Quali sono le stelle più grandi dell’universo?

Le stelle sono immense sfere di plasma ardente. Tuttavia, a parte il Sole nel nostro sistema solare, appaiono come minuscoli punti luminosi nel cielo. Il nostro Sole, tecnicamente una nana gialla, non è né la stella più grande né la più piccola dell’universo. Sebbene sia molto più grande di tutti i pianeti messi insieme, non è nemmeno di medie dimensioni rispetto ad altre stelle più massicce. Alcune di queste stelle sono più grandi perché si sono evolute in quel modo dal momento in cui si sono formate, mentre altre sono più grandi perché si espandono con l’avanzare dell’età. 

Dimensione stella: un bersaglio in movimento

Capire le dimensioni di una stella non è un progetto semplice. A differenza dei pianeti, le stelle non hanno una superficie distinta con cui formare un “bordo” per le misurazioni, né gli astronomi hanno un comodo righello per eseguire tali misurazioni. In generale, gli astronomi guardano una stella e misurano la sua dimensione angolare, che è la sua larghezza misurata in gradi o minuti d’arco o secondi d’arco. Questa misurazione dà loro un’idea generale delle dimensioni della stella, ma ci sono altri fattori da considerare.

Ad esempio, alcune stelle sono variabili, il che significa che si espandono e si restringono regolarmente al variare della loro luminosità. Ciò significa che quando gli astronomi studiano una stella come V838 Monocerotis, devono guardarla più di una volta in un periodo di tempo mentre si espande e si restringe per poter calcolare una dimensione media. Come praticamente per tutte le misurazioni astronomiche, esiste anche un margine di imprecisione nelle osservazioni dovuto, tra gli altri fattori, a errori dell’attrezzatura e distanza.

Infine, un elenco di stelle per dimensione deve tenere conto del fatto che potrebbero esserci esemplari più grandi che semplicemente non sono stati ancora studiati o addirittura rilevati. Con questo in mente, le seguenti sono le 10 stelle più grandi attualmente conosciute dagli astronomi. 

Betelgeuse

davidebarruncho / Getty Images

Betelgeuse, facilmente visibile da ottobre a marzo nel cielo notturno, è la più nota delle supergiganti rosse. Ciò è dovuto in parte al fatto che a circa 640 anni luce dalla Terra, Betelgeuse è molto vicina rispetto alle altre stelle di questa lista. Fa anche parte di quella che è una delle costellazioni più famose, Orione. Con un raggio noto superiore a mille volte quello del nostro Sole, questa stella massiccia si trova da qualche parte tra 950 e 1,200 raggi solari (l’unità di distanza usata dagli astronomi per esprimere la dimensione delle stelle pari al raggio attuale del Sole) e si prevede che diventi supernova in qualsiasi momento.

VY Canis Major

Tim Brown / The Image Bank / Getty Images

Questa ipergigante rossa è tra le più grandi stelle conosciute nella nostra galassia. Ha un raggio stimato tra 1,800 e 2,100 volte quello del Sole. A queste dimensioni, se posizionato nel nostro sistema solare, raggiungerebbe quasi l’orbita di Saturno. VY Canis Majoris si trova a circa 3,900 anni luce dalla Terra in direzione della costellazione del Canis Majoris. È una delle tante stelle variabili che compaiono nella costellazione del Canis Major.

VV Cephei A

Foobaz / Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Si stima che questa stella ipergigante rossa sia circa mille volte il raggio del Sole ed è attualmente considerata una delle più grandi stelle di questo tipo nella Via Lattea. Situato in direzione della costellazione di Cefeo, VV Cephei A si trova a circa 6,000 anni luce dalla Terra ed è in realtà parte di un sistema stellare binario condiviso con una stella blu più piccola compagna. La “A” nel nome della stella è assegnata alla più grande delle due stelle nella coppia. Mentre orbitano l’un l’altro in una danza complessa, non sono stati rilevati pianeti per VV Cephei A.

Mu Cephei

Francesco Malafarina / Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Questa supergigante rossa a Cefeo è circa 1,650 volte il raggio del nostro Sole. Con oltre 38,000 volte la luminosità del Sole, è anche una delle stelle più luminose della Via Lattea. Grazie al suo bel colore rossastro, le è stato dato il soprannome di “Herschel’s Garnet Star” in onore di Sir William Herschel, che lo osservò nel 1783, ed è anche conosciuto con il nome arabo Erakis.

V838 Monocerotis

Stocktrek / Getty Images

Questa stella variabile rossa situata nella direzione della costellazione del Monoceros si trova a circa 20,000 anni luce dalla Terra. Può essere più grande di Mu Cephei o VV Cephei A, ma a causa della sua distanza dal Sole e del fatto che le sue dimensioni pulsano, le sue dimensioni effettive sono difficili da determinare. Dopo il suo ultimo sfogo nel 2009, le sue dimensioni sembravano essere più piccole. Pertanto, viene fornito un intervallo tipicamente compreso tra 380 e 1,970 raggi solari. Il telescopio spaziale Hubble ha documentato in diverse occasioni il velo di polvere che si allontana dal V838 Monocerotis.

WOH G64

Immagini Stocktrek / Getty Images

Questa ipergigante rossa situata nella costellazione del Dorado (nei cieli dell’emisfero meridionale) è circa 1,540 volte il raggio del Sole. In realtà si trova al di fuori della Via Lattea nella Grande Nube di Magellano, una galassia compagna vicina alla nostra che si trova a circa 170,000 anni luce di distanza. 

WOH G64 ha uno spesso disco di gas e polvere che lo circonda, che è stato probabilmente espulso quando la stella ha iniziato la sua agonia. Questa stella una volta era più di 25 volte la massa del Sole, ma quando si avvicinò all’esplosione come una supernova, iniziò a perdere massa. Gli astronomi stimano che abbia perso abbastanza materiale da costituire da tre a nove sistemi solari. 

V354 Cephei

Rhys Taylor / Stocktrek Images / Getty Images

Leggermente più piccola di WOH G64, questa ipergigante rossa ha 1,520 raggi solari. Ad una distanza relativamente vicina a 9,000 anni luce dalla Terra, V354 Cephei si trova nella costellazione di Cefeo. WOH G64 è una variabile irregolare, il che significa che pulsa su un programma irregolare. Gli astronomi che studiano da vicino questa stella l’hanno identificata come parte di un gruppo più ampio di stelle chiamato associazione stellare Cepheus OB1 che contiene molte stelle massicce calde, ma anche un numero di supergiganti più fredde come questa. 

RW Cephei

Stocktrek / Getty Images

Ecco un’altra voce dalla costellazione di Cefeo nel cielo dell’emisfero settentrionale. Questa stella potrebbe non sembrare così grande nel suo stesso quartiere, tuttavia, non ce ne sono molte altre nella nostra galassia o nelle vicinanze che possono competere con essa. Il raggio di questa supergigante rossa è da qualche parte intorno a 1,600 raggi solari. Se fosse al centro del nostro sistema solare al posto del Sole, la sua atmosfera esterna si estenderebbe oltre l’orbita di Giove.

KY Cygni

Haitong Yu / Getty Images

Mentre KY Cygni è almeno 1,420 volte il raggio del Sole, alcune stime lo collocano più vicino a 2,850 raggi solari (sebbene sia probabilmente più vicino alla stima più piccola). KY Cygni si trova a circa 5,000 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cigno. Sfortunatamente, al momento non sono disponibili immagini utilizzabili per questa stella.

KW Archer

av ley / Getty Images

Rappresentando la costellazione del Sagittario, questa supergigante rossa è 1,460 volte il raggio del nostro Sole. KW Sagittarii si trova a circa 7,800 anni luce dalla Terra. Se fosse la stella principale del nostro sistema solare, si estenderebbe ben oltre l’orbita di Marte. Gli astronomi hanno misurato la temperatura di KW Sagittarii a circa 3,700 K (Kelvin, l’unità di base della temperatura nel Sistema Internazionale di Unità, con il simbolo dell’unità K). Questo è molto più freddo del Sole, che è 5,778 K in superficie. (Al momento non sono disponibili immagini utilizzabili per questa stella.)