Cosa ha causato la grande depressione?

Economisti e storici stanno ancora discutendo le cause della Grande Depressione. Mentre sappiamo cosa è successo, abbiamo solo teorie per spiegare il motivo del collasso economico. Questa panoramica ti fornirà la conoscenza degli eventi politici che potrebbero aver contribuito a causare la Grande Depressione.

1: 44

Guarda ora: cosa ha portato alla Grande Depressione?

Qual è stata la grande depressione?

Keystone / Stringer / Hulton Archive / Getty Images

Prima di poter esplorare le cause, dobbiamo prima definire cosa intendiamo per Grande Depressione.
La Grande Depressione è stata una crisi economica globale che potrebbe essere stata innescata da decisioni politiche comprese le riparazioni di guerra dopo la prima guerra mondiale, protezionismo come l’imposizione di tariffe del Congresso sui beni europei o dalla speculazione che ha causato il crollo del mercato azionario del 1929. In tutto il mondo, c’è stato un aumento della disoccupazione, una diminuzione delle entrate del governo e un calo del commercio internazionale. Al culmine della Grande Depressione nel 1933, più di un quarto della forza lavoro statunitense era disoccupata. Alcuni paesi hanno assistito a un cambio di leadership a seguito delle turbolenze economiche.

Quando è stata la grande depressione?

La prima pagina del quotidiano Brooklyn Daily Eagle con il titolo “Wall St. In Panic As Stocks Crash”, pubblicata il giorno del crollo iniziale di Wall Street del “Black Thursday”, 24 ottobre 1929.
Collaboratore di Icon Communications / Getty Images

Negli Stati Uniti, la Grande Depressione è associata al Martedì Nero, il crollo del mercato azionario del 29 ottobre 1929, sebbene il paese sia entrato in recessione mesi prima del crollo. Herbert Hoover era il presidente degli Stati Uniti. La depressione continuò fino all’inizio della seconda guerra mondiale, con Franklin D. Roosevelt che seguì Hoover come presidente.

Possibile causa: prima guerra mondiale

Gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale alla fine della prima guerra mondiale, nel 1917, e emersero come uno dei principali creditori e finanziatori della restaurazione del dopoguerra. La Germania era gravata da massicci risarcimenti di guerra, una decisione politica da parte dei vincitori. La Gran Bretagna e la Francia dovevano ricostruire. Le banche statunitensi erano più che disposte a prestare denaro. Tuttavia, una volta che le banche statunitensi hanno iniziato a fallire, le banche non solo hanno smesso di concedere prestiti, ma hanno anche chiesto indietro i loro soldi. Ciò ha messo sotto pressione le economie europee, che non si erano completamente riprese dalla prima guerra mondiale, contribuendo alla recessione economica globale.

Possibile causa: la Federal Reserve

Lance Nelson / Getty Images

Il Federal Reserve System, che il Congresso ha istituito nel 1913, è la banca centrale della nazione, autorizzata a emettere le banconote della Federal Reserve che creano la nostra offerta di moneta cartacea. La “Fed” fissa indirettamente i tassi di interesse perché presta denaro, a un tasso base, alle banche commerciali.
Nel 1928 e nel 1929, la Fed aumentò i tassi di interesse per cercare di frenare la speculazione di Wall Street, altrimenti nota come “bolla”. L’economista Brad DeLong crede che la Fed “abbia esagerato” e abbia provocato una recessione. Inoltre, la Fed si è poi seduta sulle sue mani:

“La Federal Reserve non ha utilizzato operazioni di mercato aperto per impedire che l’offerta di moneta diminuisse … [una mossa] approvata dai più eminenti economisti”.

Non c’era ancora una mentalità “troppo grande per fallire” a livello di politica pubblica.

Possibile causa: giovedì nero (o lunedì o martedì)

Folle ansiose in attesa fuori dal Palazzo del Tesoro il Giovedì Nero.
Keystone / Getty Images

Un mercato rialzista di cinque anni raggiunse il picco il 3 settembre 1929. Giovedì 24 ottobre, furono scambiati 12.9 milioni di azioni record, riflettendo le vendite di panico. Lunedì 28 ottobre 1929, gli investitori in preda al panico continuarono a cercare di vendere azioni; il Dow ha registrato una perdita record del 13 per cento. Martedì 29 ottobre 1929 furono scambiate 16.4 milioni di azioni, infrangendo il record di giovedì; il Dow ha perso un altro 12 per cento.
Perdite totali per quattro giorni: 30 miliardi di dollari, 10 volte il budget federale e più dei 32 miliardi di dollari che gli Stati Uniti avevano speso nella prima guerra mondiale. L’incidente ha spazzato via il 40% del valore cartaceo delle azioni ordinarie. Sebbene questo sia stato un colpo catastrofico, la maggior parte degli studiosi non crede che il crollo del mercato azionario, da solo, sia stato sufficiente ad aver causato la Grande Depressione.

Possibile causa: protezionismo

La tariffa Underwood-Simmons del 1913 fu un esperimento con tariffe ridotte. Nel 1921, il Congresso pose fine a quell’esperimento con la legge sulle tariffe di emergenza. Nel 1922, il Fordney-McCumber Tariff Act ha aumentato le tariffe al di sopra dei livelli del 1913. Ha inoltre autorizzato il presidente ad adeguare le tariffe del 50% per bilanciare i costi di produzione nazionali ed esteri, una mossa per aiutare gli agricoltori americani.
Nel 1928, Hoover gestiva una piattaforma di tariffe più elevate progettata per proteggere gli agricoltori dalla concorrenza europea. Il Congresso approvò lo Smoot-Hawley Tariff Act nel 1930; Hoover ha firmato il disegno di legge anche se gli economisti hanno protestato. È improbabile che i dazi da soli abbiano causato la Grande Depressione, ma hanno favorito il protezionismo globale; il commercio mondiale è diminuito del 66% dal 1929 al 1934.

Possibile causa: fallimento della banca

Avviso pubblicato dalla FDIC che la società fiduciaria e di garanzia del titolo del New Jersey aveva fallito, febbraio 1933.
Archivio Bettmann / Getty Images

Nel 1929 c’erano 25,568 banche negli Stati Uniti; nel 1933 erano solo 14,771. I risparmi personali e aziendali sono scesi da $ 15.3 miliardi nel 1929 a $ 2.3 miliardi nel 1933. Meno banche, credito più restrittivo, meno soldi per pagare i dipendenti, meno soldi per i dipendenti per acquistare beni. Questa è la teoria del “consumo troppo basso” a volte usata per spiegare la Grande Depressione, ma anche questa è scontata come l’unica causa.

Effetto: cambiamenti nel potere politico

Negli Stati Uniti, il Partito Repubblicano è stata la forza dominante dalla guerra civile alla Grande Depressione. Nel 1932, gli americani elessero il democratico Franklin D. Roosevelt (“New Deal”); il Partito Democratico è stato il partito dominante fino all’elezione di Ronald Reagan nel 1980.
Adolf Hilter e il partito nazista (Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori) salirono al potere in Germania nel 1930, diventando il secondo partito più grande del paese. Nel 1932, Hitler arrivò secondo in una corsa per la presidenza. Nel 1933 Hitler fu nominato Cancelliere della Germania.