La prima cravatta del collegio elettorale

Il primo pareggio del collegio elettorale nella storia politica americana si verificò nelle elezioni del 1800, ma non furono i due candidati alla presidenza ad essere bloccati. Un candidato alla presidenza e il suo stesso vicepresidente hanno ricevuto lo stesso numero di voti elettorali e la Camera dei Rappresentanti è stata costretta a rompere il pareggio.

Il primo pareggio del collegio elettorale ha portato Thomas Jefferson della Virginia, un candidato democratico-repubblicano, ad essere eletto presidente e vicepresidente Aaron Burr di New York, suo compagno di corsa alle elezioni, nel 1801. Il pareggio ha rivelato un importante falla nella nuova costituzione del paese, che è stata corretta poco tempo dopo.

Come è successo il pareggio del collegio elettorale

I candidati alla presidenza nelle elezioni del 1800 erano Jefferson e il presidente in carica John Adams, un federalista. L’elezione fu una rivincita della gara vinta da Adams quattro anni prima, nel 1796. Jefferson vinse più voti elettorali la seconda volta, però, ottenendo 73 contro 65 di Adams. All’epoca, la Costituzione non consentiva agli elettori di scegliere un vicepresidente, ma ha stabilito che il secondo maggior votante avrebbe ricoperto tale carica.

Invece di scegliere il presidente Jefferson e il vicepresidente Burr, gli elettori hanno fallito il loro piano e invece hanno assegnato a entrambi gli uomini 73 voti elettorali. Ai sensi dell’articolo II, sezione 1 della Costituzione degli Stati Uniti, la responsabilità di rompere il legame è stata affidata alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Come si è rotto il legame del collegio elettorale

Alla delegazione di ogni stato alla Camera è stato dato un voto da assegnare a Jefferson o Burr, da decidere a maggioranza dei suoi membri. Il vincitore doveva ottenere nove dei 16 voti per essere eletto presidente e il ballottaggio iniziò il 6 febbraio 1801. Ci vollero 36 turni di scrutinio per Jefferson per vincere la presidenza il 17 febbraio.

Secondo la Library of Congress:

“Ancora dominato dai federalisti, il Congresso in carica detestava votare per Jefferson, la loro nemesi partigiana. Per sei giorni, a partire dall’11 febbraio 1801, Jefferson e Burr si scontrarono essenzialmente alla Camera. I voti furono contati più di trenta volte, ma nessuno dei due l’uomo conquistò la maggioranza necessaria di nove stati. Alla fine, il federalista James A. Bayard del Delaware, sotto forte pressione e temendo per il futuro dell’Unione, rese nota la sua intenzione di rompere l’impasse. In qualità di rappresentante solitario del Delaware, Bayard controllava l’intero Votazione. Al trentaseiesimo scrutinio, Bayard e altri federalisti della Carolina del Sud, del Maryland e del Vermont hanno votato in bianco, sbloccando la situazione e dando a Jefferson il sostegno di dieci stati, sufficienti per vincere la presidenza “.

Fissare la Costituzione

Il dodicesimo emendamento alla costituzione, ratificato nel 1804, faceva in modo che gli elettori scegliessero presidenti e vicepresidenti separatamente e che uno scenario come quello che si verificò tra Jefferson e Burr nel 1800 non si ripetesse.

Collegio elettorale nei tempi moderni

Non c’è stato un legame con il collegio elettorale nella storia politica moderna, ma un tale stallo è certamente possibile. Ci sono 538 voti elettorali in gioco in ogni elezione presidenziale, ed è ipotizzabile che i due candidati dei maggiori partiti possano ottenerne 269 ciascuno, costringendo la Camera dei Rappresentanti a scegliere il vincitore.

Come si rompe un legame di collegio elettorale

Nelle moderne elezioni americane, i candidati presidenziali e vicepresidenti vengono uniti sul biglietto ed eletti insieme alla carica. Gli elettori non selezionano individualmente il presidente e il vicepresidente.

Ma secondo la Costituzione, è possibile che il candidato alla presidenza di un partito possa essere accoppiato con il candidato alla vicepresidenza del partito avversario nel caso in cui la Camera dei rappresentanti sia chiamata a rompere un legame del Collegio elettorale. Questo perché mentre la Camera spezzerebbe un pareggio per la presidenza, il Senato degli Stati Uniti può scegliere il vicepresidente. Se le due case sono controllate da partiti diversi, potrebbero teoricamente decidere un presidente e un vicepresidente di partiti politici diversi.