I giuramenti di presidente, vicepresidente, giudici e congresso

Un giuramento è una promessa richiesta alla maggior parte dei funzionari federali per adempiere ai doveri stabiliti nella Costituzione degli Stati Uniti. Il presidente e il vicepresidente, i membri della Camera dei rappresentanti e del Senato degli Stati Uniti e i giudici che si uniscono alla Corte Suprema degli Stati Uniti prestano pubblicamente giuramenti prima di assumere l’incarico.

Ma cosa dicono quei giuramenti d’ufficio? E cosa significano? Ecco uno sguardo ai giuramenti presi da alti funzionari nei rami esecutivo, legislativo e giudiziario del governo federale.

Il giuramento del presidente

Il presidente è tenuto dall’articolo II, sezione I della Costituzione degli Stati Uniti a prestare il seguente giuramento:

“Giuro solennemente (o affermo) che eseguirò fedelmente la carica di Presidente degli Stati Uniti e, al meglio delle mie capacità, preserverò, proteggerò e difenderò la Costituzione degli Stati Uniti”.

La maggior parte dei presidenti sceglie di prestare quel giuramento mentre poggia una mano su una Bibbia, che spesso è aperta a un versetto specifico che è importante per i tempi o per il comandante in capo entrante.

Il giuramento del vicepresidente

Il vice presidente presta giuramento durante la stessa cerimonia del presidente. Fino al 1933, il vicepresidente ha prestato giuramento nelle camere del Senato degli Stati Uniti. Il giuramento del vicepresidente risale al 1884 ed è lo stesso di quello prestato dai membri del Congresso:

“Giuro solennemente (o affermo) che sosterrò e difenderò la Costituzione degli Stati Uniti contro tutti i nemici, stranieri e interni; che porterò vera fede e fedeltà alla stessa; che prendo questo obbligo liberamente, senza alcun riserva mentale o scopo di evasione, e che adempirò bene e fedelmente ai doveri dell’ufficio in cui sto per entrare: quindi aiutami Dio “.

A partire dal giuramento di John Adams nel 1797, il giuramento è stato amministrato dal giudice capo della Corte Suprema. Per la maggior parte della storia della nazione, il giorno dell’inaugurazione è stato il 4 marzo. Dal secondo mandato del presidente Franklin D. Roosevelt nel 1937, quella cerimonia si tiene il 20 gennaio, secondo il 20 ° emendamento, che specifica che il mandato di un presidente dovrebbe iniziare a mezzogiorno. data dell’anno successivo alle elezioni presidenziali.
Non tutti i giuramenti d’ufficio si sono verificati il ​​giorno dell’inaugurazione. Otto vicepresidenti hanno prestato giuramento alla morte di un presidente, mentre un altro ha prestato giuramento in seguito a dimissioni presidenziali, secondo i registri del Senato degli Stati Uniti.

  • Il vicepresidente John Tyler prestò giuramento il 6 aprile 1841, in seguito alla morte del presidente William Henry Harrison.
  • Il vicepresidente Millard Fillmore prestò giuramento il 10 luglio 1850, in seguito alla morte del presidente Zachary Taylor.
  • Il vicepresidente Andrew Johnson prestò giuramento il 15 aprile 1865, in seguito all’assassinio del presidente Abraham Lincoln.
  • Il vicepresidente Chester Alan Arthur prestò giuramento il 20 settembre 1881, in seguito all’assassinio del presidente James Garfield.
  • Il vicepresidente Theodore Roosevelt prestò giuramento il 14 settembre 1901, in seguito all’assassinio del presidente William McKinley.
  • Il vicepresidente Calvin Coolidge prestò giuramento il 3 agosto 1923, in seguito alla morte del presidente Warren Harding.
  • Il vicepresidente Harry Truman prestò giuramento il 12 aprile 1945, in seguito alla morte del presidente Franklin Roosevelt.
  • Il vicepresidente Lyndon Johnson prestò giuramento il 22 novembre 1963, in seguito all’assassinio del presidente John F. Kennedy.
  • Il vicepresidente Gerald R. Ford prestò giuramento il 9 agosto 1974, in seguito alle dimissioni del presidente Richard Nixon.

Il giuramento della Corte Suprema degli Stati Uniti

Ciascun giudice della Corte suprema presta il seguente giuramento:

“Giuro solennemente (o affermo) che amministrerò la giustizia senza rispetto per le persone, e farò lo stesso diritto ai poveri e ai ricchi, e che adempirò fedelmente e imparzialmente e adempirò tutti i doveri che mi spettano come ai sensi del Costituzione e leggi degli Stati Uniti. Allora aiutami Dio “.

Giuramenti d’ufficio per i membri del Congresso

All’inizio di ogni nuovo Congresso, l’intera Camera dei Rappresentanti e un terzo del Senato giurano in carica. Questo giuramento risale al 1789, primo Congresso; tuttavia, l’attuale giuramento fu formato negli anni ‘1860 dell’Ottocento dai membri del Congresso dell’era della Guerra Civile.

I primi membri del Congresso svilupparono questo semplice giuramento di 14 parole:

“Giuro solennemente (o affermo) che sosterrò la Costituzione degli Stati Uniti”.

La guerra civile portò Lincoln a sviluppare un giuramento esteso per tutti i dipendenti civili federali nell’aprile 1861. Quando il Congresso si riunì di nuovo nello stesso anno, i suoi membri emanarono leggi che obbligavano i dipendenti a prestare il giuramento esteso a sostegno dell’Unione. Questo giuramento è il primo diretto predecessore del giuramento moderno.
L’attuale giuramento è stato emanato nel 1884. Si legge:

“Giuro solennemente (o affermo) che sosterrò e difenderò la Costituzione degli Stati Uniti contro tutti i nemici, stranieri e interni; che porterò vera fede e fedeltà alla stessa; che prendo questo obbligo liberamente, senza alcun riserva mentale o scopo di evasione, e che adempirò bene e fedelmente ai doveri dell’ufficio in cui sto per entrare: quindi aiutami Dio “.

La cerimonia del giuramento pubblico consiste in membri del Congresso che alzano la mano destra e ripetono il giuramento. Questa cerimonia è guidata dal Presidente della Camera e non vengono utilizzati testi religiosi. Alcuni membri del Congresso in seguito tengono cerimonie private separate per i servizi fotografici.

[Questo articolo è stato modificato da Tom Murse.]