Jacob Lawrence: biografia e opere famose

Jacob Lawrence è stato un rivoluzionario artista afroamericano che ha vissuto dal 1917 al 2000. Lawrence è più noto per la sua serie Migration, che racconta la storia in sessanta pannelli dipinti di The Great Migration, e la serie War, che racconta la sua storia proprio servizio nella guardia costiera degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. 

La Grande Migrazione fu il movimento di massa e il trasferimento di sei milioni di afroamericani dal sud rurale al nord urbano dagli anni 1916-1970, durante e dopo la prima guerra mondiale, come risultato delle leggi sulla segregazione di Jim Crow e delle scarse opportunità economiche in il sud per gli afroamericani. 

Oltre alla Grande Migrazione che ha interpretato in The Migration Series, Jacob Lawrence ha sollevato le storie di altri grandi afroamericani, regalandoci storie di speranza e perseveranza sulle avversità. Proprio come la sua stessa vita era una brillante storia di perseveranza e successo, così lo erano anche le storie degli afroamericani che ha ritratto nelle sue opere d’arte. Sono serviti come fari di speranza per lui durante la sua giovinezza e lo sviluppo nell’età adulta e si è assicurato che ricevessero il riconoscimento che meritavano e potessero continuare a ispirare altri come lui.

Biografia di Jacob Lawrence

Jacob Lawrence (1917-2000) è stato un artista afroamericano che è stato uno dei più importanti artisti del ventesimo secolo e uno dei più noti pittori e cronisti americani della vita afroamericana. Ha avuto, e continua ad avere, una profonda influenza sull’arte e la cultura americana attraverso il suo insegnamento, la scrittura e dipinti innovativi attraverso i quali ha raccontato la storia della vita afroamericana. È meglio conosciuto per le sue numerose serie narrative, in particolare The Migration Series, 

È nato nel New Jersey ma la sua famiglia si è trasferita in Pennsylvania dove ha vissuto fino all’età di sette anni. I suoi genitori divorziarono allora e fu affidato a un affido fino all’età di tredici anni quando si trasferì ad Harlem per vivere di nuovo con sua madre. È cresciuto durante la Grande Depressione, ma è stato influenzato dall’atmosfera creativa del Rinascimento di Harlem degli anni ‘1920 e ‘1930, un periodo di grande attività artistica, sociale e culturale ad Harlem. Ha studiato arte in un programma doposcuola presso la Utopia Children’s House, un asilo nido comunitario, e poi all’Harlem Art Workshop, dove è stato mentore di artisti del Rinascimento di Harlem.

Alcuni dei primi dipinti di Lawrence riguardavano le vite di eroici afroamericani e altri esclusi dai libri di storia dell’epoca, come Harriet Tubman, ex schiava e leader della Underground Railroad, Frederick Douglass, ex leader schiavo e abolizionista e Toussant L’Ouverture, lo schiavo che ha portato Haiti alla liberazione dall’Europa.

Lawrence vinse una borsa di studio per l’American Artists School di New York nel 1937. Dopo la laurea nel 1939, Lawrence ricevette un finanziamento dal Works Progress Administration Federal Art Project e nel 1940 ricevette una borsa di studio di $ 1,500 dalla Fondazione Rosenwald per creare una serie di pannelli su The Great Migrazione, ispirata dall’esperienza dei suoi genitori e di altre persone che conosceva, insieme a milioni di altri afroamericani. Ha completato la serie entro un anno con l’aiuto di sua moglie, la pittrice Gwendolyn Knight, che lo ha aiutato a stuccare i pannelli e scrivere il testo.

Nel 1941, un periodo di estrema segregazione razziale, Lawrence superò la divisione razziale per diventare il primo artista afroamericano il cui lavoro fu acquisito dal Museum of Modern Art, e nel 1942 divenne il primo afroamericano a entrare a far parte di una galleria di New York . All’epoca aveva ventiquattro anni. 

Lawrence fu arruolato nella Guardia Costiera durante la seconda guerra mondiale e prestò servizio come artista di combattimento. Una volta dimesso, è tornato ad Harlem e ha ripreso a dipingere scene di vita quotidiana. Ha insegnato in vari luoghi e nel 1971 ha accettato una posizione di insegnante permanente come professore d’arte presso l’Università di Washington a Seattle, dove è rimasto per quindici anni.

Il suo lavoro è stato esposto nei principali musei del paese. La serie Migration è di proprietà congiunta del Museum of Modern Art di New York, che possiede i dipinti con numero pari, e la Phillips Collection di Washington, DC, che possiede i dipinti con numero dispari. Nel 2015 tutti i 60 pannelli sono stati riuniti per alcuni mesi in una mostra al Museum of Modern Art chiamata One-Way Ticket: Jacob Lawrence’s Migration Series and Other Visions of the Great Movement North.

Opere famose

The Migration Series (Inizialmente intitolato The Migration of the Negro) (1940-1941): una serie di 60 pannelli a tempera, inclusi immagini e testo, che racconta la Grande Migrazione degli afroamericani dal sud rurale al nord urbano tra il mondo La prima e la seconda guerra mondiale.

Jacob Lawrence: The Frederick Douglass and Harriet Tubman Series of 1938-1940: due serie di 32 e 31 immagini, rispettivamente, dipinte a tempera tra il 1938 e il 1940 di famosi ex schiavi e abolizionisti.

Jacob Lawrence: The Toussaint L’Overture Series (1938): una serie di 41 pannelli, a tempera su carta, che racconta la storia della rivoluzione haitiana e dell’indipendenza dall’Europa. Le immagini sono accompagnate da testo descrittivo. Questa serie si trova nella Collezione Aaron Douglas dell’Armistad Research Center a New Orleans.