La storia degli strumenti hardware

Artigiani e costruttori utilizzano strumenti manuali hardware per svolgere attività di lavoro manuale come tagliare, scalpellare, segare, limare e forgiare. Sebbene la data dei primi strumenti sia incerta, i ricercatori hanno trovato attrezzature nel Kenya settentrionale che potrebbero avere circa 2.6 milioni di anni. Oggi, alcuni degli strumenti più popolari includono motoseghe, chiavi inglesi e seghe circolari, ognuna delle quali ha la sua storia unica.  

01 di 05

Seghe a catena

Mathias Isenberg / Flickr / CC BY-ND 2.0

Diversi importanti produttori di motoseghe affermano di aver inventato il primo.

Alcuni, ad esempio, accreditano l’inventore californiano di nome Muir come la prima persona a mettere una catena su una lama per scopi di disboscamento. Ma l’invenzione di Muir pesava centinaia di libbre, richiedeva una gru e non fu né un successo commerciale né pratico.

Nel 1926, l’ingegnere meccanico tedesco Andreas Stihl brevettò la “sega a catena di taglio per l’energia elettrica”. Nel 1929 brevettò anche la prima catena a benzina, che chiamò “macchina per l’abbattimento degli alberi”. Questi furono i primi brevetti di successo per motoseghe mobili portatili progettate per il taglio del legno. Andreas Stihl è spesso considerato l’inventore della motosega mobile e motorizzata.

Infine, Atom Industries ha iniziato a produrre le proprie motoseghe nel 1972. È stata la prima azienda di motoseghe al mondo a offrire una gamma completa di motoseghe con accensioni elettroniche brevettate e filtri dell’aria autopulenti ad azione turbo brevettati.

02 di 05

Seghe circolari

Mark Hunter / Flickr / CC BY 2.0

Le seghe circolari di grandi dimensioni, una sega a disco di metallo tondo che taglia per filatura si trovano nelle segherie e vengono utilizzate per produrre legname. Samuel Miller ha inventato la sega circolare nel 1777, ma è stata Tabitha Babbitt, una sorella di Shaker, a inventare la prima sega circolare utilizzata in una segheria nel 1813.

Babbitt stava lavorando nella casa di filatura presso la comunità di Harvard Shaker in Massachusetts quando ha deciso di migliorare le seghe a due persone che venivano utilizzate per la produzione di legname. Babbitt è anche accreditato di aver inventato una versione migliorata di unghie tagliate, un nuovo metodo per realizzare denti finti e una testa di ruota che gira migliorata.

03 di 05

Il manometro a molla Bourdon

Funtay / Getty Images

Il manometro a tubo Bourdon è stato brevettato in Francia da Eugene Bourdon nel 1849. È ancora uno degli strumenti più comuni utilizzati per misurare la pressione di liquidi e gas, inclusi vapore, acqua e aria fino a pressioni di 100,000 libbre per pollice quadrato .

Bourdon ha anche fondato la Bourdon Sedeme Company per produrre la sua invenzione. Edward Ashcroft in seguito acquistò i diritti di brevetto americano nel 1852. Fu Ashcroft a svolgere un ruolo importante nell’adozione diffusa della potenza a vapore negli Stati Uniti. Ribattezzò l’indicatore di Bourdon e lo chiamò indicatore di Ashcroft. 

04 di 05

Plyers, pinze e pinze

Campi JC / Wikimedia Commons / Creative Commons

Le pieghe sono strumenti manuali utilizzati principalmente per trattenere e afferrare oggetti. Gli strati semplici sono un’invenzione antica in quanto due bastoncini probabilmente servivano come primi supporti incerti. Sembra però che le barre di bronzo possano aver sostituito le pinze di legno già nel 3000 a.C.

Esistono anche vari tipi di pinze. Le pinze a punta tonda vengono utilizzate per piegare e tagliare il filo. Le pinze per il taglio diagonale vengono utilizzate per tagliare fili e piccoli perni in aree che non possono essere raggiunte da utensili da taglio più grandi. Le pinze regolabili con giunto scorrevole hanno ganasce scanalate con un foro di perno allungato in un elemento in modo che possa ruotare in una delle due posizioni per afferrare oggetti di dimensioni diverse.

05 di 05

Chiavi

Ildar Sagdejev (Specious) / Wikimedia Commons / Creative Commons

Una chiave inglese, chiamata anche chiave inglese, è uno strumento tipicamente manuale utilizzato per serrare bulloni e dadi. Lo strumento funziona come una leva con tacche alla bocca per la presa. La chiave viene tirata ad angolo retto rispetto agli assi dell’azione della leva e del bullone o del dado. Alcune chiavi hanno bocche che possono essere strette per adattarsi meglio a vari oggetti che devono essere ruotati.

Solymon Merrick brevettò la prima chiave inglese nel 1835. Un altro brevetto fu concesso a Daniel C. Stillson, un vigile del fuoco di un battello a vapore, per una chiave inglese nel 1870. Stillson è l’inventore della chiave inglese. La storia era che egli suggerì alla società di riscaldamento e tubazioni Walworth di produrre un progetto per una chiave che potesse essere utilizzata per avvitare i tubi insieme. Gli fu detto di fare un prototipo e “o svitare il tubo o rompere la chiave”. Il prototipo di Stillson ha attorcigliato il tubo con successo. Il suo progetto è stato quindi brevettato e Walworth lo ha prodotto. Stillson è stato pagato circa $ 80,000 di royalties per la sua invenzione durante la sua vita.

Alcuni inventori avrebbero successivamente introdotto le proprie chiavi inglesi. Charles Moncky ha inventato la prima chiave inglese intorno al 1858. Robert Owen, Jr. ha inventato la chiave a cricchetto, ricevendone un brevetto nel 1913. L’ingegnere John Vranish della NASA / Goddard Space Flight Center (GSFC) è accreditato per aver inventato l’idea per una chiave “senza cricchetto”.