Il primo cellulare usa e getta

Famoso per essere rimasto, “Abbiamo stampato un telefono”, Randice-Lisa “Randi” Altschul ha ottenuto una serie di brevetti per il primo telefono cellulare usa e getta al mondo nel novembre 1999. Marchio di fabbrica di Phone-Card-Phone®, il dispositivo era lo spessore di tre carte di credito e realizzato con prodotti di carta riciclata. Era un vero telefono cellulare, sebbene fosse progettato solo per i messaggi in uscita. Offre 60 minuti di chiamata e un collegamento a mani libere e gli utenti possono aggiungere più minuti o gettare via il dispositivo una volta esaurito il tempo di chiamata. Sono stati offerti sconti per la restituzione del telefono invece di cestinarlo.

A proposito di Randi Altschul 

Il background di Randi Altschul era nei giocattoli e nei giochi. La sua prima invenzione è stata il Miami Vice Game, un gioco di poliziotti contro spacciatori di cocaina che prende il nome dalla serie televisiva “Miami Vice”. Altschul ha anche inventato il famoso gioco del trentesimo compleanno di Barbie, oltre a un peluche indossabile che ha permesso a un bambino di fare in modo che il giocattolo desse abbracci e un interessante cereale per la colazione. Il cereale aveva la forma di mostri che si dissolvevano in poltiglia quando veniva aggiunto il latte.  

Come è nato il telefono usa e getta

Altschul ha pensato alla sua invenzione dopo che è stata tentata di buttare il cellulare fuori dalla macchina per la frustrazione per una cattiva connessione. Si rese conto che i telefoni cellulari erano troppo costosi per essere gettati via. Dopo aver chiarito l’idea con il suo avvocato specializzato in brevetti e assicurandosi che nessun altro avesse già inventato il telefono usa e getta, Altschul ha brevettato sia il telefono cellulare usa e getta che la sua tecnologia super sottile, chiamata STTTM, insieme all’ingegnere Lee Volte. Volte era il vicepresidente senior della ricerca e sviluppo presso Tyco, l’azienda di produzione di giocattoli, prima di unirsi a Randi Altschul. 

Il telefono cellulare di carta da 2 pollici per 3 pollici è stato prodotto da Dieceland Technologies, azienda di Cliffside Park di Altschul, nel New Jersey. L’intero corpo del telefono, il touchpad e il circuito stampato erano fatti di un substrato di carta. Il telefono cellulare sottilissimo utilizzava un circuito flessibile allungato che era un pezzo unico con il corpo del telefono, parte della tecnologia brevettata STTTM. Il circuito ultrasottile è stato realizzato applicando inchiostri conduttivi metallici alla carta.

“Il circuito stesso è diventato il corpo dell’unità”, ha detto la signora Altschul al New York Times. “È diventato il suo sistema integrato a prova di manomissione perché rompi i circuiti e il telefono si spegne se lo apri”. 

La designer di giocattoli senza precedenti esperienze in elettronica ha sviluppato il telefono circondandosi di esperti che condividevano il suo atteggiamento “concepiscilo, credilo, raggiungilo”, come ha detto a USA Today.

“La più grande risorsa che ho su tutti gli altri in quell’attività è la mia mentalità da giocattolo”, ha detto Altschul al New York Times. “La mentalità di un ingegnere è quella di far durare qualcosa, renderlo durevole. La durata di un giocattolo è di circa un’ora, poi il bambino lo getta via. Lo prendi, ci giochi e – boom – non c’è più”. 

“Sto andando a buon mercato e stupido”, ha detto a The Register. “In termini monetari, voglio essere il prossimo Bill Gates”. 

La tecnologia STTTM ha aperto il potenziale per la creazione di innumerevoli nuovi prodotti elettronici e innumerevoli versioni più economiche di prodotti preesistenti. La tecnologia è stata una pietra miliare nell’innovazione elettronica.