica di Alfred Nobel, la baronessa Bertha von Suttner era una leader nel movimento per la pace internazionale negli anni 1890 e ricevette il sostegno del Nobel per la sua Società per la pace austriaca. Quando Nobel morì, lasciò in eredità denaro per quattro premi per i risultati scientifici e uno per la pace. Sebbene molti (tra cui, forse, la Baronessa) si aspettassero che il premio per la pace le sarebbe stato assegnato, altre tre persone e un’organizzazione ricevettero il Premio Nobel per la pace prima che il comitato la nominasse nel 1905.

Jane Addams, 1935 (condiviso con Nicholas Murray Butler)

Hulton Archive / Getty Images

Jane Addams, meglio conosciuta come la fondatrice di Hull-House (una casa di colonia a Chicago) era attiva negli sforzi di pace durante la prima guerra mondiale con il Congresso internazionale delle donne. Jane Addams ha anche contribuito a fondare la Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà. Fu nominata numerose volte, ma il premio andò ogni volta ad altri, fino al 1931. A quel tempo era in cattive condizioni di salute e non poteva viaggiare per accettare il premio.

Emily Greene Balch, 1946 (condiviso con John Mott)

Biblioteca di cortesia di cortesia

Amica e collaboratrice di Jane Addams, Emily Balch ha anche lavorato per porre fine alla prima guerra mondiale e ha contribuito a fondare la Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà. È stata professoressa di economia sociale al Wellesley College per 20 anni, ma è stata licenziata per le sue attività di pace durante la prima guerra mondiale. Sebbene un pacifista, Balch ha sostenuto l’entrata americana nella seconda guerra mondiale.

Betty Williams e Mairead Corrigan, 1976

Central Press / Hulton Archive / Getty Images

Insieme, Betty Williams e Mairead Corrigan hanno fondato il Movimento per la pace in Irlanda del Nord. Williams, un protestante, e Corrigan, un cattolico, si sono riuniti per lavorare per la pace nell’Irlanda del Nord, organizzando dimostrazioni per la pace che hanno riunito cattolici romani e protestanti, protestando contro la violenza dei soldati britannici, membri dell’Esercito repubblicano irlandese (IRA) (cattolici) e Estremisti protestanti. 

Madre Teresa, 1979

Keystone / Archivi Hulton / Getty Images

Nata a Skopje, Macedonia (ex Jugoslavia e Impero Ottomano), Madre Teresa ha fondato le Missionarie della Carità in India e si è concentrata sul servizio ai morenti. Era abile nel pubblicizzare il lavoro del suo ordine e quindi nel finanziare l’espansione dei suoi servizi. È stata insignita del Premio Nobel per la Pace nel 1979 per il suo “lavoro nel portare aiuto all’umanità sofferente”. Morì nel 1997 ed è stata beatificata nel 2003 da Papa Giovanni Paolo II.

Alva Myrdal, 1982 (condiviso con Alfonso García Robles)

Notizie autenticate / Foto d’archivio / Immagini Getty

Alva Myrdal, economista svedese e sostenitrice dei diritti umani, nonché capo del dipartimento delle Nazioni Unite (la prima donna a ricoprire una tale posizione) e ambasciatrice svedese in India, è stata insignita del Premio Nobel per la pace con un collega difensore del disarmo dal Messico, in un momento in cui il comitato per il disarmo delle Nazioni Unite aveva fallito nei suoi sforzi.

Aung San Suu Kyi, 1991

CKN / Getty Images

Aung San Suu Kyi, la cui madre era ambasciatrice in India e padre de facto primo ministro della Birmania (Myanmar), ha vinto le elezioni ma le è stato negato l’incarico da un governo militare. Aung San Suu Kyi è stata insignita del Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro non violento per i diritti umani e l’indipendenza in Birmania (Myanmar). Ha trascorso la maggior parte del suo tempo dal 1989 al 2010 agli arresti domiciliari o incarcerata dal governo militare per il suo lavoro di dissidente.

Rigoberta Menchú Tum, 1992

Sami Sarkis / Photographer’s Choice / Getty Images

Rigoberta Menchú è stata insignita del Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro per “la riconciliazione etno-culturale basata sul rispetto dei diritti dei popoli indigeni”.

Jody Williams, 1997 (condiviso con la campagna internazionale per vietare le mine antiuomo)

Pascal Le Segretain / Getty Images

Jody Williams è stato insignito del Premio Nobel per la Pace, insieme alla Campagna internazionale per vietare le mine terrestri (ICBL), per la loro campagna di successo per vietare le mine antiuomo; mine antiuomo che prendono di mira gli esseri umani. 

Shirin Ebadi, 2003

Jon Furniss / WireImage / Getty Images

La sostenitrice dei diritti umani iraniana Shirin Ebadi è stata la prima persona iraniana e la prima donna musulmana a vincere un premio Nobel. Ha ricevuto il premio per il suo lavoro a favore delle donne e dei bambini rifugiati. 

Wangari Maathai, 2004

MJ Kim / Getty Images

Wangari Maathai ha fondato il movimento Green Belt in Kenya nel 1977, che ha piantato più di 10 milioni di alberi per prevenire l’erosione del suolo e fornire legna da ardere per cucinare. Wangari Maathai è stata la prima donna africana ad essere nominata Nobel per la pace, premiata “per il suo contributo allo sviluppo sostenibile, alla democrazia e alla pace”. 

Ellen Johnson Sirleaf, 2001 (condivisa)

Michael Nagle / Getty Images

Il premio Nobel per la pace per il 2011 è stato assegnato a tre donne “per la loro lotta non violenta per la sicurezza delle donne e per i diritti delle donne alla piena partecipazione al lavoro di costruzione della pace”, con il capo del comitato per il Nobel che ha affermato: “Non possiamo raggiungere la democrazia e pace duratura nel mondo a meno che le donne non ottengano le stesse opportunità degli uomini per influenzare gli sviluppi a tutti i livelli della società “. 

Il presidente liberiano Ellen Johnson Sirleaf era uno. Nata a Monrovia, ha studiato economia, incluso lo studio negli Stati Uniti, culminando in un Master in Pubblica Amministrazione ad Harvard. Parte del governo dal 1972 al 1973 e dal 1978 al 1980, è sfuggita all’assassinio durante un colpo di stato e nel 1980 è finalmente fuggita negli Stati Uniti. Ha lavorato per banche private, Banca mondiale e Nazioni Unite. Dopo aver perso nelle elezioni del 1985, fu arrestata e imprigionata e fuggì per gli Stati Uniti nel 1985. Corse contro Charles Taylor nel 1997, fuggendo di nuovo quando perse, poi dopo che Taylor fu estromesso in una guerra civile, vinse le elezioni presidenziali del 2005, ed è stata ampiamente riconosciuta per i suoi tentativi di sanare le divisioni all’interno della Liberia.

Leymah Gbowee, 2001 (condiviso)

Ragnar Singsaas / WireImage / Getty Images

Leymah Roberta Gbowee è stata onorata per il suo lavoro per la pace in Liberia. Lei stessa madre, ha lavorato come consigliera con ex bambini soldato dopo la prima guerra civile liberiana. Nel 2002, ha organizzato donne di matrice cristiana e musulmana per fare pressione su entrambe le fazioni per la pace nella seconda guerra civile liberiana, e questo movimento per la pace ha contribuito a porre fine a quella guerra.

Tawakul Karman, 2011 (condiviso)

Ragnar Singsaas / WireImage / Getty Images

Tawakul Karman, una giovane attivista yemenita, era una delle tre donne (le altre due della Liberia) insignite del Premio Nobel per la Pace 2011. Ha organizzato proteste all’interno dello Yemen per la libertà ei diritti umani, a capo dell’organizzazione, Women Journalists Without Chains. Usando la nonviolenza per alimentare il movimento, ha fortemente esortato il mondo a vedere che combattere il terrorismo e il fondamentalismo religioso in Yemen (dove al-Qaeda è una presenza) significa lavorare per porre fine alla povertà e aumentare i diritti umani piuttosto che sostenere un governo centrale autocratico e corrotto .

Malala Yousafzai, 2014 (condiviso)

Veronique de Viguerie / Getty Images

La persona più giovane a vincere un premio Nobel, Malala Yousafzai è stata una sostenitrice dell’istruzione delle ragazze dal 2009, quando aveva undici anni. Nel 2012, un uomo armato talebano le ha sparato alla testa. È sopravvissuta alla sparatoria, si è ripresa in Inghilterra, dove la sua famiglia si è trasferita per evitare ulteriori attacchi e ha continuato a parlare per l’istruzione di tutti i bambini, comprese le ragazze.