Le nuove meraviglie del mondo

Gli imprenditori svizzeri Bernard Weber e Bernard Piccard hanno deciso che era giunto il momento di rinnovare l’elenco originale delle Sette Meraviglie del Mondo, da cui sono state svelate le “Nuove Meraviglie del Mondo”. Tutte le vecchie Sette Meraviglie tranne una sono scomparse dall’elenco aggiornato. Sei dei sette sono siti archeologici, e quei sei e gli avanzi degli ultimi sette – le Piramidi di Giza – sono tutti qui, oltre a un paio di extra che pensiamo avrebbero dovuto fare il taglio.

01 di 09

Piramidi di Giza, Egitto

Mark Brodkin Photography / Getty Images

L’unica “meraviglia” rimasta dalla lista antica, le piramidi sull’altopiano di Giza in Egitto includono tre piramidi principali, la Sfinge e diverse tombe e mastabe più piccole. Costruite da tre diversi faraoni dell’Antico Regno tra il 2613-2494 a.C., le piramidi devono fare la lista delle meraviglie artificiali di chiunque.

02 di 09

Il Colosseo Romano (Italia)

Dosfotos / Design Pics / Getty Images

Il Colosseo (scritto anche Colosseo) fu costruito dall’imperatore romano Vespasiano tra il 68 e il 79 d.C., come anfiteatro per giochi ed eventi spettacolari per il popolo romano. Potrebbe contenere fino a 50,000 persone.

03 di 09

Il Taj Mahal (India)

Phillip Collier

Il Taj Mahal, ad Agra, in India, fu costruito su richiesta dell’imperatore Mughal Shah Jahan nel XVII secolo in memoria di sua moglie e regina Mumtaz Mahal che morì nel 17 AH (1040 d.C.). La squisita struttura architettonica, progettata dal famoso architetto islamico Ustad ‘Isa, fu completata nel 1630.

04 di 09

Machu Picchu (Perù)

Gina Carey

Machu Picchu era la residenza reale del re Inca Pachacuti, governato tra il 1438-1471 d.C. L’enorme struttura si trova sulla sella tra due enormi montagne e ad un’altitudine di 3000 piedi sopra la valle sottostante.

05 di 09

Petra (Giordania)

Peter Unger / Getty Images

Il sito archeologico di Petra era una capitale nabatea, occupata a partire dal VI secolo a.C. La struttura più memorabile – e ce ne sono molte tra cui scegliere – è il Tesoro, o (Al-Khazneh), scavato nella roccia di pietra rossa durante il I secolo a.C.

06 di 09

Chichen Itza (Messico)

Dolan Halbrook

Chichén Itzá è una rovina archeologica della civiltà Maya nella penisola dello Yucatán in Messico. L’architettura del sito ha sia influenze classiche Puuc Maya che Tolteche, rendendola una città affascinante in cui passeggiare. Costruito a partire dal 700 d.C. circa, il sito raggiunse il suo periodo di massimo splendore tra il 900 e il 1100 d.C. circa.

07 di 09

La grande Muraglia cinese

Charlotte Hu

La Grande Muraglia cinese è un capolavoro di ingegneria, inclusi diversi blocchi di mura massicce che si estendono per un’enorme lunghezza di 3,700 miglia (6,000 chilometri) attraverso gran parte di ciò che è la Cina. La Grande Muraglia fu iniziata durante il periodo degli Stati Combattenti della dinastia Zhou (480-221 aC circa), ma fu l’imperatore della dinastia Qin Shihuangdi che iniziò il consolidamento delle mura.

08 di 09

Stonehenge (Inghilterra)

Scott E Barbour / Getty Images

Stonehenge non ha fatto il taglio per le Sette Nuove Meraviglie del Mondo, ma se facessi un sondaggio tra gli archeologi, Stonehenge sarebbe probabilmente presente.
Stonehenge è un monumento rupestre megalitico di 150 enormi pietre incastonate in uno schema circolare mirato, situato nella pianura di Salisbury nell’Inghilterra meridionale, la cui parte principale fu costruita intorno al 2000 aC. Il cerchio esterno di Stonehenge comprende 17 enormi pietre tagliate in posizione verticale di arenaria dura chiamate sarsen; alcuni abbinati a un architrave sopra le righe. Questo cerchio ha un diametro di circa 30 metri (100 piedi) ed è alto circa 5 metri (16 piedi).
Forse non è stato costruito dai druidi, ma è uno dei siti archeologici più conosciuti al mondo e amato da centinaia di generazioni di persone.

09 di 09

Angkor Wat (Cambogia)

Ashit Desai / Getty Images

Angkor Wat è un complesso di templi, anzi la più grande struttura religiosa del mondo, e fa parte della capitale dell’Impero Khmer, che controllava tutta l’area in quello che oggi è il moderno paese della Cambogia, così come parti del Laos e della Thailandia , tra il IX e il XIII secolo d.C.

Il complesso del tempio comprende una piramide centrale di circa 60 metri (200 piedi) di altezza, contenuta in un’area di circa due chilometri quadrati (~ 3/4 di miglio quadrato), circondata da un muro difensivo e da un fossato. Conosciuto per murales mozzafiato di personaggi ed eventi mitologici e storici, Angkor Wat è sicuramente un ottimo candidato per una delle nuove meraviglie del mondo.