Storia dello spionaggio russo

Le spie russe hanno raccolto attivamente materiale sugli Stati Uniti e sui suoi alleati dagli anni ‘1930 fino all’hacking delle e-mail nelle elezioni presidenziali del 2016.

Ecco uno sguardo ad alcuni dei più importanti casi di spionaggio russo, a partire dal “Cambridge Spy Ring” formato negli anni ‘1930, motivato dall’ideologia, a talpe americane più mercenarie che hanno fornito informazioni ai russi negli ultimi decenni.

Kim Philby e il Cambridge Spy Ring

Harold “Kim” Philby incontra la stampa.
Getty Images

Harold “Kim” Philby era forse la classica talpa della Guerra Fredda. Reclutato dall’intelligence sovietica mentre era studente all’Università di Cambridge negli anni ‘1930, Philby continuò a spiare per conto dei russi per decenni.

Dopo aver lavorato come giornalista alla fine degli anni ‘1930, Philby usò i suoi nobili legami familiari per entrare nell’MI6, il servizio segreto britannico, all’inizio della seconda guerra mondiale. Mentre spiava i nazisti, Philby fornì informazioni anche ai sovietici.

Dopo la fine della guerra, Philby ha continuato a spiare per conto dell’Unione Sovietica, informandoli sui segreti più profondi dell’MI6. E, grazie alla sua stretta amicizia con lo spymaster americano James Angleton della Central Intelligence Agency, si ritiene che Philby abbia anche nutrito i sovietici segreti molto profondi sull’intelligence americana alla fine degli anni ‘1940.

La carriera di Philby terminò nel 1951, quando due stretti collaboratori disertarono in Unione Sovietica, e fu sospettato come “Il terzo uomo”. In una celebre conferenza stampa nel 1955 mentì e soffocò le voci. E, sorprendentemente, è rientrato nell’MI6 come agente sovietico attivo fino a quando non è finalmente fuggito in Unione Sovietica nel 1963.

Il caso della spia Rosenberg

Ethel e Julius Rosenberg in un furgone della polizia al termine del processo di spionaggio.
Getty Images

Una coppia di sposi di New York City, Ethel e Julius Rosenberg, furono accusati di spionaggio per l’Unione Sovietica e processati nel 1951. 

I pubblici ministeri federali affermarono che i Rosenberg avevano rivelato ai sovietici i segreti della bomba atomica. Sembrava una forzatura, poiché era improbabile che il materiale ottenuto da Julius Rosenberg potesse essere molto utile. Ma con la testimonianza di un co-cospiratore, il fratello di Ethel Rosenberg, David Greenglass, i due sono stati condannati.

In mezzo a enormi polemiche, i Rosenberg furono giustiziati sulla sedia elettrica nel 1953. Il dibattito sulla loro colpevolezza continuò per decenni. Dopo il rilascio di materiale dall’ex Unione Sovietica negli anni ‘1990, sembrava che Julius Rosenberg avesse effettivamente fornito materiale ai russi durante la seconda guerra mondiale. Rimangono ancora domande sulla colpevolezza o innocenza di Ethel Rosenberg.

Alger Hiss and the Pumpkin Papers

Il membro del Congresso Richard Nixon ispeziona i microfilm di Pumpkin Papers.
Getty Images

Un caso di spionaggio imperniato su microfilm nascosti in una zucca scavata in una fattoria del Maryland affascinò il pubblico ameircano alla fine degli anni ‘1940. In un articolo in prima pagina del 4 dicembre 1948, il New York Times riferì che il Comitato per le attività antiamericane della Camera affermava di avere “la prova definitiva di uno dei più vasti circoli di spionaggio nella storia degli Stati Uniti”.

Le sensazionali rivelazioni erano radicate in una battaglia tra due vecchi amici, Whittaker Chambers e Alger Hiss. Chambers, un editore della rivista Time ed ex comunista, aveva testimoniato che anche Hiss era stato comunista negli anni ‘1930.

Hiss, che aveva occupato alte posizioni di politica estera nel governo federale, ha negato l’accusa. E quando ha intentato una causa, Chambers ha risposto con un’accusa più esplosiva: ha affermato che Hiss era una spia sovietica.

Chambers produceva bobine di microfilm, che aveva nascosto in una zucca nella sua fattoria del Maryland, che Hiss gli aveva dato nel 1938. Si diceva che i microfilm contenessero segreti del governo degli Stati Uniti che HIss aveva trasmesso ai suoi gestori sovietici.

I “Pumpkin Papers”, come divennero noti, diedero il via alla carriera di un giovane membro del Congresso californiano, Richard M. Nixon. In qualità di membro del Comitato per le attività antiamericane della Camera, Nixon guidò la campagna pubblica contro Alger Hiss.

Il governo federale ha accusato Hiss di falsa testimonianza, poiché non è stato in grado di sostenere una causa per spionaggio. In un processo la giuria si è bloccata e Hiss è stato ritentato. Al suo secondo processo è stato condannato e ha scontato diversi anni in una prigione federale per la condanna per falsa testimonianza.

Per decenni la questione se Alger Hiss fosse davvero una spia sovietica è stata oggetto di accesi dibattiti. Il materiale pubblicato negli anni ‘1990 sembrava indicare che stava passando materiale all’Unione Sovietica.

Col. Rudolf Abel

La spia sovietica Rudolf Abel lascia la corte con agenti federali.
Getty Images

L’arresto e la condanna di un ufficiale del KGB, il colonnello Rudolf Abel, fu una notizia sensazionale alla fine degli anni ‘1950. Abel viveva a Brooklyn da anni, gestendo un piccolo studio fotografico. I suoi vicini pensavano che fosse un normale immigrato che si faceva strada in America.

Secondo l’FBI, Abel non era solo una spia russa, ma un potenziale sabotatore pronto a colpire in caso di guerra. Nel suo appartamento, hanno detto i federali al processo, c’era una radio a onde corte attraverso la quale poteva comunicare con Mosca.

L’arresto di Abel è diventato una classica storia di spionaggio della Guerra Fredda: ha erroneamente pagato un giornale con un nichel che era stato svuotato per contenere microfilm. Uno strillone di 14 anni ha consegnato il denaro alla polizia e questo ha portato Abel a essere messo sotto sorveglianza.

La condanna di Abele nell’ottobre 1957 fu notizia in prima pagina. Avrebbe potuto ricevere la pena di morte, ma alcuni funzionari dell’intelligence hanno sostenuto che avrebbe dovuto essere tenuto in custodia per commerciare se una spia americana fosse mai stata catturata da Mosca. Abel fu infine scambiato per il pilota americano degli U2 Francis Gary Powers nel febbraio 1962.

Aldrich Ames

L’arresto di Aldrich Ames.
Getty Images

L’arresto di Aldrich Ames, un veterano della CIA da 30 anni, con l’accusa di spionaggio per conto della Russia ha provocato uno shock attraverso la comunità dell’intelligence americana nel 1994. Ames aveva dato ai sovietici i nomi degli agenti che lavoravano per l’America, condannando gli agenti alla tortura ed esecuzione.

A differenza delle precedenti famigerate talpe, non lo faceva per ideologia ma per soldi. I russi lo hanno pagato più di 4 milioni di dollari in un decennio.

Il denaro russo aveva attirato altri americani nel corso degli anni. Gli esempi includevano la famiglia Walker, che vendeva segreti della Marina degli Stati Uniti, e Christopher Boyce, un appaltatore della difesa che vendeva segreti.

Il caso Ames è stato particolarmente scioccante poiché Ames aveva lavorato nella CIA, sia a Langley, in Virginia, nel quartier generale che in uffici all’estero.

Un caso in qualche modo simile è diventato pubblico nel 2001 con l’arresto di Robert Hanssen, che aveva lavorato per decenni come agente dell’FBI. La specialità di Hanssen era il controspionaggio, ma invece di catturare spie russe, veniva segretamente pagato per lavorare per loro.