L’inventore Laszlo Biro e la battaglia delle penne a sfera

“Nessun uomo era più sciocco quando non aveva una penna in mano, o più saggio quando l’aveva”. Samuel Johnson.

Un giornalista ungherese di nome Laszlo Biro inventò la prima penna a sfera nel 1938. Biro aveva notato che l’inchiostro utilizzato nella stampa dei giornali si asciugava rapidamente, lasciando la carta priva di sbavature, così decise di creare una penna usando lo stesso tipo di inchiostro. Ma l’inchiostro più spesso non scorreva da un pennino normale. Biro ha dovuto escogitare un nuovo tipo di punto. Lo ha fatto inserendo la sua penna con un minuscolo cuscinetto a sfera nella punta. Mentre la penna si muoveva lungo la carta, la sfera ruotava, raccogliendo l’inchiostro dalla cartuccia e lasciandolo sulla carta. 

Brevetti del Bureau

Questo principio della penna a sfera risale in realtà a un brevetto del 1888 di proprietà di John Loud per un prodotto progettato per marcare la pelle, ma questo brevetto non è stato sfruttato commercialmente. Biro brevettò per la prima volta la sua penna nel 1938 e ne fece domanda per un altro brevetto nel giugno 1943 in Argentina, dopo che lui e suo fratello vi emigrarono nel 1940. 

Il governo britannico ha acquistato i diritti di licenza per il brevetto di Biro durante la seconda guerra mondiale. La Royal Air Force britannica aveva bisogno di una nuova penna che non colasse ad altitudini più elevate negli aerei da combattimento come facevano le penne stilografiche. La prestazione di successo della penna a sfera per l’Air Force ha portato le penne di Biro alla ribalta. Sfortunatamente, Biro non aveva mai ottenuto un brevetto statunitense per la sua penna, quindi un’altra battaglia era appena iniziata anche quando la seconda guerra mondiale era finita. 

La battaglia delle penne a sfera 

Nel corso degli anni sono stati apportati molti miglioramenti alle penne in generale, portando a una battaglia sui diritti dell’invenzione di Biro. La neonata Eterpen Company in Argentina ha commercializzato la penna Biro dopo che i fratelli Biro hanno ricevuto i loro brevetti lì. La stampa ha salutato il successo del loro strumento di scrittura perché potrebbe scrivere per un anno senza ricaricare.

Poi, nel maggio 1945, Eversharp Company ha collaborato con Eberhard-Faber per acquisire i diritti esclusivi di Biro Pens of Argentina. La penna è stata rinominata “Eversharp CA”, che stava per “azione capillare”. È stato rilasciato alla stampa con mesi di anticipo rispetto alle vendite pubbliche.

Meno di un mese dopo che Eversharp / Eberhard concluse l’accordo con Eterpen, un uomo d’affari di Chicago, Milton Reynolds, visitò Buenos Aires nel giugno 1945. Notò la penna Biro mentre era in un negozio e ne riconobbe il potenziale di vendita. Ne comprò alcuni come campioni e tornò in America per lanciare la Reynolds International Pen Company, ignorando i diritti di brevetto di Eversharp.

Reynolds copiò la penna Biro entro quattro mesi e iniziò a vendere il suo prodotto alla fine di ottobre 1945. Lo chiamò “Reynolds Rocket” e lo rese disponibile presso i grandi magazzini Gimbel a New York City. L’imitazione di Reynolds ha battuto Eversharp sul mercato e ha avuto immediatamente successo. Al prezzo di $ 12.50 l’una, le penne per un valore di $ 100,000 sono state vendute nel loro primo giorno sul mercato.

La Gran Bretagna non era molto indietro. La Miles-Martin Pen Company vendette al pubblico le prime penne a sfera nel Natale del 1945. 

La penna a sfera diventa una moda passeggera

Le penne a sfera erano garantite per scrivere per due anni senza ricariche e i venditori affermavano che erano a prova di sbavature. Reynolds pubblicizzò la sua penna come una penna in grado di “scrivere sott’acqua”.

Quindi Eversharp ha citato in giudizio Reynolds per aver copiato il progetto che Eversharp aveva acquisito legalmente. Il brevetto del 1888 di John Loud avrebbe invalidato le affermazioni di tutti, ma nessuno lo sapeva all’epoca. Le vendite salirono alle stelle per entrambi i concorrenti, ma la penna di Reynolds tendeva a perdere e saltare. Spesso non è riuscito a scrivere. Anche la penna di Eversharp non era all’altezza delle sue stesse pubblicità. Si è verificato un volume molto elevato di restituzioni della penna sia per Eversharp che per Reynolds.

La moda della penna a sfera si è conclusa a causa dell’infelicità dei consumatori. Le frequenti guerre dei prezzi, i prodotti di scarsa qualità e le pesanti spese pubblicitarie danneggiarono entrambe le società nel 1948. Le vendite crollarono. Il prezzo richiesto originale di $ 12.50 è sceso a meno di 50 centesimi per penna.

The Jotter 

Nel frattempo, le penne stilografiche hanno sperimentato una rinascita della loro vecchia popolarità quando l’azienda di Reynolds ha chiuso. Poi Parker Pen ha introdotto la sua prima penna a sfera, la Jotter, nel gennaio 1954. La Jotter ha scritto cinque volte più a lungo delle penne Eversharp o Reynolds. Aveva una varietà di dimensioni di punti, una cartuccia rotante e ricariche di inchiostro di grande capacità. Soprattutto, ha funzionato. Parker ha venduto 3.5 milioni di Jotters a prezzi da $ 2.95 a $ 8.75 in meno di un anno.

La battaglia con la penna a sfera è vinta 

Nel 1957, Parker aveva introdotto il cuscinetto a sfere testurizzato in carburo di tungsteno nelle sue penne a sfera. Eversharp era in gravi difficoltà finanziarie e ha cercato di tornare a vendere penne stilografiche. L’azienda ha venduto la sua divisione penne a Parker Pens e Eversharp ha finalmente liquidato le sue attività negli anni ‘1960.

Poi è arrivato Bic 

Il barone francese Bich abbandonò la “H” dal suo nome e iniziò a vendere penne chiamate BIC nel 1950. Alla fine degli anni Cinquanta, BIC deteneva il 70% del mercato europeo. 

BIC acquistò il 60% delle penne Waterman con sede a New York nel 1958 e nel 100 possedeva il 1960% delle penne Waterman. L’azienda vendeva penne a sfera negli Stati Uniti per 29 centesimi fino a 69 centesimi.

Penne a sfera oggi 

BIC domina il mercato nel 21 ° secolo. Parker, Sheaffer e Waterman conquistano mercati di lusso più piccoli di penne stilografiche e costose penne a sfera. La versione moderna molto popolare della penna di Laszlo Biro, la BIC Crystal, ha una cifra di vendita giornaliera in tutto il mondo di 14 milioni di pezzi. Biro è ancora il nome generico utilizzato per la penna a sfera utilizzata nella maggior parte del mondo.