Citazioni politiche che devi sapere

Le citazioni politiche che rimangono con noi anni, e anche decenni dopo, sono quelle pronunciate nel mezzo delle vittorie, degli scandali e dei conflitti di questa nazione. Sono stati pronunciati alla fine della Guerra Fredda, al culmine dello scandalo Watergate, e mentre la nazione si stava dilaniando.

‘Non sono un imbroglione’

Keystone / Getty Images

Il 17 novembre 1973, il presidente Richard M. Nixon pronunciò quella che è diventata una delle battute politiche più famose nella storia politica americana. Il repubblicano assediato negava di essere coinvolto nello scandalo di tutti gli scandali, quello che ha portato alla sua impeachment e alle dimissioni dalla Casa Bianca: Watergate.

Ecco cosa ha detto Nixon in sua difesa quel giorno:

“Ho commesso i miei errori, ma in tutti i miei anni di vita pubblica, non ho mai tratto profitto, non ho mai tratto profitto dal servizio pubblico: ho guadagnato ogni centesimo. E in tutti i miei anni di vita pubblica, non ho mai ostacolato la giustizia. E io penso anche che potrei dire che nei miei anni di vita pubblica, che accolgo con favore questo tipo di esame, perché le persone devono sapere se il loro presidente è un truffatore. Beh, io non sono un truffatore. Mi sono guadagnato tutto quello che ho. ”

‘L’unica cosa di cui dobbiamo aver paura è aver paura di se stessi’

Corbis / Getty Images

Queste famose parole facevano parte del primo discorso inaugurale di Franklin Delano Roosevelt quando la nazione era in depressione. La citazione completa è:

“Questa grande nazione durerà come ha resistito, rinascerà e prospererà. Quindi, prima di tutto, lasciatemi affermare la mia ferma convinzione che l’unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa: un terrore senza nome, irragionevole e ingiustificato che paralizza il bisogno sforzi per convertire la ritirata in anticipo “.

‘Non ho avuto rapporti sessuali con quella donna’

Wikimedia Commons

Parlando di scandali, un secondo classificato al “Non sono un delinquente” di Nixon è il rifiuto del presidente Bill Clinton di una relazione con la stagista della Casa Bianca Monica Lewinsky.

Clinton ha detto alla nazione: “Non ho avuto rapporti sessuali con quella donna”. In seguito ha ammesso di averlo fatto ed è stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti per motivi tra cui spergiuro e manomissione di testimoni legati all’affare Lewinsky.

Ecco cosa ha detto Clinton al popolo americano all’inizio:

“Voglio dire una cosa al popolo americano. Voglio che mi ascolti. Lo ripeto: non ho avuto rapporti sessuali con quella donna, Miss Lewinsky. Non ho mai detto a nessuno di mentire, no una sola volta; mai. Queste accuse sono false. E devo tornare a lavorare per il popolo americano “.

‘Sig. Gorbaciov, abbatti questo muro ‘

Public Domain

Nel giugno 1987, il presidente Ronald Reagan ha chiesto al presidente sovietico Mikhail Gorbachev di abbattere il muro di Berlino e tra l’Europa orientale e occidentale. Reagan, parlando alla Porta di Brandeburgo, ha detto:

“Segretario generale Gorbaciov, se cerchi la pace, se cerchi prosperità per l’Unione Sovietica e l’Europa orientale, se cerchi la liberalizzazione: vieni qui a questa porta! Sig. Gorbaciov, apri questa porta! Sig. Gorbaciov, abbatti questo muro. ”

‘Non chiedere cosa può fare il tuo paese per te’

SuperStock / Getty Images

Il presidente John F. Kennedy ha invitato gli americani a servire i loro connazionali di fronte alle minacce provenienti da altre parti del mondo durante il suo discorso inaugurale del 1961. Ha cercato di “forgiare contro questi nemici una grande alleanza globale, Nord e Sud, Est e Ovest, che può assicurare una vita più fruttuosa a tutta l’umanità”.

“Non chiedere cosa può fare il tuo paese per te; chiedi cosa puoi fare per il tuo paese”.

‘Tu non sei Jack Kennedy’

Congresso degli Stati Uniti

Una delle più grandi e famose linee politiche nella storia della campagna elettorale è stata pronunciata durante un dibattito alla vicepresidenza del 1988 tra il senatore degli Stati Uniti repubblicano Dan Quayle e il senatore degli Stati Uniti democratico Lloyd Bentsen.

In risposta alle domande sull’esperienza di Quayle, Quayle affermò di aver avuto la stessa esperienza al Congresso di Kennedy quando cercò la presidenza.

Bentsen ha risposto:

“Senatore, ho servito con Jack Kennedy. Conoscevo Jack Kennedy. Jack Kennedy era un mio amico. Senatore, tu non sei Jack Kennedy.”

‘Governo del popolo, dal popolo, per il popolo’

Alexander Gardner / Library of Congress

Il presidente Abraham Lincoln pronunciò queste famose battute nel discorso di Gettysburg, nel novembre 1863. Lincoln stava parlando durante la guerra civile in un luogo di battaglia dove gli eserciti dell’Unione avevano sconfitto quelli della Confederazione e circa 8,000 soldati erano stati uccisi.

“È … per noi essere qui dedicati al grande compito che ci resta davanti, che da questi morti onorati prendiamo maggiore devozione a quella causa per la quale hanno dato l’ultima piena misura di devozione, che qui risolviamo fortemente che questi morti non saranno morti invano, che questa nazione, sotto Dio, avrà una nuova nascita di libertà, e quel governo del popolo, dal popolo, per il popolo, non perirà dalla terra “.

‘Nababbi lusinghieri del negativismo’

 Wally McNamee / Getty Images

Il termine “chiacchieroni di negativismo” è usato spesso dai politici per descrivere i cosiddetti “sciacalli” dei media che sono insistenti nello scrivere di ogni loro gaffe e misfatto. Ma la frase ha avuto origine da un autore di discorsi della Casa Bianca per il vicepresidente di Nixon, Spiro Agnew. Agnew usò la frase a una convention del GOP della California nel 1970:

“Negli Stati Uniti di oggi, abbiamo più della nostra quota di chiacchieroni di negativismo. Hanno formato il loro club 4-H: gli ipocondriaci senza speranza e isterici della storia”.

“Leggi le mie labbra: nessuna nuova tassa”

Ronald Martinez / Getty Images

L’aspettativa presidenziale repubblicana George HW Bush pronunciò queste famose battute mentre accettava la nomina del suo partito alla convention nazionale repubblicana del 1988. La frase ha contribuito a elevare Bush alla presidenza, ma in realtà ha aumentato le tasse mentre era alla Casa Bianca. Ha perso la rielezione a Clinton nel 1992 dopo che il Democratico ha usato le stesse parole di Bush contro di lui.

Ecco la citazione completa di Bush:

“Il mio avversario non escluderà di aumentare le tasse. Ma lo farò. E il Congresso mi spingerà ad aumentare le tasse e io dirò di no. E loro spingeranno, e io dirò di no, e spingeranno di nuovo , e io dirò loro: “Leggete le mie labbra: niente nuove tasse” “.

‘Parla a bassa voce e porta un grosso bastone’

Culture Club / Getty Images

Il presidente Theodore Roosevelt ha usato la frase “parla a bassa voce e porta un grosso bastone” per descrivere la sua filosofia di politica estera.

Ha detto Roosevelt:

“C’è un semplice adagio che recita:” Parla a bassa voce e porta un grosso bastone; andrai lontano “. Se la nazione americana parlerà a bassa voce e tuttavia costruirà e manterrà a un livello di altissimo addestramento una Marina completamente efficiente, la Dottrina Monroe andrà lontano “.