Domande e risposte sui diritti di Miranda

“Allora, i miei diritti Miranda sono stati violati?” In molti casi, questa è una domanda a cui solo i tribunali possono rispondere. Non esistono due crimini o indagini penali identiche. Ci sono, tuttavia, alcune procedure che la polizia è tenuta a seguire quando si tratta degli avvertimenti di Miranda e dei diritti delle persone prese in custodia. Di seguito sono riportate alcune risposte alle domande frequenti sui diritti di Miranda e sugli avvisi di Miranda.

È importante ricordare che l’Avvertimento Miranda riguarda l’essere protetti dall’autoincriminazione ai sensi del Quinto Emendamento durante l’interrogatorio, non l’arresto.

Domande e risposte sui diritti di Miranda

Q. A che punto la polizia deve informare un sospetto dei suoi diritti Miranda?

A. Dopo che una persona è stata ufficialmente presa in custodia (trattenuta dalla polizia), ma prima che abbia luogo qualsiasi interrogatorio, la polizia deve informarli del loro diritto al silenzio e alla presenza di un avvocato durante l’interrogatorio. Una persona è considerata “in custodia” ogni volta che viene collocata in un ambiente in cui non crede di essere libera di andarsene.

esempio di calcolo dei costi nella Domanda: La polizia può interrogare i testimoni sulla scena del crimine senza leggere loro i loro diritti di Miranda, e se un testimone si dovesse implicare nel crimine durante l’interrogatorio, le loro dichiarazioni potrebbero essere usate contro di loro in seguito in tribunale.

Se in qualsiasi momento, prima o durante l’interrogatorio, l’individuo interrogato indica, in qualsiasi modo, che desidera rimanere in silenzio, l’interrogatorio deve interrompersi. Se in qualsiasi momento la persona afferma di volere un avvocato, l’interrogatorio deve interrompersi fino a quando non è presente un avvocato. Prima che l’interrogatorio possa continuare, alla persona interrogata deve essere data l’opportunità di conferire con l’avvocato. L’avvocato deve quindi rimanere presente durante ogni ulteriore interrogatorio. 

Q. La polizia può interrogare una persona senza leggere i suoi diritti Miranda?

A. Sì. Gli avvertimenti di Miranda devono essere letti solo prima di interrogare una persona che è stata presa in custodia.

La polizia è tenuta a informare le persone dei loro diritti Miranda solo se intendono interrogarle. Inoltre, gli arresti possono essere effettuati senza che venga dato l’Avvertimento Miranda. Se la polizia decide di interrogare i sospetti dopo averli arrestati, in quel momento deve essere dato l’Avvertimento Miranda.

In situazioni in cui la sicurezza pubblica potrebbe essere messa a repentaglio, la polizia può porre domande senza leggere l’Avvertimento Miranda e qualsiasi prova ottenuta attraverso tale interrogatorio può essere utilizzata contro il sospetto in tribunale.

Q. La polizia può arrestare o trattenere una persona senza leggere i suoi diritti Miranda?

A. Sì, ma fino a quando la persona non è stata informata dei suoi diritti su Miranda, qualsiasi dichiarazione da lei resa durante l’interrogatorio può essere dichiarata inammissibile in tribunale.

Q. Miranda si applica a tutte le dichiarazioni incriminanti fatte alla polizia?

A. No. Miranda non si applica alle dichiarazioni di una persona prima di essere arrestata. Allo stesso modo, Miranda non si applica alle dichiarazioni fatte “spontaneamente” o alle dichiarazioni rese dopo che sono stati dati gli avvertimenti di Miranda.

Q. Se prima dici che non vuoi un avvocato, puoi comunque richiederne uno durante l’interrogatorio?

A. Sì. Una persona interrogata dalla polizia può interrompere l’interrogatorio in qualsiasi momento chiedendo un avvocato e affermando che si rifiuta di rispondere a ulteriori domande fino a quando non è presente un avvocato. Tuttavia, tutte le dichiarazioni rese fino a quel momento durante l’interrogatorio possono essere utilizzate in tribunale.

Q. La polizia può davvero “aiutare” o ridurre le condanne dei sospettati che confessano durante l’interrogatorio?

A. No. Una volta che una persona è stata arrestata, la polizia non ha alcun controllo su come il sistema legale la tratta. Le accuse penali e le condanne sono totalmente a carico dei pubblici ministeri e del giudice. (Vedi: Why People Confess: Tricks of Police Interrogation)

Q. La polizia è tenuta a fornire interpreti per informare le persone sorde dei loro diritti Miranda?

A. Sì. La sezione 504 del Rehabilitation Act del 1973 richiede che i dipartimenti di polizia ricevano qualsiasi forma di assistenza federale per fornire interpreti dei segni qualificati per la comunicazione con le persone ipoudenti che fanno affidamento sulla lingua dei segni. Il Regolamento del Dipartimento di Giustizia (DOJ) ai sensi della Sezione 504, 28 CFR Parte 42, impone specificamente questa sistemazione. Tuttavia, la capacità di interpreti di segni “qualificati” di spiegare accuratamente e completamente gli avvertimenti di Miranda alle persone non udenti viene spesso messa in dubbio. Vedi: Diritti legali: la guida per persone non udenti e ipoudenti dalla Gallaudet University Press.