Le trame delle rocce ignee

La trama di una roccia si riferisce ai dettagli del suo carattere visibile. Ciò include le dimensioni, la qualità e le interrelazioni dei suoi grani e del tessuto che formano. Le caratteristiche su scala più grande, come fratture e stratificazione, sono considerate strutture rocciose in confronto.

Esistono nove tipi principali di strutture di roccia ignea: faneritiche, vescicolari, afanitiche, porfiriche, poichilitiche, vetrose, piroclastiche, equigranulari e spinifex. Ogni tipo di texture ha una varietà di caratteristiche differenti che le rendono uniche.

Proprietà delle strutture di roccia ignea

Cosa determina la struttura della roccia ignea? Tutto dipende dalla velocità con cui la roccia si raffredda. Altri fattori includono la velocità di diffusione, che è il modo in cui gli atomi e le molecole si muovono attraverso il liquido. Il tasso di crescita dei cristalli è un altro fattore, ed è la velocità con cui nuovi costituenti arrivano sulla superficie del cristallo in crescita. La velocità di nucleazione dei nuovi cristalli, ovvero il modo in cui un numero sufficiente di componenti chimici può unirsi senza dissolversi, è un altro fattore che influenza la struttura.

La struttura è composta da grani e ci sono alcuni tipi principali di grani di roccia ignea: i grani equanti sono quelli con bordi di uguale lunghezza; le forme di compresse rettangolari sono note come grani tabulari; i grani aciculari sono cristalli sottili; le fibre lunghe sono note come grani fibrosi e un grano prismatico è uno che ha diversi tipi di prismi.

01 di 09

Texture afanitica

 James St. John / Flickr

Le rocce afanitiche (“AY-fa-NIT-ic”) hanno grani minerali che sono per lo più troppo piccoli per essere visti ad occhio nudo o con la lente di una mano, come questa riolite. Il basalto è un’altra roccia ignea con la consistenza afanitica.

02 di 09

Texture equigranulare

James St. John / Flickr 

Le rocce con forma equigranulare (“EC-wi-GRAN-ular”) hanno grani minerali che hanno generalmente le stesse dimensioni. Questo esempio è un granito.

03 di 09

Texture vetrosa

 

Michael Szönyi / Getty Images

Le rocce vetrose (o ialine o vitree) non hanno o quasi nessun granello, come in questo basalto pahoehoe rapidamente raffreddato o in ossidiana. La pomice è un altro tipo di roccia ignea con una consistenza vetrosa.

04 di 09

Texture faneritica

 James St. John / Getty Images

Le rocce faneritiche (“FAN-a-RIT-ic”) hanno grani minerali abbastanza grandi da essere visti ad occhio nudo o con la lente di una mano, come questo granito.

05 di 09

Texture Poikilitic

James St. John / Getty Images 

La texture Poikilitic (“POIK-i-LIT-ic”) è quella in cui grandi cristalli, come questo chicco di feldspato, contengono piccoli granelli di altri minerali sparsi al loro interno.

06 di 09

Texture porfirica

 Dorling Kindersley / Getty Images

Le rocce con tessitura porfirica (“POR-fi-RIT-ic”) come questa andesite hanno grani minerali più grandi, o fenocristalli (“FEEN-o-crists”), in una matrice di grani più piccoli. In altre parole, mostrano due dimensioni distintive di grani visibili ad occhio nudo.

07 di 09

Texture piroclastica

 

Mangiwau / Getty Images 

Le rocce con tessitura piroclastica (“PY-ro-CLAS-tic”) sono costituite da pezzi di materiale vulcanico che si creano in un’eruzione esplosiva, come questo tufo saldato.

08 di 09

Texture Spinifex

 James St. John / Flickr

La tessitura Spinifex, che si trova solo nella komatiite, è costituita da grandi cristalli platino incrociati di olivina. Spinifex è un’erba spinosa australiana.

09 di 09

Texture vescicolare

 James St. John / Flickr

Le rocce con tessitura vescicolare (“ve-SIC-ulare”) sono piene di bolle. Indica sempre una roccia vulcanica, come questa scoria.