Cos’è un gruppo di riferimento?

Un gruppo di riferimento è una raccolta di persone che usiamo come standard di confronto per noi stessi, indipendentemente dal fatto che facciamo parte di quel gruppo. Facciamo affidamento su gruppi di riferimento per comprendere le norme sociali, che poi modellano i nostri valori, idee, comportamenti e aspetto. Ciò significa che li usiamo anche per valutare il valore relativo, l’auspicabilità o l’appropriatezza di queste cose.

Come ci relazioniamo e adottiamo le norme

Il concetto di gruppo di riferimento è uno dei più basilari della sociologia. I sociologi credono che il nostro rapporto con i gruppi e con la società in generale modella i nostri pensieri e comportamenti individuali. Il modo in cui ci relazioniamo ai gruppi di riferimento è fondamentale per il modo in cui i gruppi sociali e la società esercitano forza sociale su di noi come individui. Osservando i gruppi di riferimento – siano essi di razza, classe, sesso, sessualità, religione, regione, etnia, età o gruppi localizzati definiti dal quartiere o dalla scuola, tra gli altri – vediamo norme e valori dominanti e scegliamo di o abbracciarli e riprodurli nei nostri pensieri, comportamenti e interazioni con gli altri; oppure, li rifiutiamo e li confutiamo pensando e agendo in modi che si allontanano da essi.

Abbracciare le norme di un gruppo di riferimento ed esprimerle noi stessi è il modo in cui otteniamo connessioni importanti con gli altri che portano all’accettazione sociale: in questo modo ci “adattiamo” e raggiungiamo un senso di appartenenza. Al contrario, quelli di noi che non possono o scelgono di non abbracciare ed esprimere le norme dei gruppi di riferimento che ci si aspetta da noi potrebbero essere visti come emarginati, criminali o, in altri casi, rivoluzionari o trendsetter.

Tipi specifici di norme sui gruppi di riferimento

Esprimere le norme e il comportamento del gruppo di riferimento attraverso il consumo è uno degli esempi più facilmente visibili di questo fenomeno. Nella scelta dell’abbigliamento da acquistare e indossare, ad esempio, di solito ci riferiamo a coloro che ci circondano, come amici o gruppi di pari, colleghi o gruppi di riferimento stilistici, come “preppy”, “hipster” o “ratchet”, tra gli altri . Valutiamo ciò che è normale e atteso prestando attenzione al nostro gruppo di riferimento, quindi riproduciamo quelle norme nelle nostre scelte e nel nostro aspetto dei consumatori. In questo modo, il collettivo influenza i nostri valori (di ciò che è bello, carino o appropriato) e il nostro comportamento (cosa acquistiamo e come ci vestiamo).

Le norme di genere sono un altro chiaro esempio di come i gruppi di riferimento modellano i nostri pensieri e comportamenti. Fin dalla giovane età, ragazzi e ragazze ricevono messaggi sia espliciti che impliciti da coloro che li circondano e dai media che dettano le norme di comportamento e aspetto. Man mano che cresciamo, i gruppi di riferimento modellano le nostre abitudini di cura sulla base del genere (rasatura e altre pratiche di rimozione dei peli, acconciatura, ecc.), Come interagiamo con gli altri in base al loro genere, come ci comportiamo fisicamente e comportiamo il nostro corpo e quali ruoli rivestiamo nelle nostre relazioni personali con gli altri (come essere una “buona” moglie o marito, o un figlio o una figlia, per esempio).

Che ne siamo consapevoli o meno, stiamo cercando più gruppi di riferimento che modellano i nostri pensieri e comportamenti su base giornaliera.