I due mandati di Barack Obama come presidente

Il presidente Barack Obama ha servito due mandati alla Casa Bianca e ha finito per essere più popolare del suo predecessore, George W. Bush, al momento in cui ha lasciato l’incarico, secondo i sondaggi dell’opinione pubblica.

Ma la popolarità di Obama non significava che avrebbe potuto candidarsi per un terzo mandato, come hanno suggerito alcuni teorici della cospirazione. I presidenti degli Stati Uniti si sono limitati a servire solo due mandati quadriennali alla Casa Bianca dal 1951, quando fu ratificato il 22 ° emendamento alla Costituzione. 

Il mandato di Obama come presidente è iniziato il 20 gennaio 2009. Ha servito il suo ultimo giorno in carica il 20 gennaio 2017. Ha servito otto anni alla Casa Bianca ed è stato sostituito dal presidente repubblicano Donald Trump.

Obama, come la maggior parte degli ex presidenti, è entrato nel circuito dei discorsi dopo aver lasciato l’incarico.

Teoria del complotto del terzo termine

I critici conservatori di Obama hanno iniziato a sollevare la prospettiva di un terzo mandato all’inizio del suo mandato alla Casa Bianca. La loro motivazione era quella di raccogliere fondi per i candidati conservatori attraverso tattiche spaventose.

In effetti, gli abbonati a una delle newsletter via e-mail dell’ex presidente della Camera degli Stati Uniti Newt Gingrich sono stati avvertiti di uno scenario specifico che deve essere sembrato piuttosto spaventoso: il presidente Barack Obama che si candida e vince un terzo mandato come presidente nel 2016.

I teorici della cospirazione credevano che il 22 ° emendamento che limitava i presidenti a due mandati in carica in qualche modo sarebbe stato cancellato dai libri nel momento in cui la campagna del 2016 si sarebbe conclusa dopo che Obama aveva vinto la rielezione per un secondo mandato nel 2012.

Questo, ovviamente, non è mai successo. Trump ha tirato fuori un ribaltamento contro il democratico Hillary Clinton.

Voci su un terzo mandato

L’e-mail di Gingrich Marketplace, che è gestita dal gruppo conservatore Human Events, affermava che Obama avrebbe vinto un secondo mandato e poi avrebbe vinto un terzo mandato che inizierà nel 2017 e durerà fino al 2020 nonostante il divieto costituzionale.

Un inserzionista degli iscritti alla lista ha scritto:

“La verità è che le prossime elezioni sono già state decise. Obama vincerà. È quasi impossibile battere un presidente in carica. La posta in gioco in questo momento è se avrà o meno un terzo mandato”.

Il messaggio dell’inserzionista non è stato scritto dallo stesso Gingrich, che ha continuato a candidarsi per la nomination in GOP nel 2012.

L’e-mail ha trascurato di menzionare il 22 ° emendamento, che recita in parte: “Nessuno può essere eletto alla carica di Presidente più di due volte …”

Nozione di un terzo termine in tempo di guerra

Tuttavia, anche alcuni esperti che scrivono sui media mainstream hanno sollevato la questione se Obama potesse servire un terzo mandato, a seconda degli eventi mondiali nel momento in cui un secondo mandato sarebbe scaduto.

Faheem Younus, professore associato di clinica presso l’Università del Maryland e fondatore del sito web Muslimerican.com, ha scritto sul Washington Post che attaccare l’Iran potrebbe dare agli americani una ragione per mantenere Obama come presidente per un terzo mandato.

Younus ha fatto il suo caso:

“I presidenti in tempo di guerra possono vendere un Double Whopper a un vegetariano. Mentre la decisione festosa di bombardare l’Iran si trasforma in un conflitto globale, non aspettarti che il nostro professore di diritto costituzionale diventato presidente declini il suggerimento del suo partito: se può essere ratificato, può essere abrogato. L’abrogazione del ventiduesimo emendamento, che alcuni sostengono non sia mai stato esaminato pubblicamente, non è impensabile “.

La nozione di un terzo termine non era impensabile in una sola volta. Prima della ratifica del 22 ° emendamento, Franklin Delano Roosevelt fu eletto per quattro mandati alla Casa Bianca: nel 1932, 1936, 1940 e 1944. È l’unico presidente ad aver scontato più di due mandati.

Altre teorie del complotto

I critici di Obama hanno diffuso numerose teorie del complotto durante i suoi due mandati:

  • A un certo punto, quasi un americano su cinque credeva erroneamente che Obama fosse un musulmano.
  • Numerose e-mail ampiamente diffuse affermavano erroneamente che Obama si fosse rifiutato di riconoscere la Giornata Nazionale di Preghiera.
  • Altri credevano che la sua realizzazione distintiva, una revisione dell’assistenza sanitaria negli Stati Uniti, pagasse gli aborti.
  • La più nefasta delle teorie del complotto, quella propagata dallo stesso Trump, era che Obama fosse nato in Kenya e non alle Hawaii, e che poiché non era nato negli Stati Uniti non era idoneo a servire come presidente.