Questi candidati presidenziali perdenti hanno vinto di nuovo la nomination del partito

Perdere un’elezione presidenziale è sempre devastante, spesso imbarazzante e, a volte, porta alla fine di una carriera. Ma otto candidati presidenziali perdenti in realtà sono tornati dalla sconfitta un anno per vincere una candidatura presidenziale di un partito importante una seconda volta e metà di loro ha vinto la corsa per la Casa Bianca.

01 di 08

Richard Nixon

Washington Bureau / Getty Images

Nixon vinse per la prima volta la nomination presidenziale repubblicana nel 1960, ma perse le elezioni di quell’anno contro John F. Kennedy. Il GOP nominò di nuovo Nixon nel 1968 e l’ex vice presidente di Dwight D. Eisenhower sconfisse il vicepresidente democratico Hubert H. Humphrey per diventare presidente. 

Nixon è uno dei candidati presidenziali falliti più riconosciuti che ha vinto la nomination una seconda volta ed è stato elevato alla Casa Bianca, a causa di come è finita la sua presidenza.

02 di 08

Adlai Stevenson

Central Press / Stringer / Getty Images

Stevenson vinse per la prima volta la candidatura presidenziale democratica nel 1952, ma perse le elezioni di quell’anno contro il repubblicano Eisenhower. Il Partito Democratico nominò nuovamente Stevenson nel 1956 in quella che fu una rivincita delle elezioni presidenziali quattro anni prima. Il risultato è stato lo stesso: Eisenhower ha battuto Stevenson una seconda volta.

Stevenson ha effettivamente cercato la nomina presidenziale una terza volta, ma i Democratici hanno invece scelto Kennedy.  

03 di 08

Thomas Dewey

Library of Congress / Wikimedia Commons / Public Domain

Dewey vinse per la prima volta la nomina presidenziale repubblicana nel 1944, ma perse le elezioni di quell’anno contro Franklin D. Roosevelt. Il GOP nominò nuovamente Dewey nel 1948, ma l’ex governatore di New York perse le elezioni presidenziali di quell’anno contro il democratico Harry S. Truman.

04 di 08

William Jennings Bryan

FPG / Getty Images

Bryan, che ha servito alla Camera dei rappresentanti e come segretario di Stato, è stato nominato presidente tre volte separate dal Partito Democratico: 1896, 1900 e 1908. Bryan ha perso ciascuna delle tre elezioni presidenziali, a William McKinley le prime due elezioni e infine a William Howard Taft.

05 di 08

Henry Clay

Collezionista di stampe / Getty Images

Clay, che rappresentava il Kentucky sia al Senato che alla Camera dei Rappresentanti, è stato nominato presidente tre volte da tre diversi partiti e ha perso tutte e tre le volte. Clay è stato il candidato alla presidenza senza successo del Partito Repubblicano Democratico nel 1824, del Partito Repubblicano Nazionale nel 1832 e del Partito Whig nel 1844.

La sconfitta di Clay nel 1824 avvenne in un campo affollato e nessun candidato vinse abbastanza voti elettorali, quindi i primi tre votanti andarono davanti alla Camera dei Rappresentanti e John Quincy Adams emerse come vincitore. Clay ha perso contro Andrew Jackson nel 1832 e James K. Polk nel 1844.

06 di 08

William Henry Harrison

Archivi nazionali / Getty Images

Harrison, senatore e rappresentante dell’Ohio, fu nominato presidente per la prima volta dai Whigs nel 1836, ma perse le elezioni di quell’anno contro il democratico Martin Van Buren. In una rivincita quattro anni dopo, nel 1840, Harrison vinse.

07 di 08

Andrew Jackson

Collezionista di stampe / Getty Images

Jackson, un rappresentante e senatore del Tennessee, si candidò per la prima volta alla presidenza del Partito Democratico-Repubblicano nel 1824 ma perse contro Adams, in parte grazie alle pressioni di Clay verso i rappresentanti alla Camera. Jackson era il candidato democratico nel 1828 e sconfisse Adams, per poi battere Clay nel 1832.

08 di 08

Thomas Jefferson

Library of Congress

Dopo che il presidente George Washington ha rifiutato di candidarsi per un terzo mandato, Jefferson era il candidato democratico-repubblicano alla presidenza nelle elezioni del 1796, ma ha perso contro il federalista John Adams. Jefferson vinse una rivincita nel 1800 diventando il terzo presidente nella storia degli Stati Uniti. 

Second Chances

Quando si tratta di seconde possibilità nella politica americana, i partiti politici e gli elettori sono abbastanza generosi. I candidati presidenziali perdenti sono riemersi come candidati e sono passati alla Casa Bianca, dando ai candidati falliti la speranza che i loro secondi tentativi elettorali potrebbero avere lo stesso successo di Richard Nixon, William Henry Harrison, Andrew Jackson e Thomas Jefferson.