Foto e profili dei primi dinosauri

01 di 30

Incontra i primi veri dinosauri dell’era mesozoica

Risata.
Jorge Gonzalez

I primi veri dinosauri – piccoli rettili carnivori a due zampe – si sono evoluti in quello che oggi è il Sud America durante il periodo medio-tardo Triassico, circa 230 milioni di anni fa, e poi si sono diffusi in tutto il mondo. Nelle diapositive seguenti troverai immagini e profili dettagliati dei primissimi dinosauri dell’era mesozoica, che vanno da A (Alwalkeria) a Z (Zupaysaurus).

02 di 30

Alwalkeria

Alwalkeria (Wikimedia Commons).

Nome

Alwalkeria (dal nome del paleontologo Alick Walker); pronunciato AL-walk-EAR-ee-ah

Habitat

Boschi dell’Asia meridionale

Periodo storico

Tardo Triassico (220 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Undisclosed

Dieta

Incerto; forse onnivoro

Caratteristiche distintive

Postura bipede; taglia piccola

Tutte le prove fossili disponibili indicano che il Triassico medio del Sud America è il luogo di nascita dei primi dinosauri – e nel tardo Triassico, solo pochi milioni di anni dopo, questi rettili si erano diffusi in tutto il mondo. L’importanza di Alwalkeria è che sembra essere uno dei primi dinosauri saurischiani (cioè è apparso sulla scena poco dopo la scissione tra dinosauri “dai fianchi di lucertola” e “dai fianchi di uccello”), e che sembra aver condiviso alcune caratteristiche con il molto precedente Eoraptor del Sud America. Tuttavia, c’è ancora molto che non sappiamo su Alwalkeria, ad esempio se fosse un mangiatore di carne, un mangiatore di piante o un onnivoro!

03 di 30

Chindesaurus

Chindesaurus.
Sergey Krasovskiy

Nome e Cognome:

Chindesaurus (greco per “lucertola Chinde Point”); pronunciato CHIN-deh-SORE-us

Habitat:

Paludi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Triassico (225 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 10 piedi di lunghezza e 20-30 libbre

Dieta:

Piccoli animali

Caratteristiche distintive:

Grande taglia relativa; zampe lunghe e coda lunga simile a una frusta

Per dimostrare quanto fossero semplici e vanigliati i primi dinosauri del tardo Triassico, il Chindesaurus fu inizialmente classificato come un primo prosauropode, piuttosto che un primo teropode, due tipi molto diversi di dinosauro che sembravano ancora notevolmente simili in quel periodo relativamente precoce in Evoluzione. Successivamente, i paleontologi determinarono in modo conclusivo che il Chindesaurus era un parente stretto del teropode sudamericano Herrerasaurus, e probabilmente un discendente di questo dinosauro più famoso (poiché ci sono prove evidenti che i primi veri dinosauri abbiano avuto origine in Sud America).

04 di 30

Coelophysis

Coelophysis.
Wikimedia Commons

Il primo dinosauro Coelophysis ha avuto un impatto sproporzionato sulla documentazione fossile: migliaia di esemplari di Coelophysis sono stati scoperti nel New Mexico, portando a ipotizzare che questi piccoli mangiatori di carne vagassero per il Nord America in branchi. Vedi 10 fatti sulla coelofisi

05 di 30

Coelurus

Coelurus.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Coelurus (greco per “coda cava”); pronunciato see-LORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Late Jurassic (150 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa sette piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; mani e piedi snelli

Coelurus era uno degli innumerevoli generi di piccoli, agili teropodi che correvano attraverso le pianure e le foreste del tardo Giurassico del Nord America. I resti di questo minuscolo predatore furono scoperti e nominati nel 1879 dal famoso paleontologo Othniel C. Marsh, ma in seguito furono raggruppati (erroneamente) con Ornitholestes, e ancora oggi i paleontologi non sono sicuri di quale posizione esattamente Coelurus (e gli altri suoi parenti stretti, come Compsognathus) occupa l’albero genealogico dei dinosauri.

A proposito, il nome Coelurus – greco per “coda cava” – si riferisce alle vertebre leggere nel coccige di questo dinosauro. Poiché il Coelurus da 50 libbre non aveva esattamente bisogno di conservare il suo peso (le ossa cave hanno più senso negli enormi sauropodi), questo adattamento evolutivo potrebbe contare come prova aggiuntiva per l’eredità dei teropodi degli uccelli moderni.

06 di 30

Compsognathus

Compsognathus.
Wikimedia Commons

Una volta pensato per essere il dinosauro più piccolo, Compsognathus è stato da allora superato da altri candidati. Ma questo mangiatore di carne giurassico non dovrebbe essere preso alla leggera: era molto veloce, con una buona visione stereo e forse anche in grado di abbattere prede più grandi. Vedi 10 fatti su Compsognathus

07 di 30

Condorraptor

Condorraptor.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Condorraptor (greco per “ladro di condor”); pronunciato CON-door-rap-tore

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Giurassico medio (175 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 15 piedi di lunghezza e 400 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Posizione bipede; di medie dimensioni

Il suo nome – greco per “ladro di condor” – potrebbe essere la cosa meglio compresa su Condorraptor, che inizialmente fu diagnosticato sulla base di una singola tibia (osso della gamba) fino a quando uno scheletro quasi completo fu portato alla luce un paio di anni dopo. Questo teropode “piccolo” (solo circa 400 libbre) risale al periodo Giurassico medio, circa 175 milioni di anni fa, un tratto relativamente oscuro della linea temporale dei dinosauri – quindi un ulteriore esame dei resti di Condorraptor dovrebbe far luce sull’evoluzione. di grandi teropodi. (A proposito, nonostante il suo nome, Condorraptor non era un vero rapace come il successivo Deinonychus o Velociraptor.)

08 di 30

Daemonosaurus

Daemonosaurus.
Jeffrey Martz

Nome e Cognome:

Daemonosaurus (greco per “lucertola malvagia”); pronunciato day-MON-oh-SORE-us

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Tardo Triassico (205 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa cinque piedi di lunghezza e 25-50 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Muso smussato con denti prominenti; postura a due gambe

Per oltre 60 anni, la cava di Ghost Ranch nel New Mexico era meglio conosciuta per aver prodotto migliaia di scheletri di Coelophysis, uno dei primi dinosauri del tardo Triassico. Ora, Ghost Ranch ha aggiunto alla sua mistica con la recente scoperta di Daemonosaurus, un mangiatore di carne a due gambe relativamente elegante con un muso smussato e denti prominenti che rivestono la mascella superiore (da cui il nome della specie di questo dinosauro, chauliodus, greco per “dentata”). Daemonosaurus quasi certamente predò, e fu predato a sua volta, dal suo cugino più famoso, anche se non è chiaro quale genere avrebbe avuto il sopravvento (o artiglio).

Per quanto primitivo fosse paragonato ai successivi teropodi (come rapaci e tirannosauri), Daemonosaurus era ben lungi dall’essere il primo dinosauro predatore. Esso, e Coelophysis, discendono dai primissimi teropodi del Sud America (come Eoraptor e Herrerasaurus) vissuti circa 20 milioni di anni prima. Tuttavia, ci sono alcuni allettanti indizi che il Daemonosaurus fosse una forma di transizione tra i teropodi basali del periodo Triassico ei generi più avanzati dei successivi Giurassico e Cretaceo; i più notevoli a questo riguardo erano i suoi denti, che sembravano versioni ridotte degli enormi elicotteri di T. Rex.

09 di 30

Elaphrosaurus

Elaphrosaurus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Elaphrosaurus (greco per “lucertola leggera”); pronunciato eh-LAFF-roe-SORE-us

Habitat:

Boschi d’Africa

Periodo storico:

Late Jurassic (150 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e 500 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Corporatura snella; velocità di marcia veloce

Elaphrosaurus (“lucertola leggera”) deriva dal suo nome onestamente: questo primo teropode era relativamente snello per la sua lunghezza, solo 500 libbre o giù di lì per un corpo che misurava 20 piedi dalla testa alla coda. Sulla base della sua corporatura snella, i paleontologi ritengono che Elaphrosaurus fosse un corridore eccezionalmente veloce, sebbene ulteriori prove fossili aiuterebbero a definire il caso (fino ad oggi, la “diagnosi” di questo dinosauro si è basata su un solo scheletro incompleto). La preponderanza delle prove indica che Elaphrosaurus è un parente stretto di Ceratosaurus, sebbene si possa anche fare un caso traballante per Coelophysis.

10 di 30

Eocursore

Eocursore.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Eocursor (greco per “corridore dell’alba”); pronunciato EE-oh-cur-sore

Habitat:

Boschi dell’Africa meridionale

Periodo storico:

Tardo Triassico (210 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta:

Probabilmente onnivoro

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; andatura bipede

Verso la fine del Triassico, i primissimi dinosauri – al contrario dei rettili preistorici come i pelicosauri e i terapsidi – si diffusero in tutto il mondo dalla loro base in Sud America. Uno di questi, nell’Africa meridionale, era Eocursor, la controparte di altri dinosauri progenitori come Herrerasaurus in Sud America e Coelophysis in Nord America. Il parente più prossimo di Eocursor era probabilmente Heterodontosaurus, e questo primo dinosauro sembra trovarsi alla radice del ramo evolutivo che in seguito ha dato origine ai dinosauri ornithischian, una categoria che include sia gli stegosauri che i ceratopsiani.

11 di 30

Eodromaeus

Eodromaeus.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Eodromaeus (greco per “corridore dell’alba”); pronunciato EE-oh-DRO-may-us

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Triassico medio (230 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa quattro piedi di lunghezza e 10-15 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; postura bipede

Per quanto ne sanno i paleontologi, è stato nel Triassico medio del Sud America che gli archosauri più avanzati si sono evoluti nei primissimi dinosauri: piccoli mangiatori di carne bipedi che erano destinati a scindersi nei più familiari dinosauri saurischi e ornitischi del Periodo Giurassico e Cretaceo. Annunciato al mondo nel gennaio del 2011 da una squadra che comprendeva l’onnipresente Paul Sereno, Eodromaeus era molto simile nell’aspetto e nel comportamento ad altri dinosauri “basali” sudamericani come Eoraptor e Herrerasaurus. Lo scheletro quasi completo di questo piccolo teropode è stato messo insieme da due esemplari trovati nella Valle de la Luna in Argentina, una ricca fonte di fossili del Triassico.

12 di 30

Eoraptor

Eoraptor.
Wikimedia Commons

L’Eoraptor del Triassico mostrava molte delle caratteristiche generiche dei dinosauri carnivori successivi e più temibili: una postura bipede, una lunga coda, mani a cinque dita e una piccola testa piena di denti aguzzi. Vedi 10 fatti su Eoraptor

13 di 30

Guaibasaurus

Guaibasaurus (Nobu Tamura).

Nome

Guaibasaurus (dal nome del bacino idrografico del Rio Guaiba in Brasile); si pronuncia GWY-bah-SORE-us

Habitat

Boschi del Sud America

Periodo storico

Tardo Triassico (230 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Undisclosed

Dieta

Sconosciuto; forse onnivoro

Caratteristiche distintive

Corporatura snella; postura bipede

I primi veri dinosauri – che si sono evoluti circa 230 milioni di anni fa, durante il tardo Triassico – hanno preceduto la scissione tra membri della razza ornithischian (“dal bacino di uccello”) e saurischian (“dal bacino di lucertola”), che ha presentato alcune sfide, dal punto di vista della classificazione. Per farla breve, i paleontologi non possono dire se Guaibasaurus fosse uno dei primi dinosauri teropodi (e quindi principalmente un mangiatore di carne) o un prosauropode estremamente basale, la linea erbivora che ha poi generato i giganteschi sauropodi del tardo periodo Giurassico. (Sia i teropodi che i prosauropodi sono membri della saurischia.) Per ora, questo antico dinosauro, scoperto da José Bonaparte, è stato provvisoriamente assegnato a quest’ultima categoria, sebbene fossili più esistenti porterebbero la conclusione su un terreno più solido.

14 di 30

Herrerasaurus

Herrerasaurus.
Wikimedia Commons

È chiaro dall’arsenale predatorio di Herrerasaurus – inclusi denti aguzzi, mani a tre dita e una postura bipede – che questo dinosauro ancestrale era un predatore attivo e pericoloso dei minuscoli animali del suo ecosistema del tardo Triassico. Guarda un profilo approfondito di Herrerasaurus

15 di 30

Lesothosaurus

Lesothosaurus.
Getty Images

Alcuni paleontologi affermano che il piccolo Lesothosaurus, bipede, mangiatore di piante, era un ornitopode molto precoce (che lo collocherebbe saldamente nel campo ornitischiano), mentre altri sostengono che sia anteriore a questa importante divisione tra i primi dinosauri. Guarda un profilo approfondito del Lesothosaurus

16 di 30

Liliensternus

Liliensternus.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Liliensternus (dal nome del Dr. Hugo Ruhle von Lilienstern); pronunciato LIL-ee-en-STERN-us

Habitat:

Boschi d’Europa

Periodo storico:

Tardo Triassico (215-205 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 15 piedi di lunghezza e 300 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Mani a cinque dita; cresta della testa lunga

Come vanno i nomi dei dinosauri, Liliensternus non ispira esattamente paura, sembra più che appartenga a un gentile bibliotecario che a un temibile dinosauro carnivoro del periodo Triassico. Tuttavia, questo parente stretto di altri primi teropodi come Coelophysis e Dilophosaurus era uno dei più grandi predatori del suo tempo, con mani lunghe a cinque dita, un’impressionante cresta della testa e una postura bipede che deve avergli permesso di raggiungere velocità rispettabili in inseguimento della preda. Probabilmente si nutriva di dinosauri erbivori relativamente piccoli come Sellosaurus ed Efraasia.

17 di 30

Megapnosaurus

Megapnosaurus.
Sergey Krasovskiy

Per gli standard del suo tempo e luogo, il Megapnosaurus (precedentemente noto come Syntarsus) era enorme: questo primo dinosauro del Giurassico (che era strettamente correlato alla Coelophysis) poteva pesare fino a 75 libbre completamente cresciuto. Guarda un profilo approfondito di Megapnosaurus

18 di 30

Nyasasaurus

Nyasasaurus.
Mark Witton

Il primo dinosauro Nyasasaurus misurava circa 10 piedi dalla testa alla coda, il che sembra enorme per gli standard del Triassico primitivo, tranne per il fatto che cinque piedi di quella lunghezza erano occupati dalla sua coda insolitamente lunga. Guarda un profilo approfondito di Nyasasaurus

19 di 30

Pampadromaeus

Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Pampadromaeus (greco per “corridore di pampa”); pronunciato PAM-pah-DRO-may-us

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Triassico medio (230 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa cinque piedi di lunghezza e 100 libbre

Dieta:

Probabilmente onnivoro

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; zampe posteriori lunghe

Circa 230 milioni di anni fa, durante il periodo Triassico medio, i primi veri dinosauri si sono evoluti nell’attuale Sud America. All’inizio, queste piccole e agili creature erano costituite da teropodi basali come Eoraptor e Herrerasaurus, ma poi si è verificato un cambiamento evolutivo che ha dato origine ai primi dinosauri onnivori ed erbivori, che a loro volta si sono evoluti nei primissimi prosauropodi come il Plateosaurus.

È qui che entra in gioco Pampadromaeus: questo dinosauro scoperto di recente sembra essere stato intermedio tra i primissimi teropodi ei primi veri prosauropodi. Stranamente per quello che i paleontologi chiamano un dinosauro “sauropodomorfo”, Pampadromaeus possedeva una pianta corporea molto simile a un teropode, con lunghe zampe posteriori e un muso stretto. I due tipi di denti incastonati nelle sue mascelle, quelli a forma di foglia nella parte anteriore e quelli curvi nella parte posteriore, indicano che Pampadromaeus era un vero onnivoro, e non ancora un devoto mangiatore di piante come i suoi discendenti più famosi.

20 di 30

Podokesaurus

Il tipo fossile di Podokesaurus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Podokesaurus (greco per “lucertola dai piedi veloci”); pronunciato poe-DOKE-eh-SORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America orientale

Periodo storico:

Inizio Giurassico (190-175 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 10 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; postura bipede

A tutti gli effetti, Podokesaurus può essere considerato una variante orientale di Coelophysis, un piccolo predatore a due zampe che viveva negli Stati Uniti occidentali oltre il confine Triassico / Giurassico (alcuni esperti ritengono che Podokesaurus fosse in realtà una specie di Coelophysis). Questo teropode primitivo aveva lo stesso collo lungo, mani che si afferravano e postura a due gambe del suo cugino più famoso, ed era probabilmente carnivoro (o per lo meno un insettivoro). Sfortunatamente, l’unico esemplare fossile di Podokesaurus (scoperto nel lontano 1911 nella Connecticut Valley nel Massachusetts) è stato distrutto in un incendio in un museo; i ricercatori devono accontentarsi di un calco in gesso che attualmente risiede all’American Museum of Natural History di New York.

21 di 30

Proceratosaurus

Proceratosaurus (Nobuo Tamura).

Nome e Cognome:

Proceratosaurus (greco per “prima del Ceratosaurus”); pronunciato PRO-seh-RAT-oh-SORE-us

Habitat:

Pianure dell’Europa occidentale

Periodo storico:

Giurassico medio (175 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa nove piedi di lunghezza e 500 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; cresta stretta sul muso

Quando il suo cranio fu scoperto per la prima volta – in Inghilterra nel lontano 1910 – si pensava che Proceratosaurus fosse imparentato con il Ceratosaurus dalla cresta simile, che visse molto più tardi. Oggi, tuttavia, i paleontologi identificano questo predatore del Giurassico medio come più simile a piccoli teropodi primitivi come Coelurus e Compsognathus. Nonostante le sue dimensioni relativamente piccole, il Proceratosaurus da 500 libbre era uno dei più grandi cacciatori del suo tempo, poiché i tirannosauri e altri grandi teropodi del Giurassico medio dovevano ancora raggiungere le loro dimensioni massime.

22 di 30

Procompsognathus

Procompsognathus.
Wikimedia Commons

A causa della scarsa qualità dei suoi resti fossili, tutto ciò che possiamo dire su Procompsognathus è che era un rettile carnivoro, ma oltre a ciò, non è chiaro se fosse un dinosauro primitivo o un arcosauro tardo (e quindi non un dinosauro affatto). Guarda un profilo approfondito di Procompsognathus

23 di 30

Saltopus

Saltopus.
Getty Images

Nome e Cognome:

Saltopus (greco per “piede saltellante”); pronunciato SAWL-toe-puss

Habitat:

Paludi dell’Europa occidentale

Periodo storico:

Tardo Triassico (210 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa due piedi di lunghezza e poche libbre

Dieta:

Piccoli animali

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; numerosi denti

Saltopus è ancora un altro di quei rettili triassici che abita una “zona d’ombra” tra gli archosauri più avanzati ei primi dinosauri. Poiché il singolo fossile identificato di questa creatura è incompleto, gli esperti differiscono su come dovrebbe essere classificato, alcuni lo assegnano come uno dei primi dinosauri teropodi e altri dicono che era simile agli archosauri “dinosauriformi” come Marasuchus, che hanno preceduto i veri dinosauri durante la metà Periodo triassico. Recentemente, il peso delle prove indica che Saltopus è un “dinosauriforme” del tardo Triassico piuttosto che un vero dinosauro.

24 di 30

Sanjuansaurus

Sanjuansaurus.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Sanjuansaurus (greco per “lucertola di San Juan”); pronunciato SAN-wahn-SORE-us

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Triassico medio (230 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa cinque piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; postura bipede

Salvo ipotesi migliore, i paleontologi ritengono che i primi dinosauri, i primi teropodi, si siano evoluti in Sud America circa 230 milioni di anni fa, generati da una popolazione di archosauri avanzati a due zampe. Scoperto di recente in Argentina, il Sanjuansaurus sembra essere stato strettamente imparentato con i più noti teropodi basali Herrerasaurus ed Eoraptor. (A proposito, alcuni esperti sostengono che questi primi carnivori non fossero affatto veri teropodi, ma piuttosto precedessero la divisione tra dinosauri saurischi e ornitischi). Questo è tutto ciò che sappiamo per certo su questo rettile del Triassico, in attesa di ulteriori scoperte fossili.

25 di 30

Tutto a posto

Tutto a posto.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Segisaurus (greco per “lucertola del canyon Tsegi”); pronunciato SEH-gih-SORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Giurassico medio-alto (185-175 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 15 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; braccia e mani forti; postura bipede

A differenza del suo parente stretto, Coelophysis, i cui fossili sono stati trovati dal carico di barche nel New Mexico, Segisaurus è conosciuto per un singolo scheletro incompleto, l’unico dinosauro rimasto mai portato alla luce nel Tsegi Canyon in Arizona. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che questo primo teropode perseguisse una dieta carnivora, sebbene possa aver banchettato con insetti e piccoli rettili e / o mammiferi. Inoltre, le braccia e le mani di Segisaurus sembrano essere state più forti di quelle di teropodi comparabili, ulteriore prova delle sue inclinazioni a mangiare carne.

26 di 30

Staurikosaurus

Staurikosaurus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Staurikosaurus (greco per “lucertola della Croce del Sud”); pronunciato STORE-rick-oh-SORE-us

Habitat:

Foreste e boscaglie del Sud America

Periodo storico:

Triassico medio (circa 230 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa sei piedi di lunghezza e 75 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Testa lunga e sottile; braccia e gambe snelle; mani a cinque dita

Conosciuto da un singolo esemplare fossile scoperto in Sud America nel 1970, lo Staurikosaurus è stato uno dei primi dinosauri, gli immediati discendenti degli archosauri a due zampe del primo Triassico. Come i suoi cugini sudamericani leggermente più grandi, Herrerasaurus ed Eoraptor, sembra che Staurikosaurus fosse un vero teropode, cioè si è evoluto dopo l’antica divisione tra dinosauri ornithischian e saurischian.

Una caratteristica strana dello Staurikosaurus è un’articolazione nella sua mascella inferiore che apparentemente gli ha permesso di masticare il cibo avanti e indietro, così come su e giù. Poiché i teropodi successivi (inclusi rapaci e tirannosauri) non possedevano questo adattamento, è probabile che lo Staurikosaurus, come altri primi mangiatori di carne, vivesse in un ambiente rigido che lo costringeva a estrarre il massimo valore nutritivo dai suoi pasti dimenanti.

27 di 30

Tachiraptor

Tachiraptor.
Max Langer

Nome

Tachiraptor (greco per “ladro di Tachira”); pronunciato TACK-ee-rap-tore

Habitat

Boschi del Sud America

Periodo storico

Early Jurassic (200 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa sei piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta

La carne

Caratteristiche distintive

Corporatura snella; postura bipede

A questo punto, penseresti che i paleontologi sappiano meglio che allegare la radice greca “raptor” al nome di un dinosauro quando non è tecnicamente un rapace. Ma ciò non ha fermato la squadra dietro Tachiraptor, che ha vissuto in un periodo (il primo periodo Giurassico) molto prima dell’evoluzione dei primi veri rapaci, o dromaeosauri, con le loro caratteristiche piume e gli artigli posteriori ricurvi. L’importanza del Tachiraptor è che non è molto lontano, dal punto di vista evolutivo, dai primissimi dinosauri (apparsi in Sud America solo 30 milioni di anni prima), e che è il primo dinosauro carnivoro mai scoperto in Venezuela.

28 di 30

Tanycolagreus

Tanycolagreus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Tanycolagreus (greco per “arti allungati”); pronunciato TAN-ee-coe-LAG-ree-us

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Late Jurassic (150 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Lungo circa 13 piedi e poche centinaia di libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Muso lungo e stretto; corporatura snella

Per un decennio dopo che i suoi resti parziali furono scoperti nel 1995, nel Wyoming, si pensava che Tanycolagreus fosse un esemplare di un altro dinosauro carnivoro, Coelurus. Ulteriori studi del suo cranio dall’aspetto caratteristico lo hanno quindi spinto ad essere assegnato al suo genere, ma Tanycolagreus rimane ancora raggruppato tra i tanti esili teropodi primitivi che predavano i piccoli dinosauri carnivori ed erbivori del tardo periodo Giurassico. Questi dinosauri, nel loro insieme, non si sono evoluti molto dai loro antenati primitivi, i primissimi teropodi che sono sorti in Sud America durante il periodo medio del Triassico, 230 milioni di anni fa.

29 di 30

Tawa

Risata.
Jorge Gonzalez

Al di là della sua presunta somiglianza con il successivo, più grande Tyrannosaurus Rex, ciò che è importante di Tawa è che ha contribuito a chiarire le relazioni evolutive dei dinosauri carnivori dell’era mesozoica. Guarda un profilo approfondito di Tawa

30 di 30

Zupaysaurus

Zupaysaurus.
Sergey Krasovskiy

Nome e Cognome:

Zupaysaurus (Quechua / greco per “lucertola del diavolo”); pronunciato ZOO-pay-SORE-us

Habitat:

Boschi del Sud America

Periodo storico:

Fine Triassico-Inizio Giurassico (230-220 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 13 piedi di lunghezza e 500 libbre

Dieta:

La carne

Caratteristiche distintive:

Dimensioni relativamente grandi; possibili creste sulla testa

A giudicare dal suo esemplare unico e incompleto, lo Zupaysaurus sembra essere stato uno dei primi teropodi, i dinosauri carnivori a due zampe del tardo Triassico e del primo Giurassico che alla fine si sono evoluti in bestie giganti come il Tyrannosaurus Rex cento milioni di anni dopo. Con una lunghezza di 13 piedi e 500 libbre, lo Zupaysaurus era abbastanza grande per il suo tempo e luogo (la maggior parte degli altri teropodi del periodo Triassico aveva all’incirca le dimensioni dei polli) e, in base a quale ricostruzione credi, potrebbe aver avuto o meno una coppia di creste simili a Dilofosauro che scendono lungo la parte superiore del muso.