La giurisdizione originale della Corte Suprema degli Stati Uniti

Sebbene la stragrande maggioranza dei casi esaminati dalla Corte Suprema degli Stati Uniti giunga al tribunale sotto forma di appello contro una decisione da parte di una delle corti d’appello federali o statali inferiori, alcune ma importanti categorie di casi possono essere portate direttamente alla Corte suprema. Tribunale sotto la sua “giurisdizione originale”.

La giurisdizione originale è il potere di un tribunale di ascoltare e decidere un caso prima che sia stato ascoltato e deciso da un tribunale di grado inferiore. In altre parole, è potere di un tribunale ascoltare e decidere un caso prima di qualsiasi revisione d’appello.

Il percorso più veloce per la Corte Suprema

Come originariamente definito nell’Articolo III, Sezione 2 della Costituzione degli Stati Uniti, e ora codificato nella legge federale al 28 USC § 1251. Sezione 1251 (a), la Corte Suprema ha giurisdizione originale su quattro categorie di casi, ovvero le parti coinvolte in questi tipi dei casi può portarli direttamente alla Corte Suprema, aggirando così il processo solitamente lungo della corte d’appello.

L’esatta formulazione dell’articolo III, sezione 2, afferma:

“In tutti i casi che interessano ambasciatori, altri ministri e consoli pubblici e quelli in cui uno Stato sarà Parte, la Corte suprema avrà la giurisdizione originale. In tutti gli altri casi prima menzionati, la Corte suprema avrà giurisdizione d’appello, sia in materia di diritto che di fatto, con tali eccezioni e in base ai regolamenti stabiliti dal Congresso “.

Nel Judiciary Act del 1789, il Congresso rese esclusiva la giurisdizione originale della Corte Suprema nelle cause tra due o più stati, tra uno stato e un governo straniero, e nelle cause contro ambasciatori e altri ministri pubblici. Oggi, si presume che la giurisdizione della Corte Suprema su altri tipi di cause che coinvolgono gli Stati dovesse essere concorrente o condivisa, con i tribunali statali.

Categorie di giurisdizione

Le categorie di casi che rientrano nella giurisdizione originaria della Corte Suprema sono:

  • Controversie tra due o più stati;
  • Tutte le azioni o procedimenti di cui sono parti ambasciatori, altri pubblici ministri, consoli o viceconsoli di Stati esteri;
  • Tutte le controversie tra gli Stati Uniti e uno stato; e
  • Tutte le azioni o procedimenti di uno Stato contro i cittadini di un altro Stato o contro gli stranieri.

Nei casi che implicano controversie tra Stati, la legge federale conferisce alla Corte Suprema sia la giurisdizione originale che quella esclusiva, il che significa che tali casi possono essere ascoltati solo dalla Corte Suprema. 

Nella sua decisione del 1794 nel caso Chisholm c. Georgia, la Corte Suprema ha suscitato polemiche quando ha stabilito che l’articolo III le concedeva la giurisdizione originale sulle cause contro uno stato da parte di un cittadino di un altro stato. La decisione ha inoltre stabilito che questa giurisdizione era “auto-esecutiva”, il che significa che il Congresso non aveva alcun controllo su quando la Corte Suprema era autorizzata ad applicarla.

Sia il Congresso che gli stati hanno immediatamente visto questo come una minaccia alla sovranità degli stati e hanno reagito adottando l’undicesimo emendamento, che afferma: “Il potere giudiziario degli Stati Uniti non deve essere interpretato in modo da estendersi a qualsiasi causa legale o equità, avviato o perseguito contro uno degli Stati Uniti da cittadini di un altro Stato, o da cittadini o sudditi di qualsiasi Stato straniero “. 

Marbury v. Madison: An Early Test

Un aspetto importante della giurisdizione originale della Corte Suprema è che il suo Congresso non può espandere il suo campo di applicazione. Ciò è stato stabilito nel bizzarro incidente “Midnight Judges”, che ha portato alla sentenza della Corte nel caso storico del 1803 di Marbury v. Madison.

Nel febbraio 1801, il neoeletto presidente Thomas Jefferson – un antifederalista – ordinò al suo segretario di Stato in carica James Madison di non consegnare commissioni per le nomine di 16 nuovi giudici federali che erano state fatte dal suo predecessore del partito federalista, il presidente John Adams. Uno dei nominati snobbati, William Marbury, ha presentato una petizione per un atto di mandamus direttamente presso la Corte Suprema, sulla base giurisdizionale che la legge giudiziaria del 1789 ha dichiarato che la Corte Suprema “avrà il potere di emettere … atti di mandamus .. . a qualsiasi tribunale designato, o persone che ricoprono incarichi, sotto l’autorità degli Stati Uniti. ”

Nel suo primo uso del suo potere di revisione giudiziaria sugli atti del Congresso, la Corte Suprema ha stabilito che, ampliando l’ambito della giurisdizione originaria della Corte per includere casi riguardanti nomine presidenziali ai tribunali federali, il Congresso aveva superato la sua autorità costituzionale.  

Casi giurisdizionali originali che raggiungono la Corte suprema

Dei tre modi in cui i casi possono pervenire alla Corte Suprema (appelli da tribunali inferiori, appelli da tribunali supremi statali e giurisdizione originale), di gran lunga il minor numero di casi è considerato sotto la giurisdizione originale della Corte.

Infatti, in media, solo due o tre dei quasi 100 casi ascoltati annualmente dalla Corte Suprema sono considerati sotto la giurisdizione originale. Tuttavia, sebbene pochi, questi casi sono ancora molto importanti.

La maggior parte dei casi di giurisdizione originale riguardano controversie sui diritti di confine o sull’acqua tra due o più stati e casi di questo tipo possono essere risolti solo dalla Corte Suprema.

Altri importanti casi di giurisdizione originale coinvolgono un governo statale che porta un cittadino fuori dallo stato in tribunale. Ad esempio, nel caso storico del 1966 della Carolina del Sud contro Katzenbach, per esempio, la Carolina del Sud ha contestato la costituzionalità del federale Voting Rights Act del 1965 citando in giudizio il procuratore generale degli Stati Uniti Nicholas Katzenbach, all’epoca cittadino di un altro stato. Nella sua opinione di maggioranza, scritta dal venerato giudice capo Earl Warren, la Corte Suprema ha respinto la sfida della Carolina del Sud ritenendo che il Voting Rights Act fosse un valido esercizio del potere del Congresso ai sensi della clausola di applicazione del quindicesimo emendamento alla Costituzione.

Casi giurisdizionali originali e master speciali

La Corte Suprema tratta in modo diverso i casi considerati sotto la sua giurisdizione originale rispetto a quelli che la raggiungono attraverso la più tradizionale giurisdizione d’appello. Il modo in cui vengono ascoltati i casi di giurisdizione originale, e se richiederanno un “maestro speciale”, dipende dalla natura della controversia.

Nei casi di giurisdizione originale che trattano interpretazioni controverse della legge o della Costituzione degli Stati Uniti, la Corte stessa ascolterà solitamente le tradizionali argomentazioni orali degli avvocati sul caso. Tuttavia, nei casi che riguardano fatti fisici o azioni contestate, come spesso accade perché non sono stati ascoltati da un tribunale, la Corte Suprema di solito nomina un maestro speciale del caso.

Il maestro speciale, di solito un avvocato assunto dalla Corte, conduce ciò che equivale a un processo raccogliendo prove, assumendo testimonianze giurate e pronunciando una sentenza. Il comandante speciale presenta quindi un rapporto del master speciale alla Corte suprema. La Corte Suprema considera il rapporto di questo maestro speciale nel modo in cui una normale corte d’appello federale farebbe piuttosto che condurre il proprio processo.

Successivamente, la Corte Suprema decide se accettare il rapporto del comandante speciale così com’è o ascoltare argomenti in disaccordo con esso. Infine, la Corte Suprema determina l’esito del caso attraverso un voto tradizionale insieme a dichiarazioni scritte di concordanza e dissenso.

I casi di giurisdizione originale possono richiedere anni per essere risolti

Mentre la maggior parte dei casi che pervengono alla Corte Suprema su appello dei tribunali inferiori vengono ascoltati e giudicati entro un anno dall’accettazione, i casi di giurisdizione originale assegnati a un maestro speciale possono richiedere mesi, anche anni, per essere risolti.

Perché? Perché un maestro speciale deve fondamentalmente partire da zero nella gestione del caso e nel mettere insieme le informazioni e le prove pertinenti. Devono essere letti e considerati volumi di memorie preesistenti e di memorie legali di entrambe le parti. Il comandante potrebbe anche dover tenere udienze in cui vengono presentati argomenti di avvocati, prove aggiuntive e testimonianze. Questo processo si traduce in migliaia di pagine di documenti e trascrizioni che devono essere compilate, preparate e soppesate dal maestro speciale.

Inoltre, raggiungere una soluzione quando sono coinvolte azioni legali può richiedere tempo e manodopera aggiuntivi. Ad esempio, l’ormai famoso caso giurisdizionale originale di Kansas contro Nebraska e Colorado, che coinvolge i diritti dei tre stati di utilizzare le acque del fiume repubblicano, ha richiesto quasi due decenni per essere risolto. Questo caso è stato accettato dalla Corte Suprema nel 1999, ma è stato solo quando sono stati presentati quattro rapporti di due diversi maestri speciali che la Corte Suprema si è finalmente pronunciata sul caso 16 anni dopo, nel 2015. Fortunatamente, il popolo del Kansas, Nebraska e nel frattempo il Colorado aveva altre fonti d’acqua da usare.