Immagini e curiosità sui presidenti degli Stati Uniti

Il primo presidente degli Stati Uniti ha prestato giuramento il 30 aprile 1789 e da allora il mondo ha visto una lunga fila di presidenti ciascuno con il proprio posto nella storia del paese. Scopri le persone che hanno servito la più alta carica d’America.

01 di 45

George Washington

John Parrot / Stocktrek Images

George Washington (dal 22 febbraio 1732 al 14 dicembre 1799) fu il primo presidente degli Stati Uniti, in servizio dal 1789 al 1797. Stabilì un certo numero di tradizioni ancora oggi osservate, incluso l’essere chiamato “Signor Presidente”. Ha reso il Ringraziamento una festa nazionale nel 1789 e ha firmato la prima legge sul copyright nel 1790. Ha posto il veto solo a due progetti di legge durante tutto il suo tempo in carica. Washington detiene il record per il discorso inaugurale più breve mai visto. Erano solo 135 parole e ci sono voluti meno di due minuti per consegnare. 

02 di 45

John Adams

Archivi nazionali / Getty Images

John Adams (dal 30 ottobre 1735 al 4 luglio 1826) prestò servizio dal 1797 al 1801. Era il secondo presidente della nazione e in precedenza era stato vicepresidente di George Washington. Adams è stato il primo a vivere alla Casa Bianca; lui e sua moglie Abigail si trasferirono nel palazzo dei dirigenti nel 1800 prima che fosse completamente completato. Durante la sua presidenza, è stato creato il Corpo dei Marines, così come la Biblioteca del Congresso. Durante la sua amministrazione furono approvati anche gli Alien and Sedition Acts, che limitavano il diritto degli americani di criticare il governo. Adams detiene anche il primato di essere il primo presidente in carica ad essere sconfitto per un secondo mandato. 

03 di 45

Thomas Jefferson

John Parrot / Stocktrek Images

Thomas Jefferson (13 aprile 1743 – 4 luglio 1826) ha servito due mandati dal 1801 al 1809. È accreditato di aver scritto la bozza originale della Dichiarazione di Indipendenza. Le elezioni hanno funzionato in modo leggermente diverso nel 1800. Anche i vicepresidenti dovevano correre, separatamente e da soli. Jefferson e il suo compagno di corsa, Aaron Burr, hanno entrambi ricevuto lo stesso identico numero di voti elettorali. La Camera dei Rappresentanti ha dovuto votare per decidere le elezioni. Jefferson ha vinto. Durante il suo mandato, è stato completato l’acquisto della Louisiana, che ha quasi raddoppiato le dimensioni della giovane nazione. 

04 di 45

James Madison

American School / Getty Images

James Madison (dal 16 marzo 1751 al 28 giugno 1836) gestì il paese dal 1809 al 1817. Era minuscolo, alto solo 5 piedi e 4 pollici, basso anche per gli standard del 19 ° secolo. Nonostante la sua statura, è stato uno dei due soli presidenti americani a prendere attivamente in mano le armi e ad entrare in battaglia; Abraham Lincoln era l’altro. Madison partecipò alla guerra del 1812 e dovette prendere in prestito le due pistole che aveva portato con sé. Durante i suoi due mandati, Madison ha avuto due vicepresidenti, entrambi morti in carica. Ha rifiutato di nominarne un terzo dopo la seconda morte.  

05 di 45

James Monroe

BIBLIOTECA DI IMMAGINI DEA / Getty Images

James Monroe (dal 28 aprile 1758 al 4 luglio 1831) prestò servizio dal 1817 al 1825. Ha la particolarità di aver corso incontrastato per il suo secondo mandato nel 1820. Tuttavia, non ricevette il 100% dei voti elettorali perché un elettore del New Hampshire non gli piaceva e si rifiutava di votare per lui. Morì il XNUMX luglio, così come Thomas Jefferson, John Adams e Zachary Taylor. 

06 di 45

John Quincy Adams

DEA / M. SEEMULLER / Getty Images

John Quincy Adams (dall’11 luglio 1767 al 23 febbraio 1848) ha la particolarità di essere il primo figlio di un presidente (John Adams) ad essere eletto presidente lui stesso. Ha prestato servizio dal 1825 al 1829. Laureato ad Harvard, era un avvocato prima di entrare in carica, anche se in realtà non ha mai frequentato la facoltà di legge. Quattro uomini si candidarono alla presidenza nel 1824 e nessuno ottenne abbastanza voti elettorali per assumere la presidenza, gettando l’elezione nella Camera dei Rappresentanti, che diede la presidenza ad Adams. Dopo aver lasciato l’incarico, Adams ha continuato a servire alla Camera dei Rappresentanti, l’unico presidente a farlo. 

07 di 45

Andrew Jackson

Hulton Archive / Stringer / Getty Images

Andrew Jackson (dal 15 marzo 1767 all’8 giugno 1845) fu uno di quelli che perse contro John Quincy Adams nelle elezioni del 1824, nonostante avesse ottenuto i voti più popolari in quelle elezioni. Quattro anni dopo, Jackson ha avuto l’ultima risata, sventando la ricerca di Adams per un secondo mandato. Jackson continuò a servire due mandati dal 1829 al 1837. Soprannominato “Old Hickory”, le persone dell’era di Jackson tendevano ad amare o odiare il suo stile populista. Jackson si è affrettato ad afferrare le sue pistole quando ha sentito che qualcuno lo aveva offeso e si è impegnato in numerosi duelli nel corso degli anni. È stato colpito due volte nel processo e ha ucciso anche un avversario. 

08 di 45

Martin Van Buren

benoitb / Getty Images

Martin Van Buren (5 dicembre 1782 – 24 luglio 1862) prestò servizio dal 1837 al 1841. Fu il primo “vero” americano a ricoprire la carica perché fu il primo a essere nato dopo la rivoluzione americana. Van Buren ha il merito di aver introdotto il termine “OK” nella lingua inglese. Il suo soprannome era “Old Kinderhook”, coniato dal villaggio di New York dove era nato. Quando corse per la rielezione nel 1840, i suoi sostenitori si radunarono per lui con cartelli che dicevano “OK!” Ha perso comunque contro William Henry Harrison, clamorosamente così: 234 voti elettorali a soli 60. 

09 di 45

William Henry Harrison

traveller1116 / Getty Images

William Henry Harrison (9 febbraio 1773 – 4 aprile 1841) Detiene la dubbia distinzione di essere stato il primo presidente a morire mentre era in carica. Fu anche un breve periodo; Harrison morì di polmonite solo un mese dopo aver pronunciato il suo discorso inaugurale nel 1841. Da giovane, Harrison si guadagnò il plauso combattendo i popoli indigeni nella battaglia di Tippecanoe. È stato anche il primo governatore del territorio dell’Indiana. 

10 di 45

John Tyler

traveller1116 / Getty Images

John Tyler (dal 29 marzo 1790 al 18 gennaio 1862) prestò servizio dal 1841 al 1845 dopo che William Henry Harrison morì in carica. Tyler era stato eletto vice presidente come membro del partito Whig, ma come presidente si è scontrato ripetutamente con i leader del partito al Congresso. I Whigs in seguito lo hanno espulso dalla festa. In parte a causa di questa discordia, Tyler è stato il primo presidente ad avere un veto sul suo annullato. Un simpatizzante del sud e un convinto sostenitore dei diritti degli stati, Tyler in seguito votò a favore della secessione della Virginia dall’Unione e prestò servizio al congresso confederato. 

11 di 45

James K. Polk

viaggiatore1116

James K. Polk (dal 2 novembre 1795 al 15 giugno 1849) entrò in carica nel 1845 e prestò servizio fino al 1849. Fu il primo presidente a farsi fotografare poco prima di lasciare l’incarico e il primo ad essere introdotto con la canzone ” Ave al capo.” È entrato in carica all’età di 49 anni, il presidente più giovane che abbia mai servito in quel momento. Ma le sue feste alla Casa Bianca non erano poi così popolari: Polk proibiva alcol e balli. Durante la sua presidenza, gli Stati Uniti hanno emesso il loro primo francobollo. Polk è morto di colera solo tre mesi dopo aver lasciato l’incarico. 

12 di 45

Zachary Taylor

wynnter / Getty Images

Zachary Taylor (dal 24 novembre 1784 al 9 luglio 1850) subentrò nel 1849, ma la sua fu un’altra presidenza di breve durata. Era lontanamente imparentato con James Madison, il quarto presidente del paese, ed era un discendente diretto dei pellegrini che arrivarono sul Mayflower. Era ricco e lui stesso uno schiavo, ma non prese una posizione estremamente favorevole alla schiavitù quando era in carica, rifiutandosi di promuovere una legislazione che avrebbe reso la schiavitù legale in altri stati. Taylor è stato il secondo presidente a morire in carica. Morì di gastroenterite durante il suo secondo anno in carica. 

13 di 45

Millard Fillmore

Fine Art / Getty Images

Millard Fillmore (dal 7 gennaio 1800 all’8 marzo 1874) fu vicepresidente di Taylor e servì da presidente dal 1850 al 1853. Non si prese mai la briga di nominare il proprio vice presidente, facendolo da solo. Con la Guerra Civile alle porte, Fillmore cercò di tenere unita l’Unione cercando l’approvazione del Compromesso del 1850, che proibiva la schiavitù nel nuovo stato della California, ma rafforzava anche le leggi sul ritorno dei cercatori di libertà. Gli abolizionisti del Nord del Fillmore’s Whig Party non l’hanno visto favorevolmente e non è stato nominato per un secondo mandato. Fillmore ha quindi cercato la rielezione con il biglietto del Partito Know-Nothing, ma ha perso. 

14 di 45

Franklin Pierce

Collezione Smith / Gado / Getty Images

Franklin Pierce (dal 23 novembre 1804 all’8 ottobre 1869) prestò servizio dal 1853 al 1857. Come il suo predecessore, Pierce era un nordista con simpatie meridionali. Nel gergo del tempo, questo lo rendeva un “faccione”. Durante la presidenza di Pierce, gli Stati Uniti acquisirono il territorio nell’attuale Arizona e nel New Mexico per 10 milioni di dollari dal Messico in una transazione chiamata Gadsden Purchase. Pierce si aspettava che i Democratici lo nominassero per un secondo mandato, cosa che non si è verificata. Ha sostenuto il Sud nella Guerra Civile e corrispondeva regolarmente con Jefferson Davis, presidente della Confederazione.

15 di 45

James Buchanan

Hulton Archive / Stringer / Getty Images

James Buchanan (23 aprile 1791-1 giugno 1868) prestò servizio dal 1857 al 1861. Detiene quattro distinzioni come presidente. Primo, era l’unico presidente single; durante la sua presidenza, la nipote di Buchanan, Harriet Rebecca Lane Johnston, ricoprì il ruolo cerimoniale normalmente occupato dalla first lady. In secondo luogo, Buchanan è l’unico della Pennsylvania ad essere eletto presidente. Terzo, era l’ultimo dei leader della nazione a essere nato nel XVIII secolo. Infine, la presidenza di Buchanan è stata l’ultima prima dello scoppio della guerra civile. 

16 di 45

Abraham Lincoln

Buyenlarge / Getty Images

Abraham Lincoln (dal 12 febbraio 1809 al 15 aprile 1865) prestò servizio dal 1861 al 1865. La guerra civile scoppiò poche settimane dopo la sua inaugurazione e avrebbe dominato il suo mandato. È stato il primo repubblicano a ricoprire la carica di presidente. Lincoln è forse meglio conosciuto per aver firmato la proclamazione di emancipazione il 1 ° gennaio 1863, che ha liberato le persone schiavizzate della Confederazione. Meno noto è il fatto che osservò personalmente i combattimenti della Guerra Civile durante la battaglia di Fort Stevens nel 1864, dove finì sotto il fuoco. Lincoln fu assassinato da John Wilkes Booth al Ford’s Theatre di Washington, DC, il 14 aprile 1865. 

17 di 45

Andrew Johnson

Print Collector / Getty Images

Andrew Johnson (dal 29 dicembre 1808 al 31 luglio 1875) fu presidente dal 1865 al 1869. In qualità di vicepresidente di Abraham Lincoln, Johnson salì al potere dopo l’assassinio di Lincoln. Johnson detiene la dubbia distinzione di essere stato il primo presidente ad essere messo sotto accusa. Un democratico del Tennessee, Johnson ha resistito alla politica di ricostruzione del Congresso dominata dai repubblicani e si è scontrato ripetutamente con i legislatori. Dopo che Johnson licenziò il Segretario alla Guerra Edwin Stanton, fu messo sotto accusa nel 1868, sebbene fosse stato assolto al Senato con un solo voto.

18 di 45

Ulysses S. Grant

traveller1116 / Getty Images

Ulysses S. Grant (dal 27 aprile 1822 al 23 luglio 1885) prestò servizio dal 1869 al 1877. In qualità di generale che guidò l’esercito dell’Unione alla vittoria nella guerra civile, Grant fu immensamente popolare e vinse le sue prime elezioni presidenziali con un enorme successo. Nonostante la reputazione di corruzione – un certo numero di nominati e amici di Grant sono stati coinvolti in scandali politici durante i suoi due mandati – Grant ha anche avviato vere riforme che hanno aiutato i neri americani e le popolazioni indigene. La “S” nel suo nome è stato l’errore di un membro del Congresso che l’ha scritta in modo sbagliato: il suo vero nome era Hiram Ulysses Grant. 

19 di 45

Rutherford B. Hayes

Archivi nazionali / Getty Images

Rutherford B. Hayes (4 ottobre 1822 – 17 gennaio 1893) prestò servizio dal 1877 al 1881. La sua elezione fu una delle più controverse perché Hayes non solo perse il voto popolare, ma fu eletto in carica da una commissione elettorale. Hayes ha la particolarità di essere il primo presidente a usare un telefono: Alexander Graham Bell ne installò personalmente uno alla Casa Bianca nel 1879. Hayes è anche responsabile dell’inizio dell’annuale Easter Egg Roll sul prato della Casa Bianca. 

20 di 45

James Garfield

Epics / Getty Images

James Garfield (19 novembre 1831-19 settembre 1881) fu inaugurato nel 1881, ma non avrebbe prestato servizio a lungo. Fu assassinato il 2 luglio 1881, mentre aspettava un treno a Washington. È stato colpito ma è sopravvissuto, solo per morire per avvelenamento del sangue pochi mesi dopo. I medici non sono riusciti a recuperare il proiettile e si ritiene che tutte le loro ricerche con strumenti impuri alla fine lo abbiano ucciso. È stato l’ultimo presidente degli Stati Uniti a essere nato in una capanna di tronchi. 

21 di 45

Chester A. Arthur

Archivio Bettmann / Getty Images

Chester A. Arthur (dal 5 ottobre 1829 al 18 novembre 1886) prestò servizio dal 1881 al 1885. Era il vicepresidente di James Garfield. Questo lo rende uno dei tre presidenti che hanno prestato servizio nel 1881, l’unica volta che tre persone hanno ricoperto la carica nello stesso anno: Hayes ha lasciato l’incarico a marzo e Arthur ha assunto quando Garfield è morto a settembre. Secondo quanto riferito, Arthur era un cassettone scattante, possedeva almeno 80 paia di pantaloni, e aveva assunto il suo cameriere personale per occuparsi del suo guardaroba. 

22 di 45

Grover Cleveland

Oscar White / Getty Images

Grover Cleveland (dal 18 marzo 1837 al 24 giugno 1908) ha servito due mandati, a partire dal 1885, ma è l’unico presidente i cui mandati non sono stati consecutivi. Dopo aver perso la rielezione, corse di nuovo nel 1893 e vinse. Sarebbe stato l’ultimo democratico a detenere la presidenza fino a Woodrow Wilson nel 1914. Il suo primo nome era in realtà Stephen, ma preferiva il suo secondo nome, Grover. Con più di 250 libbre, era il secondo presidente più pesante mai servito; solo William Taft era più pesante. 

23 di 45

Benjamin Harrison

Archivio Hulton / Getty Images

Benjamin Harrison (20 agosto 1833 – 13 marzo 1901) prestò servizio dal 1889 al 1893. È l’unico nipote di un presidente (William Henry Harrison) a ricoprire anche la carica. Anche Harrison è degno di nota per aver perso il voto popolare. Durante il mandato di Harrison, che è stato inserito tra i due mandati di Grover Cleveland, la spesa federale ha raggiunto per la prima volta 1 miliardo di dollari all’anno. La Casa Bianca è stata cablata per la prima volta per l’elettricità mentre era in residenza, ma si dice che lui e sua moglie si siano rifiutati di toccare gli interruttori della luce per paura che venissero fulminati. 

24 di 45

William McKinley

Library of Congress / Getty Images

William McKinley (dal 29 gennaio 1843 al 14 settembre 1901) prestò servizio dal 1897 al 1901. Fu il primo presidente a viaggiare in automobile, il primo a fare una campagna per telefono e il primo a vedere la sua inaugurazione registrata su pellicola. Durante il suo mandato, gli Stati Uniti invasero Cuba e le Filippine come parte della guerra ispano-americana. Anche le Hawaii sono diventate un territorio degli Stati Uniti durante la sua amministrazione. McKinley fu assassinato il 5 settembre 1901 all’Esposizione Panamericana di Buffalo, New York. Si è attardato fino al 14 settembre, quando ha ceduto alla cancrena causata dalla ferita. 

25 di 45

Theodore Roosevelt

Library of Congress / Getty Images

Theodore Roosevelt (dal 27 ottobre 1858 al 6 gennaio 1919) prestò servizio dal 1901 al 1909. Era il vice presidente di William McKinley. Fu il primo presidente a lasciare il suolo statunitense mentre era in carica quando si recò a Panama nel 1906, e nello stesso anno divenne il primo americano a vincere il Premio Nobel. Come il suo predecessore, Roosevelt era l’obiettivo di un tentativo di omicidio. Il 14 ottobre 1912, a Milwaukee, un uomo sparò al presidente. Il proiettile si è conficcato nel petto di Roosevelt, ma è stato notevolmente rallentato dal discorso denso che aveva nel taschino della giacca. Imperterrito, Roosevelt ha insistito per tenere il discorso prima di cercare cure mediche.

26 di 45

William Howard Taft

Library of Congress

William Henry Taft (dal 15 settembre 1857 all’8 marzo 1930) prestò servizio dal 1909 al 1913 ed era il vicepresidente di Theodore Roosevelt e successore scelto a mano. Taft una volta definì la Casa Bianca “il posto più solitario del mondo” e fu sconfitto per la rielezione quando Roosevelt si candidò con un biglietto di terzi e divise il voto repubblicano. Nel 1921, Taft fu nominato capo della giustizia della Corte Suprema degli Stati Uniti, rendendolo l’unico presidente a servire anche nella più alta corte della nazione. È stato il primo presidente a possedere un’automobile in carica e il primo a lanciare il primo lancio cerimoniale in una partita di baseball professionale. Con 330 sterline, Taft era anche il presidente più pesante.

27 di 45

Woodrow Wilson

Immagine Stock Montage / Getty

Woodrow Wilson (dal 28 dicembre 1856 al 3 febbraio 1924) prestò servizio dal 1913 al 1920. Fu il primo democratico a ricoprire la carica di presidente dai tempi di Grover Cleveland e il primo ad essere rieletto dai tempi di Andrew Jackson. Durante il suo primo mandato, Wilson ha istituito l’imposta sul reddito. Sebbene abbia trascorso gran parte della sua amministrazione promettendo di tenere gli Stati Uniti fuori dalla prima guerra mondiale, chiese al Congresso di dichiarare guerra alla Germania nel 1917. La prima moglie di Wilson, Ellen, morì nel 1914. Wilson si risposò un anno dopo con Edith Bolling Galt. È accreditato della nomina del primo giudice ebraico alla Corte Suprema, Louis Brandeis.

28 di 45

Warren G. Harding

Oscar White / Getty Images

Warren G. Harding (dal 2 novembre 1865 al 2 agosto 1923) rimase in carica dal 1921 al 1923. Il suo mandato è considerato dagli storici una delle presidenze più scandalizzate. Il segretario degli interni di Harding è stato condannato per aver venduto riserve petrolifere nazionali per guadagno personale nello scandalo Teapot Dome, che ha anche costretto le dimissioni del procuratore generale di Harding. Harding morì di infarto il 2 agosto 1923, mentre era in visita a San Francisco. 

29 di 45

Calvin Coolidge

Mansell / Getty Images

Calvin Coolidge (dal 4 luglio 1872 al 5 gennaio 1933) prestò servizio dal 1923 al 1929. Fu il primo presidente ad essere insediato da suo padre. John Coolidge, un notaio, ha amministrato il giuramento presso la fattoria di famiglia nel Vermont, dove si trovava il vice presidente al momento della morte di Warren Harding. Dopo essere stato eletto nel 1925, Coolidge divenne il primo presidente ad essere insediato da un giudice capo: William Taft. Durante un discorso al Congresso il 6 dicembre 1923, Coolidge divenne il primo presidente in carica ad essere trasmesso alla radio, un po ‘ironico dato che era conosciuto come “Silent Cal” per la sua personalità a labbra serrate. 

30 di 45

Herbert Hoover

Agenzia fotografica generale / Getty Images

Herbert Hoover (dal 10 agosto 1874 al 20 ottobre 1964) rimase in carica dal 1929 al 1933. Era in carica solo otto mesi quando il mercato azionario crollò, inaugurando l’inizio della Grande Depressione. Un noto ingegnere che si è guadagnato il plauso per il suo ruolo di capo dell’amministrazione alimentare degli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale, Hoover non ha mai ricoperto una carica elettiva prima di vincere la presidenza. La diga di Hoover al confine tra Nevada e Arizona è stata costruita durante la sua amministrazione e prende il suo nome. Una volta disse che l’intero concetto di campagna lo riempiva di “totale repulsione”. 

31 di 45

Franklin D. Roosevelt

Archivio Hulton / Getty Images

Franklin D. Roosevelt (dal 30 gennaio 1882 al 12 aprile 1945) prestò servizio dal 1933 al 1945. Ampiamente conosciuto dalle sue iniziali, FDR prestò servizio più a lungo di qualsiasi altro presidente nella storia degli Stati Uniti, morendo poco dopo essere stato inaugurato per il suo quarto mandato. Fu il suo mandato senza precedenti che portò all’approvazione del 22 ° emendamento nel 1951, che limitava i presidenti a servire due mandati.

Generalmente considerato uno dei migliori presidenti del paese, entrò in carica quando gli Stati Uniti erano impantanati nella Grande Depressione ed era al suo terzo mandato quando gli Stati Uniti entrarono nella seconda guerra mondiale nel 1941. Roosevelt, che era stato colpito dalla poliomielite nel 1921 , era in gran parte confinato su una sedia a rotelle o su un tutore per le gambe come presidente, un fatto raramente condiviso con il pubblico. Ha l’onore di essere il primo presidente a viaggiare in aereo.

32 di 45

Harry S. Truman

Bettman / Getty Images

Harry Truman (8 maggio 1884-26 dicembre 1972) prestò servizio dal 1945 al 1953; era il vice presidente di Franklin Roosevelt durante il breve mandato finale di FDR.

Durante il suo mandato, la Casa Bianca è stata ampiamente ristrutturata e i Trumans hanno dovuto vivere nella vicina Blair House per due anni. Truman ha preso la decisione di utilizzare armi atomiche contro il Giappone, che ha portato alla conclusione della seconda guerra mondiale. Eletto per un secondo mandato completo nel 1948 dal più piccolo dei margini, l’inaugurazione di Truman fu la prima ad essere trasmessa in televisione. Durante il suo secondo mandato, la guerra di Corea iniziò quando la Corea del Nord comunista invase la Corea del Sud, che gli Stati Uniti sostenevano. Truman non aveva un secondo nome. La “S” era solo un’iniziale scelta dai suoi genitori quando lo chiamavano.

33 di 45

Dwight D. Eisenhower

M. McNeill / Getty Images

Dwight D. Eisenhower (dal 14 ottobre 1890 al 28 marzo 1969) prestò servizio dal 1953 al 1961. Eisenhower era un militare, avendo servito come generale a cinque stelle nell’esercito e come comandante supremo delle forze alleate nella guerra mondiale II. Durante la sua amministrazione, ha creato la NASA in risposta ai risultati della Russia con il proprio programma spaziale. Eisenhower amava giocare a golf e, secondo quanto riferito, bandì gli scoiattoli dalla Casa Bianca dopo aver iniziato a scavare e distruggere il green che aveva installato. Eisenhower, soprannominato “Ike”, è stato il primo presidente a salire su un elicottero.

34 di 45

John F. Kennedy

Archivi nazionali / Getty Images

John F. Kennedy (19 maggio 1917 – 22 novembre 1963) fu inaugurato nel 1961 e prestò servizio fino al suo assassinio due anni dopo. Kennedy, che aveva appena 43 anni quando fu eletto, era il secondo presidente più giovane del paese dopo Theodore Roosevelt. Il suo breve mandato fu pieno di significato storico: fu eretto il muro di Berlino, poi ci fu la crisi dei missili cubani e l’inizio della guerra del Vietnam. Kennedy soffriva del morbo di Addison e aveva gravi problemi alla schiena per gran parte della sua vita. Nonostante questi problemi di salute, ha prestato servizio con lode nella seconda guerra mondiale nella marina. Kennedy è l’unico presidente ad aver vinto un Premio Pulitzer; ha ricevuto l’onore per il suo bestseller “Profiles in Courage” del 1957.

35 di 45

Lyndon B. Johnson

M. McNeill / Getty Images

Lyndon B. Johnson (dal 27 agosto 1908 al 22 gennaio 1973) prestò servizio dal 1963 al 1969. In qualità di vice presidente di John Kennedy, Johnson prestò giuramento come presidente a bordo dell’Air Force One la notte dell’assassinio di Kennedy a Dallas. Johnson, che era conosciuto come LBJ, era alto 6 piedi e 4 pollici; lui e Abraham Lincoln erano i presidenti più alti della nazione. Durante il suo mandato, il Civil Rights Act del 1964 divenne legge e fu creato Medicare. Anche la guerra del Vietnam si intensificò rapidamente e la sua crescente impopolarità portò Johnson a rifiutare l’opportunità di chiedere la rielezione per un secondo mandato completo nel 1968. 

36 di 45

Richard Nixon

Washington Bureau / Getty Images

Richard Nixon (dal 9 gennaio 1913 al 22 aprile 1994) ha ricoperto la carica dal 1969 al 1974. Detiene la dubbia distinzione di essere l’unico presidente americano a dimettersi dalla carica. Durante il suo periodo in carica, Nixon ha ottenuto alcuni risultati notevoli, tra cui la normalizzazione delle relazioni con la Cina e la conclusione della guerra del Vietnam. Amava il bowling e il calcio e sapeva suonare cinque strumenti musicali: pianoforte, sassofono, clarinetto, fisarmonica e violino.

I risultati di Nixon come presidenti sono offuscati dallo scandalo Watergate, che iniziò quando gli uomini coinvolti nei suoi sforzi di rielezione fecero irruzione e intercettarono la sede del Comitato Nazionale Democratico nel giugno 1972. Durante la successiva inchiesta federale, fu rivelato che Nixon era almeno a conoscenza , se non complice, nelle vicende. Si è dimesso quando il Congresso ha iniziato a raccogliere le sue forze per metterlo sotto accusa.

37 di 45

Gerald Ford

Wally McNamee / Getty Images

Gerald Ford (dal 14 luglio 1913 al 26 dicembre 2006) ha prestato servizio dal 1974 al 1977. Ford è stato il vicepresidente di Richard Nixon ed è l’unica persona nominata a quell’ufficio. È stato nominato, in accordo con il 25 ° emendamento, dopo che Spiro Agnew, il primo vicepresidente di Nixon, è stato accusato di evasione fiscale e si è dimesso dall’incarico. Ford è forse meglio conosciuto per aver perdonato preventivamente Richard Nixon per il suo ruolo in Watergate. Nonostante la reputazione di goffaggine dopo essere inciampato sia letteralmente che politicamente mentre era presidente, Gerald Ford era abbastanza atletico. Ha giocato a calcio per l’Università del Michigan prima di entrare in politica, e sia i Green Bay Packers che i Detroit Lions hanno cercato di reclutarlo. 

38 di 45

Jimmy Carter

Archivio Hulton / Getty Images

Jimmy Carter (nato il 1 ottobre 1924) ha prestato servizio dal 1977 al 1981. Ha ricevuto un premio Nobel mentre era in carica per il suo ruolo nell’intermediazione della pace tra Egitto e Israele, noto come gli accordi di Camp David del 1978. È anche l’unico presidente aver prestato servizio a bordo di un sottomarino mentre era in Marina. Mentre era in carica, Carter ha creato il Dipartimento dell’Energia e il Dipartimento dell’Istruzione. Ha affrontato l’incidente della centrale nucleare di Three Mile Island e la crisi degli ostaggi in Iran. Laureato alla US Naval Academy, è stato il primo della famiglia di suo padre a diplomarsi al liceo. 

39 di 45

Ronald Reagan

Harry Langdon / Getty Images

Ronald Reagan (dal 16 febbraio 1911 al 5 giugno 2004) ha prestato servizio per due mandati dal 1981 al 1989. Ex attore cinematografico ed emittente radiofonica, era un abile oratore che si è occupato per la prima volta di politica negli anni ‘1950. Come presidente, Reagan era noto per il suo amore per le gelatine, un barattolo di cui era sempre sulla sua scrivania. Gli amici a volte lo chiamavano “olandese”, che era il soprannome d’infanzia di Reagan. Fu la prima persona divorziata ad essere eletta presidente e il primo presidente a nominare una donna, Sandra Day O’Connor, alla Corte Suprema. Due mesi dopo il suo primo mandato, John Hinckley Jr., tentò di assassinare Reagan. Il presidente è stato ferito ma è sopravvissuto. 

40 di 45

George HW Bush

Cynthia Johnson / Getty Images

George HW Bush (dal 12 giugno 1924 al 30 novembre 2018) ha ricoperto l’incarico dal 1989 al 1993. Ha ottenuto il plauso per la prima volta durante la seconda guerra mondiale come pilota. Ha volato 58 missioni di combattimento e ha ricevuto tre medaglie aeree e la Distinguished Flying Cross. Bush è stato il primo vicepresidente in carica da quando Martin Van Buren è stato eletto presidente. Durante la sua presidenza, Bush ha inviato truppe statunitensi a Panama per estromettere il suo leader, il generale Manuel Noriega, nel 1989. Due anni dopo, nell’operazione Desert Storm, Bush ha inviato truppe in Iraq dopo che quella nazione aveva invaso il Kuwait. Nel 2009, Bush ha avuto una portaerei intitolata in suo onore.

41 di 45

Bill Clinton

Mark Lyons / Getty Images

Bill Clinton (nato il 19 agosto 1946) ha prestato servizio dal 1993 al 2001. Aveva 46 anni quando è stato inaugurato, rendendolo il terzo presidente più giovane a servire. Laureato a Yale, Clinton è stato il primo democratico ad essere eletto per un secondo mandato dai tempi di Franklin Roosevelt. È stato il secondo presidente ad essere messo sotto accusa, ma come Andrew Johnson, è stato assolto. Il rapporto di Clinton con la stagista della Casa Bianca Monica Lewinsky, che ha portato alla sua impeachment, è stato solo uno dei numerosi scandali politici durante il suo mandato. Eppure Clinton lasciò l’incarico con il più alto indice di gradimento di qualsiasi presidente dalla seconda guerra mondiale. Da adolescente, Bill Clinton ha incontrato il presidente John Kennedy come delegato di Boys Nation. 

42 di 45

George W. Bush

Mark Wilson / Getty Images

George W. Bush (nato il 6 luglio 1946) ha prestato servizio dal 2001 al 2009. È stato il primo presidente a perdere il voto popolare ma ha vinto il voto elettorale dopo Benjamin Harrison, e la sua elezione è stata ulteriormente segnata da un parziale riconteggio del voto in Florida. che è stato successivamente fermato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Bush era in carica durante gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, che portarono alle invasioni militari statunitensi dell’Afghanistan e dell’Iraq. Bush è solo il secondo figlio di un presidente ad essere eletto presidente; John Quincy Adams era l’altro. È anche l’unico presidente ad essere il padre di due gemelle.

43 di 45

Barack Obama

Bill Pugliano / Getty Images

Barack Obama (nato il 4 agosto 1961) ha prestato servizio dal 2009 al 2016. È il primo nero americano ad essere eletto presidente e il primo presidente delle Hawaii. Senatore dell’Illinois prima di cercare la presidenza, Obama è stato solo il terzo nero americano ad essere eletto al Senato dopo la ricostruzione. È stato eletto all’inizio della Grande Recessione, la peggiore recessione economica dai tempi della Depressione. Durante i suoi due mandati, è stata approvata un’importante legislazione per la riforma dell’assistenza sanitaria e per il salvataggio dell’industria automobilistica statunitense. Il suo nome significa “colui che è benedetto” in swahili. Ha lavorato per Baskin-Robbins da adolescente e ha abbandonato l’esperienza di odiare il gelato. 

44 di 45

Donald J. Trump

Chip Somodevilla / Getty Images

Donald J. Trump (nato il 14 giugno 1946) ha prestato servizio dal 2017 al 2021. È la prima persona ad essere eletta presidente dai tempi di Franklin Roosevelt, proveniente dallo stato di New York e l’unico presidente ad essere stato sposato tre volte. Si è fatto un nome come sviluppatore immobiliare a New York City e in seguito l’ha trasformato in fama nella cultura pop come star della televisione di realtà. È il primo presidente dai tempi di Herbert Hoover a non aver mai cercato una carica elettiva precedente. È anche il terzo presidente ad essere messo sotto accusa. Trump è stato prosciolto dalle due accuse di impeachment da un senato controllato dai repubblicani nel febbraio 2020, tuttavia, e non è stato rimosso dall’incarico. È stato messo sotto accusa una seconda volta poche settimane prima della fine del suo mandato nel 2021; la Camera ha votato per l’impeachment, ma le accuse non sono state riprese dal Senato prima della scadenza del suo mandato.

45 di 45

Joe Biden

Andrew Harnik / Getty Images

Joseph R. Biden, Jr., (nato il 20 novembre 1942) ha iniziato il suo mandato il 20 gennaio 2021. È la persona più anziana eletta alla presidenza, nonché il presidente con il maggior numero di voti, 81 milioni di voti individuali. Dopo aver servito come senatore del Delaware dal 1973 al 2009, è poi diventato vicepresidente durante l’amministrazione di Barack Obama dal 2009 al 2017. Dopo la sua vittoria su un campo affollato alle primarie del Partito Democratico, ha selezionato il suo ex rivale, il senatore Kamala Harris , come suo compagno di corsa.