Qual è la sentenza Citizens United?

Citizens United è una società senza scopo di lucro e un gruppo di difesa conservatore che ha citato con successo la Commissione elettorale federale nel 2008, sostenendo che le sue regole di finanziamento della campagna rappresentavano restrizioni incostituzionali sulla garanzia della libertà di parola del Primo Emendamento.

La storica decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che il governo federale non può limitare le società – o, del resto, i sindacati, le associazioni o gli individui – dallo spendere soldi per influenzare l’esito delle elezioni. La sentenza ha portato alla creazione di super PAC.

“Se il primo emendamento ha una forza, proibisce al Congresso di multare o imprigionare cittadini, o associazioni di cittadini, semplicemente per essersi impegnati in discorsi politici”, ha scritto a maggioranza il giudice Anthony M. Kennedy.

Informazioni su Citizens United

Citizens United si descrive come una persona dedita all’obiettivo di ripristinare il governo dei cittadini statunitensi attraverso l’istruzione, la difesa e l’organizzazione di base.

“Citizens United cerca di riaffermare i valori tradizionali americani di governo limitato, libertà di impresa, famiglie forti, sovranità e sicurezza nazionali. L’obiettivo di Citizens United è quello di ripristinare la visione dei padri fondatori di una nazione libera, guidata dall’onestà, dal buon senso e dalla buona volontà dei suoi cittadini ”, afferma sul suo sito web.

Origini del caso Citizens United

Il caso legale di Citizens United deriva dall’intenzione del gruppo di trasmettere “Hillary: The Movie”, un documentario prodotto che era critico nei confronti dell’allora senatore americano Hillary Clinton, che all’epoca stava cercando la nomination presidenziale democratica. Il film ha esaminato il record di Clinton al Senato e come first lady del presidente Bill Clinton.

La FEC ha affermato che il documentario rappresentava “comunicazioni di propaganda elettorale” come definito dalla legge McCain-Feingold, nota come Bipartisan Campaign Reform Act del 2002. McCain-Feingold ha proibito tali comunicazioni tramite trasmissione, cavo o satellite entro 30 giorni da una primaria o 60 giorni di elezioni generali.

Citizens United ha contestato la decisione ma è stato respinto dal tribunale distrettuale per il distretto di Columbia. Il gruppo ha presentato ricorso alla Corte Suprema.

La decisione

La decisione 5-4 della Corte Suprema a favore di Citizens United ha annullato due sentenze dei tribunali inferiori.

Il primo è stato Austin v. Michigan Chamber of Commerce, una decisione del 1990 che ha confermato le restrizioni alla spesa politica aziendale. Il secondo è stato McConnell v. Federal Election Commission, una decisione del 2003 che ha confermato la legge McCain-Feingold del 2002 che vieta le “comunicazioni elettorali” pagate dalle società.

A votare con Kennedy in maggioranza sono stati il ​​presidente della Corte Suprema John G. Roberts e i giudici associati Samuel Alito, Antonin Scalia e Clarence Thomas. Dissentendo erano i giudici John P. Stevens, Ruth Bader Ginsburg, Stephen Breyer e Sonia Sotomayor.

Kennedy, scrivendo per la maggioranza, ha affermato che “i governi sono spesso ostili alla parola, ma secondo la nostra legge e la nostra tradizione sembra più strano della finzione per il nostro governo rendere questo discorso politico un crimine”.

I quattro giudici dissenzienti hanno descritto l’opinione della maggioranza come un “rifiuto del buon senso del popolo americano, che ha riconosciuto la necessità di impedire alle società di minare l’autogoverno sin dalla fondazione, e che ha combattuto contro il caratteristico potenziale corruttore dell’elettorato elettorale aziendale. dai tempi di Theodore Roosevelt “.

Opposizione

Il presidente Barack Obama ha sollevato forse la critica più accesa alla decisione di Citizens United assumendo direttamente la Corte Suprema, affermando che i cinque giudici di maggioranza “hanno consegnato un’enorme vittoria agli interessi speciali e ai loro lobbisti”.

Obama si è scagliato contro la sentenza nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2010.

“Con tutto il rispetto per la separazione dei poteri, la scorsa settimana la Corte Suprema ha annullato un secolo di leggi che credo apriranno le porte a interessi speciali, comprese le società straniere, da spendere senza limiti nelle nostre elezioni”, ha detto Obama durante il suo discorso a una sessione congiunta del Congresso.

“Non credo che le elezioni americane dovrebbero essere finanziate dagli interessi più potenti dell’America, o peggio, da entità straniere. Dovrebbero essere decise dal popolo americano”, ha detto il presidente. “E esorto i Democratici e i Repubblicani a approvare un disegno di legge che aiuti a correggere alcuni di questi problemi”.

Nel concorso presidenziale del 2012, tuttavia, Obama ha ammorbidito la sua posizione sui super PAC e ha incoraggiato le sue raccolte fondi a portare contributi a un super PAC che sosteneva la sua candidatura.

Supporto per la sentenza

David N. Bossie, il presidente di Citizens United, e Theodore B. Olson, che è stato il principale consulente legale del gruppo contro la FEC, hanno descritto la sentenza come un duro colpo per la libertà di parola politica.

“In Citizens United, la corte ci ha ricordato che quando il nostro governo cerca di ‘comandare dove una persona può ottenere le sue informazioni o quale fonte diffidente potrebbe non sentire, usa la censura per controllare il pensiero'”, hanno scritto Bossie e Olson in “The Washington Post” nel gennaio del 2011.

“Il governo ha sostenuto in Citizens United che avrebbe potuto vietare i libri che sostenevano l’elezione di un candidato se fossero stati pubblicati da una società o da un sindacato. Oggi, grazie a Citizens United, possiamo celebrare che il Primo Emendamento conferma ciò per cui i nostri antenati hanno combattuto: ‘la libertà di pensare per noi stessi’ “.

fonti

Bossie, David N. “Come la sentenza Citizens United ha liberato il discorso politico”. Theodore B. Olson, The Washington Post, 20 gennaio 2011.

Justice Kennedy. “Corte Suprema degli Stati Uniti Citizens United, Appellant contro Federal Election Commission”. Istituto di informazione legale. Cornell University Law School, 21 gennaio 2010. 

“Osservazioni del presidente nel discorso sullo stato dell’Unione”. La Casa Bianca, 27 gennaio 2010.

“Chi siamo.” Cittadini uniti, 2019, Washington, DC