5 presidenti indipendenti che hanno vinto nella storia degli Stati Uniti

Se pensate che lanciare una campagna presidenziale indipendente sia una follia – le possibilità di vittoria sono infinitesimali – considerate l’impatto che Ralph Nader, Ross Perot e altri come loro hanno avuto sul processo elettorale.

Ross Perot

Il miliardario texano Ross Perot ha vinto un sorprendente 19% dei voti popolari nelle elezioni presidenziali del 1992 in quello che molti credevano fosse l’inizio di un terzo partito nella politica americana. Il democratico Bill Clinton ha vinto le elezioni e ha spodestato il presidente repubblicano in carica George HW Bush, una rara sconfitta nella politica americana. Perot ha anche vinto il 6% dei voti popolari nelle elezioni del 2006.

Ralph Nader

Il difensore dei consumatori e dell’ambiente Ralph Nader ha vinto quasi il 3% dei voti popolari nelle prossime elezioni presidenziali del 2000. Molti osservatori, principalmente democratici, accusano Nader di costare l’elezione al vicepresidente Al Gore contro il candidato repubblicano George W. Bush.

John B. Anderson

Il nome di Anderson è uno di quelli che pochi americani ricordano. Ma ha vinto quasi il 7% dei voti popolari nelle elezioni presidenziali del 1980 vinte dal repubblicano Ronald Reagan, che ha spinto il democratico Jimmy Carter fuori dalla Casa Bianca dopo un mandato. Molte persone hanno incolpato Anderson per la perdita di Carter.

George Wallace

Nel 1968 Wallace vinse il 14% dei voti popolari. Il repubblicano Richard Nixon ha sconfitto il democratico Hubert Humphrey in quelle elezioni, ma la prestazione di Wallace è stata impressionante per un candidato indipendente americano.

Theodore Roosevelt

Roosevelt vinse più del 27% dei voti nel 1912 quando si candidò progressista. Non ha vinto. Ma portare un quarto dei voti è impressionante, soprattutto se si considera che il candidato repubblicano, William Howard Taft, aveva solo il 23%. Il democratico Woodrow Wilson ha vinto con il 42% dei voti.