Il mito di Er dalla Repubblica di Platone

Il mito di Er dalla Repubblica di Platone racconta la storia di un soldato, Er, che si pensa sia morto e discenda negli inferi. Ma quando si risveglia, viene rimandato indietro per dire all’umanità cosa li attende nell’aldilà.  

Er descrive un’aldilà in cui i giusti vengono premiati e i malvagi vengono puniti. Le anime rinascono quindi in un nuovo corpo e in una nuova vita, e la nuova vita che scelgono rifletterà come hanno vissuto nella loro vita precedente e lo stato della loro anima alla morte. 

Il mito di Er (traduzione di Jowett)

Ebbene, ho detto, vi racconterò una storia; non è uno dei racconti che Odisseo racconta all’eroe Alcinoo, ma anche questo è il racconto di un eroe, Er figlio di Armenio, un Panfilo di nascita. Fu ucciso in battaglia e dieci giorni dopo, quando i corpi dei morti furono già raccolti in uno stato di corruzione, il suo corpo fu ritrovato inalterato dalla decomposizione e portato via a casa per essere seppellito.

E il dodicesimo giorno, mentre giaceva sul mucchio del funerale, tornò in vita e raccontò loro ciò che aveva visto nell’altro mondo. Disse che quando la sua anima lasciò il corpo, intraprese un viaggio con una grande compagnia e che giunsero in un luogo misterioso in cui c’erano due aperture nella terra; erano vicini insieme, e di fronte a loro c’erano altre due aperture nel cielo di sopra.

C’erano i giudici

Nello spazio intermedio sedevano i giudici, che comandavano ai giusti, dopo averli giudicati e aver legato le loro sentenze davanti a loro, di salire per la via celeste a destra; e allo stesso modo gli ingiusti furono da loro esortati a scendere per la via inferiore sulla mano sinistra; anche questi portavano i simboli delle loro azioni, ma erano fissati sul dorso.

Si avvicinò e gli dissero che doveva essere il messaggero che avrebbe portato il rapporto dell’altro mondo agli uomini, e gli dissero di ascoltare e vedere tutto ciò che doveva essere udito e visto in quel luogo. Poi vide e vide da un lato le anime che partivano all’una o l’altra apertura del cielo e della terra quando era stata pronunciata su di loro la sentenza; e alle altre due aperture altre anime, alcune ascendenti dalla terra polverose e logore del viaggio, altre discendenti dal cielo pulite e luminose.

Un lungo viaggio

E arrivando di tanto in tanto sembravano venuti da un lungo viaggio, e uscivano con gioia nel prato, dove si accampavano come a una festa; e quelli che si conoscevano si abbracciavano e conversavano, le anime che venivano dalla terra curiosamente indagando sulle cose di sopra, e le anime che venivano dal cielo sulle cose di sotto.

E si raccontarono l’un l’altro quello che era accaduto lungo la strada, quelli dal basso piangendo e addolorati al ricordo delle cose che avevano sopportato e visto nel loro viaggio sotto la terra (ora il viaggio durò mille anni), mentre quelli da sopra descrivevano delizie celesti e visioni di inconcepibile bellezza.

Una lunga storia

La storia, Glaucon, richiederebbe troppo tempo per essere raccontata; ma la somma era questa: – Disse che per ogni torto che avevano fatto a qualcuno ne soffrivano dieci volte; o una volta ogni cento anni: tale viene considerata la durata della vita dell’uomo, e la pena viene così pagata dieci volte in mille anni. Se, ad esempio, ci fosse qualcuno che era stato la causa di molte morti, o aveva tradito o ridotto in schiavitù città o eserciti, o si era reso colpevole di qualsiasi altro comportamento malvagio, per ciascuno dei loro reati riceveva una punizione dieci volte, e le ricompense della beneficenza, della giustizia e della santità erano nella stessa proporzione.

Non ho bisogno di ripetere quello che ha detto riguardo ai bambini piccoli che muoiono quasi subito dopo la nascita. Di pietà ed empietà verso dèi e genitori, e di assassini, ci furono altre e più grandi retribuzioni che egli descrisse. Ha detto che era presente quando uno degli spiriti ha chiesto a un altro: “Dov’è Ardiaeus il Grande?” (Ora questo Ardiaeus visse mille anni prima del tempo di Er: era stato il tiranno di qualche città della Panfilia, aveva ucciso il suo vecchio padre e suo fratello maggiore, e si diceva che avesse commesso molti altri crimini abominevoli.)

“Non viene qui”

La risposta dell’altro spirito fu: ‘Non viene qui e non verrà mai. E questo “, disse,” è stato uno degli spettacoli terribili a cui noi stessi abbiamo assistito. Eravamo all’imboccatura della caverna e, terminate tutte le nostre esperienze, stavamo per risalire, quando d’un tratto apparve Ardiaeus e parecchi altri, la maggior parte dei quali erano tiranni; e oltre ai tiranni c’erano anche privati ​​che erano stati grandi criminali: erano giusti, come credevano, sul punto di tornare nel mondo superiore, ma la bocca, invece di ammetterli, emetteva un ruggito, ogni volta che qualcuno di questi peccatori incurabili o qualcuno che non era stato sufficientemente punito cercò di salire; e poi uomini selvaggi dall’aspetto focoso, che erano in piedi e udirono il suono, li afferrarono e li portarono via; e Ardiaeus e altri legarono la testa, i piedi e le mani, e li gettarono a terra e li scorticarono con i flagelli, e li trascinarono lungo la strada laterale, cardandoli su spine come lana, e dichiarando ai passanti quali erano i loro crimini e che venivano portati via per essere gettati all’inferno.

I molti terrori

E di tutti i molti terrori che avevano sopportato, disse che non c’era nessuno come il terrore che ciascuno di loro provava in quel momento, per timore di sentire la voce; e quando c’era silenzio, uno per uno salivano con gioia immensa. Queste, disse Er, erano le pene e le retribuzioni, e c’erano benedizioni altrettanto grandi.

Ora, quando gli spiriti che erano nel prato si erano trattenuti sette giorni, l’ottavo furono obbligati a proseguire il loro viaggio e, il quarto giorno dopo, disse che erano giunti in un luogo dove potevano vedere da sopra una linea di luce, diritta come una colonna, che si estende attraverso l’intero cielo e attraverso la terra, di colore che ricorda l’arcobaleno, solo più luminoso e più puro; un altro giorno di viaggio li portò al luogo, e lì, in mezzo alla luce, videro le estremità delle catene del cielo calare dall’alto: poiché questa luce è la cintura del cielo e tiene insieme il cerchio dell’universo , come le travi di una trireme.

Fuso della necessità

Da questi estremi si estende il fuso della Necessità, su cui girano tutte le rivoluzioni. L’albero e il gancio di questo fuso sono in acciaio e la spirale è in parte in acciaio e anche in parte in altri materiali.

Ora la spirale è in forma come la spirale usata sulla terra; e la descrizione di esso implicava che c’è un grande vortice cavo che è completamente scavato, e in questo è montato un altro minore, un altro, un altro e quattro altri, per un totale di otto, come vasi che si adattano l’uno all’altro ; le spire mostrano i loro bordi sul lato superiore, e sul lato inferiore formano tutte insieme una spirale continua.

Guidato a casa attraverso il centro

Questo è trafitto dal fuso, che viene guidato a casa attraverso il centro dell’ottavo. La prima e la spirale più esterna ha il bordo più largo, e le sette spirali interne sono più strette, nelle seguenti proporzioni: la sesta è prossima alla prima in termini di dimensioni, la quarta vicino alla sesta; poi arriva l’ottavo; il settimo è il quinto, il quinto è il sesto, il terzo è il settimo, l’ultimo e l’ottavo è il secondo.

La più grande (o stelle fisse) è punteggiata e la settima (o sole) è la più luminosa; l’ottava (o luna) colorata dalla luce riflessa della settima; il secondo e il quinto (Saturno e Mercurio) sono di colore uguale l’uno all’altro e più gialli dei precedenti; la terza (Venere) ha la luce più bianca; il quarto (Marte) è rossastro; il sesto (Giove) è nel secondo di bianchezza.

Gira in una direzione

Ora l’intero mandrino ha lo stesso movimento; ma, poiché il tutto gira in una direzione, i sette cerchi interni si muovono lentamente nell’altra, e di questi il ​​più veloce è l’ottavo; i prossimi in rapidità sono il settimo, il sesto e il quinto, che si muovono insieme; il terzo in rapidità sembrava muoversi secondo la legge di questo moto inverso, il quarto; il terzo è apparso quarto e il secondo quinto.

Il fuso gira sulle ginocchia della Necessità; e sulla superficie superiore di ogni cerchio c’è una sirena, che gira con loro, cantando un singolo tono o nota.

Formano un’armonia

Gli otto insieme formano un’armonia; e tutt’intorno, a intervalli uguali, c’è un’altra banda, in numero di tre, ciascuna seduta sul suo trono: queste sono le Parche, figlie della Necessità, che sono vestite di vesti bianche e hanno cappe sulle loro teste, Lachesi e Cloto e Atropo , che accompagnano con le loro voci l’armonia delle sirene: Lachesi che canta il passato, Cloto del presente, Atropo del futuro; Cloto di tanto in tanto assiste con un tocco della mano destra la rivoluzione del cerchio esterno della spirale o del fuso, e Atropo con la mano sinistra che tocca e guida quelle interne, e Lachesi che afferra a turno uno mano e poi con l’altra.

Gli spiriti arrivano

Quando Er e gli spiriti arrivarono, il loro dovere era di andare subito a Lachesi; ma prima di tutto venne un profeta che li sistemò in ordine; poi prese dalle ginocchia di Lachesi lotti e campioni di vite e, salito su un alto pulpito, parlò così: «Ascolta la parola di Lachesi, figlia della Necessità. Anime mortali, ecco un nuovo ciclo di vita e mortalità. Il tuo genio non ti sarà assegnato, ma sceglierai il tuo genio; e che chi estrae la prima sorte abbia la prima scelta, e la vita che sceglierà sarà il suo destino. La virtù è libera, e come un uomo la onora o la disonora, avrà più o meno di lei; la responsabilità è con chi sceglie: Dio è giustificato. ‘

Quando l’interprete ebbe detto così, disperse indifferentemente a sorte tra tutti loro, e ognuno di loro raccolse la sorte che gli cadeva vicino, tutti tranne Er stesso (non gli era permesso), e ciascuno mentre prendeva la sua sorte percepiva il numero che aveva ottenuto.

I campioni di vite

Poi l’interprete ha posto a terra davanti a loro i campioni di vite; e c’erano molte più vite delle anime presenti, ed erano di tutti i tipi. C’erano vite di ogni animale e di uomo in ogni condizione. E c’erano tirannie tra loro, alcune che durarono la vita del tiranno, altre che si interruppero nel mezzo e finirono in povertà, esilio e mendicante; e c’erano vite di uomini famosi, alcuni famosi per la loro forma e bellezza, nonché per la loro forza e successo nei giochi, o, ancora, per la loro nascita e le qualità dei loro antenati; e alcuni che erano il contrario di famosi per le qualità opposte.

E allo stesso modo delle donne; non vi era, tuttavia, alcun carattere definito in loro, perché l’anima, quando sceglie una nuova vita, deve necessariamente diventare diversa. Ma c’era ogni altra qualità, e il tutto si mescolava tra loro, e anche con elementi di ricchezza e povertà, malattia e salute; e c’erano anche stati meschini.

Pericolo del nostro stato umano

E qui, mio ​​caro Glaucon, c’è il pericolo supremo del nostro stato umano; e quindi la massima cura dovrebbe essere presa. Lasciamo che ognuno di noi lasci ogni altro tipo di conoscenza e cerchi e segua solo una cosa, se per avventura può essere in grado di imparare e può trovare qualcuno che lo renderà in grado di imparare e discernere tra il bene e il male, e quindi scegliere sempre e ovunque la vita migliore come ha opportunità.

Deve considerare il rapporto con la virtù di tutte queste cose che sono state menzionate separatamente e collettivamente; dovrebbe sapere qual è l’effetto della bellezza quando è combinato con la povertà o la ricchezza in un’anima particolare, e quali sono le conseguenze buone e cattive di una nascita nobile e umile, di una posizione pubblica e privata, di forza e debolezza, di intelligenza e ottusità, e di tutti i doni naturali e acquisiti dell’anima, e il funzionamento di essi quando sono congiunti; guarderà poi alla natura dell’anima, e dalla considerazione di tutte queste qualità sarà in grado di determinare quale è la migliore e quale è la peggiore; e così sceglierà, dando il nome di male alla vita che renderà la sua anima più ingiusta, e buona alla vita che renderà la sua anima più giusta; tutto il resto ignorerà.

Scelta migliore in vita e morte

Perché abbiamo visto e sappiamo che questa è la scelta migliore sia nella vita che dopo la morte. Un uomo deve portare con sé nel mondo al di sotto di una fede adamantina nella verità e nel diritto, affinché anche lì possa rimanere sbalordito dal desiderio di ricchezza o dagli altri allettamenti del male, per timore che, imbattendosi in tirannie e simili malvagi, commetta torti irrimediabili agli altri e soffrire ancora peggio lui stesso; ma fagli sapere come scegliere il mezzo ed evitare gli estremi su entrambi i lati, per quanto possibile, non solo in questa vita ma in tutto ciò che deve venire. Perché questa è la via della felicità.

E secondo il rapporto del messaggero dell’altro mondo, questo era ciò che il profeta disse in quel momento: ‘Anche per l’ultimo arrivato, se sceglie saggiamente e vivrà diligentemente, viene stabilita un’esistenza felice e non indesiderabile. Non lasciare che chi sceglie per primo sia sbadato e non lasciare che l’ultimo si dispera. E quando ebbe parlato, si fece avanti colui che aveva la prima scelta e in un attimo scelse la più grande tirannia; essendo la sua mente offuscata dalla follia e dalla sensualità, non aveva pensato a tutto prima di scegliere e non si accorse a prima vista di essere destinato, tra gli altri mali, a divorare i propri figli.

Lamentando la sua scelta

Ma quando ebbe il tempo di riflettere, e vide cosa c’era nel lotto, cominciò a battersi il petto ea lamentarsi per la sua scelta, dimenticando l’annuncio del profeta; perché, invece di gettare la colpa della sua disgrazia su se stesso, ha accusato il caso e gli dei, e tutto, piuttosto che se stesso. Ora era uno di quelli che venivano dal cielo e in una vita precedente aveva abitato in uno Stato ben ordinato, ma la sua virtù era solo una questione di abitudine e non aveva filosofia.

Ed era vero per altri che erano stati ugualmente superati, che il maggior numero di loro veniva dal cielo e quindi non erano mai stati istruiti dalla prova, mentre i pellegrini che venivano dalla terra avendo loro stessi sofferto e visto altri soffrire, non avevano fretta scegliere. E a causa di questa loro inesperienza, e anche perché la sorte era una possibilità, molte anime hanno scambiato un buon destino con un male o un male con un bene.

Dedicato alla filosofia del suono

Perché se un uomo al suo arrivo in questo mondo si fosse sempre dedicato fin dall’inizio a una sana filosofia, ed fosse stato moderatamente fortunato nel numero del lotto, potrebbe, come riferì il messaggero, essere felice qui, e anche il suo viaggio verso un’altra vita e tornare a questa, invece di essere rudi e sotterranei, sarebbero stati fluidi e paradisiaci. La cosa più curiosa, disse, era lo spettacolo: triste, ridicolo e strano; poiché la scelta delle anime era nella maggior parte dei casi basata sulla loro esperienza di una vita precedente.

Là vide l’anima che un tempo era stata Orfeo scegliere la vita di un cigno per inimicizia alla razza delle donne, odiando nascere da una donna perché erano state le sue assassine; vide anche l’anima di Thamyras scegliere la vita di un usignolo; gli uccelli, d’altra parte, come il cigno e altri musicisti, che vogliono essere uomini.

Vita di un leone

L’anima che ottenne la ventesima sorte scelse la vita di un leone, e questa era l’anima di Aiace figlio di Telamone, che non sarebbe stato un uomo, ricordando l’ingiustizia che gli fu fatta nel giudizio sulle armi. Il successivo fu Agamennone, che prese la vita di un’aquila, perché, come Aiace, odiava la natura umana a causa delle sue sofferenze.

Verso la metà è arrivata la sorte dell’Atalanta; ella, vedendo la grande fama di atleta, non seppe resistere alla tentazione: e dopo di lei seguì l’anima di Epeo figlio di Panopeus passando nella natura di una donna astuta nelle arti; e lontana, tra gli ultimi che la scelsero, l’anima del giullare Tersite assumeva le sembianze di una scimmia.

Anima di Ulisse

Venne anche l’anima di Odisseo che doveva ancora fare una scelta, e la sua sorte fu l’ultima di tutte. Ora il ricordo delle fatiche precedenti lo aveva disincantato dall’ambizione, e per molto tempo andò in giro alla ricerca della vita di un uomo riservato che non se ne preoccupava; aveva qualche difficoltà a trovarlo, che giaceva in giro ed era stato trascurato da tutti gli altri; e quando lo vide, disse che avrebbe fatto lo stesso se fosse stato il primo invece che l’ultimo, e che era felicissimo di averlo.

E non solo gli uomini sono passati agli animali, ma devo anche menzionare che c’erano animali docili e selvaggi che si sono trasformati l’uno nell’altro e nelle corrispondenti nature umane: il buono in gentile e il cattivo in selvaggio, in ogni sorta di combinazione.

Guardiano delle loro vite

Tutte le anime avevano ormai scelto le loro vite, e andarono nell’ordine della loro scelta da Lachesi, che mandò con loro il genio che avevano scelto separatamente, per essere il guardiano delle loro vite e l’adempitore della scelta: questo genio guidò le anime prima a Cloto, e le trascinò entro la rivoluzione del fuso spinto dalla sua mano, ratificando così il destino di ciascuna; e poi, quando furono fissati a questo, li portò ad Atropo, che tesse i fili e li rese irreversibili, donde senza voltarsi passarono sotto il trono della Necessità; e quando furono passati tutti, marciarono in un caldo torrido verso la pianura dell’oblio, che era una desolata arida priva di alberi e di verde; e poi verso sera si accamparono presso il fiume dell’Incoscienza, la cui acqua nessun vascello può trattenere; di questo erano tutti obbligati a bere una certa quantità, e quelli che non furono salvati dalla saggezza bevvero più del necessario; e ciascuno, bevendo, dimenticò ogni cosa.

Ora, dopo che si furono riposati, verso la metà della notte ci fu un temporale e un terremoto, e poi in un istante furono sospinti verso l’alto in tutti i modi fino alla loro nascita, come stelle che cadono. A lui stesso è stato impedito di bere l’acqua. Ma in che modo o con quali mezzi fosse tornato al corpo non poteva dire; solo che al mattino, svegliandosi all’improvviso, si trovò disteso sul rogo.

Il racconto è stato salvato

E così, Glaucon, il racconto è stato salvato e non è perito, e ci salverà se obbediremo alla parola detta; e passeremo sani e salvi sul fiume dell’oblio e la nostra anima non sarà contaminata. Pertanto il mio consiglio è che ci atteniamo sempre alla via celeste e seguiamo sempre la giustizia e la virtù, considerando che l’anima è immortale e in grado di sopportare ogni sorta di bene e ogni sorta di male.

Così vivremo cari gli uni agli altri e agli dei, sia rimanendo qui sia quando, come vincitori nei giochi che vanno in giro a raccogliere doni, riceveremo la nostra ricompensa. E ci andrà bene sia in questa vita che nel pellegrinaggio di mille anni che abbiamo descritto.

Alcuni riferimenti per la “Repubblica” di Platone

Suggerimenti basati su: Bibliografie in linea di Oxford

  • Ferrari, GRF.
  • Reeve, CDC.
  • Bianco, Nicholas P..
  • Williams, Bernard. “L’analogia tra città e anima nella Repubblica di Platone”. Il senso del passato: saggi nella storia della filosofia. A cura di Bernard Williams, 108-117. Princeton, NJ: Princeton University Press, 2006.