Viaggio nel sistema solare: pianeti, lune, anelli e altro

Benvenuti nel sistema solare! Qui è dove troverai il Sole, i pianeti e l’unica casa dell’umanità nella Via Lattea. Contiene pianeti, lune, comete, asteroidi, una stella e mondi con sistemi ad anello. Sebbene gli astronomi e gli osservatori del cielo abbiano osservato altri oggetti del sistema solare nel cielo sin dall’alba della storia umana, è stato solo nell’ultimo mezzo secolo che sono stati in grado di esplorarli più direttamente con i veicoli spaziali.

Viste storiche del sistema solare

Molto prima che gli astronomi potessero usare i telescopi per guardare gli oggetti nel cielo, la gente pensava che i pianeti fossero semplicemente stelle vaganti. Non avevano il concetto di un sistema organizzato di mondi in orbita attorno al Sole. Tutto quello che sapevano era che alcuni oggetti seguivano percorsi regolari sullo sfondo delle stelle. All’inizio, pensavano che queste cose fossero “dei” o altri esseri soprannaturali. Quindi, hanno deciso che quei movimenti avevano qualche effetto sulle vite umane. Con l’avvento delle osservazioni scientifiche del cielo, quelle idee svanirono. 

Il primo astronomo a guardare un altro pianeta con un telescopio è stato Galileo Galilei. Le sue osservazioni hanno cambiato la visione dell’umanità del nostro posto nello spazio. Ben presto, molti altri uomini e donne stavano studiando i pianeti, le loro lune, gli asteroidi e le comete con interesse scientifico. Oggi questo continua, e attualmente ci sono veicoli spaziali che stanno facendo molti studi sul sistema solare.

Quindi, cos’altro hanno imparato gli astronomi e gli scienziati planetari sul sistema solare? 

Approfondimenti sul sistema solare

Un viaggio attraverso il sistema solare ci introduce al Sole, che è la nostra stella più vicina. Contiene un sorprendente 99.8 percento della massa del sistema solare. Il pianeta Giove è il prossimo oggetto più massiccio e comprende due volte e mezzo la massa di tutti gli altri pianeti messi insieme.

I quattro pianeti interni – il minuscolo Mercurio con crateri, Venere avvolta dalle nuvole (a volte chiamata Gemella della Terra), la Terra temperata e acquosa (la nostra casa) e il rossastro Marte – sono chiamati pianeti “terrestri” o “rocciosi”.

Giove, Saturno inanellato, il misterioso Urano blu e il lontano Nettuno sono chiamati “giganti gassosi”. Urano e Nettuno sono così freddi e contengono una grande quantità di materiale ghiacciato, e sono spesso chiamati “giganti di ghiaccio”. 

Il sistema solare ha cinque pianeti nani conosciuti. Si chiamano Plutone, Cerere, Haumea, Makemake ed Eris. La missione New Horizons ha esplorato Plutone il 14 luglio 2015 ed è in viaggio per visitare un piccolo oggetto chiamato 2014 MU69. Almeno uno e forse altri due pianeti nani esistono nei tratti più esterni del sistema solare, anche se non abbiamo immagini dettagliate di loro.

Probabilmente ci sono almeno altri 200 pianeti nani in una regione del sistema solare chiamata “Cintura di Kuiper” (pronunciata KYE per cintura). La Cintura di Kuiper si estende dall’orbita di Nettuno ed è il regno dei mondi più lontani conosciuti. esistere nel sistema solare. È molto distante e i suoi oggetti sono probabilmente ghiacciati e congelati.

La regione più esterna del sistema solare è chiamata Oort Cloud. Probabilmente non ha grandi mondi ma contiene pezzi di ghiaccio che diventano comete quando orbitano molto vicino al Sole.

La fascia degli asteroidi è una regione dello spazio che si trova tra Marte e Giove. È popolato da pezzi di roccia che vanno da piccoli massi fino alle dimensioni di una grande città. Questi asteroidi sono rimasti dalla formazione dei pianeti. 

Ci sono lune in tutto il sistema solare. Gli unici pianeti che NON hanno lune sono Mercurio e Venere. La Terra ne ha uno, Marte ne ha due, Giove ne ha dozzine, così come Saturno, Urano e Nettuno. Alcune delle lune del sistema solare esterno sono mondi ghiacciati con oceani acquosi sotto il ghiaccio sulla loro superficie. 

Gli unici pianeti con anelli di cui siamo a conoscenza sono Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Tuttavia, almeno un asteroide chiamato Chariklo ha anche un anello e scienziati planetari hanno recentemente scoperto un tenue anello attorno al pianeta nano Haumea. 

L’origine e l’evoluzione del sistema solare

Tutto ciò che gli astronomi apprendono sui corpi del sistema solare li aiuta a comprendere l’origine e l’evoluzione del Sole e dei pianeti. Sappiamo che si sono formati circa 4.5 miliardi di anni fa. Il loro luogo di nascita era una nuvola di gas e polvere che si contraeva lentamente per formare il Sole, seguito dai pianeti. Le comete e gli asteroidi sono spesso considerati gli “avanzi” della nascita dei pianeti. 

Quello che gli astronomi sanno sul Sole ci dice che non durerà per sempre. Tra circa cinque miliardi di anni, si espanderà e inghiottirà alcuni pianeti. Alla fine, si ridurrà, lasciandosi dietro un sistema solare molto cambiato da quello che conosciamo oggi.