Le 10 letture da non perdere per i liberali

Uno dei grandi segni distintivi del liberalismo è che premia la ragione rispetto all’emozione. A differenza della voce acuta della demagogia, il punto di vista liberale si basa su argomenti misurati che tengono conto di molteplici punti di vista. I liberali fanno la loro ricerca; a differenza dei commenti improvvisati e impulsivi, gli argomenti liberali sono radicati in una solida comprensione dei problemi e si basano su un’analisi completa dei fatti.

Ciò significa che i liberali devono leggere molto per mantenere le loro conoscenze. Oltre ai grandi classici filosofici di pensatori illuministi come John Locke e Rousseau, i seguenti libri dovrebbero essere considerati una lettura necessaria per chiunque sia interessato al passato, presente e futuro del liberalismo americano.

01 di 10

Louis Hartz, La tradizione liberale in America (1956)

Questo è un vecchio ma buono, un classico che sostiene che gli americani sono tutti, essenzialmente, completamente liberali. Perché? Poiché crediamo nel dibattito ragionato, riponiamo la nostra fiducia nel sistema elettorale e sia i Democratici che i Repubblicani concordano con l’enfasi di John Locke su uguaglianza, libertà, tolleranza religiosa, mobilità sociale e diritti di proprietà.

02 di 10

Betty Friedan, The Feminine Mystique (1963)

Il catalizzatore del femminismo di seconda ondata, il libro di Friedan ha chiaramente scoperto “il problema senza nome”: il fatto che le donne negli anni ‘1950 e ‘1960 erano estremamente insoddisfatte dei limiti della società e soffocavano le loro ambizioni, creatività e intelletti per conformarsi. Nel processo, le donne hanno accettato lo status di seconda classe nella società. Il libro di Friedan ha cambiato per sempre il dialogo su donne e potere.

03 di 10

Morris Dees, A Lawyer’s Journey: The Morris Dees Story (1991)

Scopri cosa serve per lottare per la giustizia sociale da Dees, il figlio di un affittuario che ha abbandonato la sua lucrativa legge e la sua pratica commerciale per unirsi al movimento per i diritti civili e fondare il Southern Poverty Law Center. L’SPLC è noto soprattutto per la lotta al razzismo e per perseguire crimini ispirati dall’odio e gruppi di odio. 

04 di 10

Robert Reich, Motivo: perché i liberali vinceranno la battaglia per l’America (2004)

Questa chiamata alle armi contro il conservatorismo radicale chiede ai lettori di rivendicare il dialogo politico della nazione sulla moralità rimuovendolo dall’arena sociale e rifocalizzandosi invece sulla disuguaglianza economica come forma di immoralità. 

05 di 10

Robert B. Reich, Supercapitalism (2007)

Se un libro di Reich è una buona lettura liberale, due è meglio. Qui, Reich spiega quanto dannoso possa essere il lobbismo aziendale per tutti gli americani, specialmente i lavoratori e la classe media. Reich delinea l’aumento della ricchezza e della disuguaglianza di reddito su scala globale e sollecita una maggiore separazione tra affari e governo. 

06 di 10

Paul Starr, Freedom’s Power: The True Force of Liberalism (2008)

Questo libro sostiene che il liberalismo è l’unico percorso equo per le società moderne perché si basa sulle doppie forze dell’economia del laissez-faire del liberalismo classico e sull’impegno del liberalismo moderno per il benessere sociale.

07 di 10

Eric Alterman, Why We’re Liberals: A Handbook (2009)

Questo è il libro di cui hai bisogno per formulare argomenti più informati a favore del liberalismo. Il critico dei media Alterman spiega l’emergere del liberalismo americano e la realtà statistica che la maggior parte degli americani è fondamentalmente liberale.

08 di 10

Paul Krugman, La coscienza di un liberale (2007)

Krugman, uno dei principali economisti americani e famoso editorialista del New York Times, fornisce qui la spiegazione storica dell’emergere della vasta disuguaglianza economica che caratterizza gli Stati Uniti oggi. Sulla base di questa analisi, Krugman chiede un nuovo sistema di assistenza sociale in questa risposta tanto attesa al precursore della nuova destra di Barry Goldwater del 1960, “La coscienza di un conservatore”.

09 di 10

Thomas Piketty, La capitale nel ventunesimo secolo (2013)

Questo bestseller è diventato un classico istantaneo perché dimostra con forza che il ritorno sul capitale è stato molto maggiore della crescita economica che la conseguente distribuzione ineguale della ricchezza può essere risolta solo con tasse progressive.

10 di 10

Howard Zinn, Storia popolare degli Stati Uniti (1980)

Pubblicato per la prima volta nel 1980 e ristampato più volte, questa storia narrativa è un classico liberale. I conservatori sostengono che non è patriottico perché cataloga le varie violazioni dell’uguaglianza e della libertà che hanno plasmato gli Stati Uniti, tra cui la schiavitù, l’oppressione e la distruzione dei popoli indigeni, la persistenza della discriminazione di genere, etnica e razziale e i risultati dannosi dell’imperialismo americano .