La generazione perduta e gli scrittori che hanno descritto il loro mondo

Il termine “Lost Generation” si riferisce alla generazione di persone che hanno raggiunto l’età adulta durante o immediatamente dopo la prima guerra mondiale. Usando il termine “perso”, gli psicologi si riferivano ai sentimenti di “disorientamento, vagabondaggio, senza direzione” che perseguitavano molti sopravvissuti a ciò che era stata una delle guerre più orribili della storia moderna.

In un senso più profondo, la generazione perduta è stata “persa” perché ha trovato i valori morali e sociali conservatori dei loro genitori irrilevanti in un mondo del dopoguerra. Negli Stati Uniti, la politica di “ritorno alla normalità” del presidente Warren G. Harding che chiedeva un ritorno allo stile di vita prima della prima guerra mondiale, lasciò i membri della generazione perduta sentendosi spiritualmente alienati dall’affrontare ciò che credevano sarebbe stato irrimediabilmente provinciale, vite materialistiche ed emotivamente sterili. 

Avendo assistito a quella che consideravano una morte inutile su scala così massiccia durante la guerra, molti membri della generazione hanno rifiutato le idee più tradizionali di comportamento corretto, moralità e ruoli di genere. Erano considerati “persi” a causa della loro tendenza ad agire senza scopo, anche in modo sconsiderato, spesso concentrandosi sull’accumulo edonistico della ricchezza personale.

In letteratura, il termine si riferisce anche a un gruppo di noti autori e poeti americani tra cui Ernest Hemingway, Gertrude Stein, F. Scott Fitzgerald e TS Eliot, le cui opere spesso dettagliavano le lotte interne della “Lost Generation”. 

Si ritiene che il termine derivi da un vero e proprio scambio verbale testimoniato dalla scrittrice Gertrude Stein durante il quale il proprietario di un garage francese disse in modo derisorio al suo giovane impiegato: “Siete tutti una generazione perduta”. La Stein ripeté la frase al suo collega e allievo Ernest Hemingway, che rese popolare il termine quando lo usò come epigrafe del suo classico romanzo del 1926 The Sun Also Rises.

In un’intervista per The Hemingway Project, Kirk Curnutt, autore di diversi libri sugli scrittori Lost Generation, ha suggerito che stavano esprimendo versioni mitizzate delle loro stesse vite.

Ha detto Curnutt:

“Erano convinti di essere il prodotto di una rottura generazionale e volevano catturare l’esperienza di novità nel mondo che li circonda. In quanto tali, tendevano a scrivere di alienazione, costumi instabili come bere, divorzio, sesso e diverse varietà di identità di sé non convenzionali come il piegamento di genere “.

Eccessi decadenti

In tutti i loro romanzi The Sun Also Rises e The Great Gatsby, Hemingway e Fitzgerald presentano lo stile di vita deceduto e autoindulgente dei loro personaggi Lost Generation. Sia in The Great Gatsby che in Tales of the Jazz Age Fitzgerald raffigura un flusso infinito di feste sontuose ospitate dai personaggi principali.

Con i loro valori così completamente distrutti dalla guerra, i circoli di amici americani espatriati in The Sun Also Rises e A Moveable Feast di Hemingway vivono uno stile di vita superficiale ed edonistico, vagando senza meta per il mondo bevendo e facendo festa.

Fallacia del grande sogno americano

I membri della Lost Generation vedevano l’idea del “sogno americano” come un grande inganno. Questo diventa un tema importante in The Great Gatsby quando il narratore della storia Nick Carraway si rende conto che la grande fortuna di Gatsby era stata pagata con grande miseria.

Per Fitzgerald, la visione tradizionale del sogno americano – che il duro lavoro portava al successo – si era corrotta. Per la generazione perduta, “vivere il sogno” non significava più semplicemente costruire una vita autosufficiente, ma diventare incredibilmente ricchi con ogni mezzo necessario.

Flessione di genere e impotenza

Molti giovani entrarono con entusiasmo nella prima guerra mondiale credendo ancora che il combattimento fosse più un passatempo cavalleresco e persino affascinante che una lotta disumana per la sopravvivenza.

Tuttavia, la realtà che hanno vissuto – il brutale massacro di oltre 18 milioni di persone, inclusi 6 milioni di civili – ha distrutto le loro tradizionali immagini di mascolinità e le loro percezioni sui diversi ruoli di uomini e donne nella società.

Rimasto impotente per le sue ferite di guerra, Jake, il narratore e personaggio centrale in The Sun Also Rises di Hemingway, descrive come la sua amante femmina sessualmente aggressiva e promiscua Brett agisce come l’uomo, cercando di essere “uno dei ragazzi” nel tentativo di controllare le vite dei suoi partner sessuali.

Nel poema ironicamente intitolato “The Love Song of J. Alfred Prufrock” di TS Eliot, Prufrock lamenta come il suo imbarazzo per i sentimenti di evirazione lo abbia lasciato sessualmente frustrato e incapace di dichiarare il suo amore per i destinatari femminili senza nome del poema, indicati come “loro. ”

(Diranno: ‘Come stanno diventando sottili i suoi capelli!’)
Il mio cappotto del mattino, il colletto che montava saldamente al mento,
La mia cravatta ricca e modesta, ma affermata da una semplice spilla …
(Diranno: ‘Ma come sono magre le sue braccia e le sue gambe!’)

Nel primo capitolo de Il grande Gatsby di Fitzgerald, Daisy, la fidanzata del trofeo di Gatsby, offre una visione rivelatrice del futuro della figlia appena nata.

“Spero che sarà una stupida, questa è la cosa migliore che una ragazza possa essere al mondo, una bellissima piccola stupida.”                       

In un tema che risuona ancora nel movimento femminista di oggi, le parole di Daisy esprimono l’opinione di Fitzgerald sulla sua generazione come la generazione di una società che ha ampiamente svalutato l’intelligenza delle donne.

Mentre la generazione più anziana apprezzava le donne docili e sottomesse, la generazione perduta considerava la ricerca del piacere senza cervello come la chiave del “successo” di una donna.

Mentre sembrava lamentarsi della visione della sua generazione dei ruoli di genere, Daisy si è conformata a loro, agendo come una “ragazza divertente” per evitare le tensioni del suo vero amore per lo spietato Gatsby.  

Credenza in un futuro impossibile

Incapaci o riluttanti ad affrontare gli orrori della guerra, molti dei Lost Generation hanno creato speranze incredibilmente irrealistiche per il futuro.

Ciò si esprime al meglio nelle righe finali de Il grande Gatsby in cui il narratore Nick ha esposto la visione idealizzata di Daisy di Gatsby che gli aveva sempre impedito di vederla per come era veramente. 

“Gatsby credeva nel via libera, il futuro orgiastico che anno dopo anno si allontana davanti a noi. Allora ci è sfuggito, ma non importa: domani correremo più veloci, allungheremo di più le braccia…. E un bel mattino, così continuammo a battere, barche controcorrente, ricondotti incessantemente nel passato. ”

La “luce verde” nel passaggio è la metafora di Fitzgerald per il futuro perfetto in cui continuiamo a credere anche mentre lo guardiamo allontanarsi sempre più da noi.

In altre parole, nonostante le schiaccianti prove del contrario, la Lost Generation ha continuato a credere che “un bel giorno” i nostri sogni diventeranno realtà.

Una nuova generazione perduta?

Per loro stessa natura, tutte le guerre creano sopravvissuti “perduti”.

Mentre i veterani di combattimento di ritorno sono tradizionalmente morti per suicidio e soffrivano di disturbo da stress post-traumatico (PTSD) a tassi molto più alti rispetto alla popolazione generale, i veterani di ritorno della Guerra del Golfo e delle guerre in Afghanistan e Iraq corrono un rischio ancora maggiore. Secondo un rapporto del 2016 del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti, una media di 20 di questi veterani al giorno muore per suicidio.

Queste guerre “moderne” potrebbero creare una moderna “generazione perduta?” Con ferite mentali spesso più gravi e molto più difficili da trattare rispetto a traumi fisici, molti veterani del combattimento lottano per reintegrarsi nella società civile. Un rapporto della RAND Corporation stima che circa il 20% dei veterani di ritorno soffrirà o svilupperà un disturbo da stress post-traumatico.