Qual è la politica interna nel governo degli Stati Uniti?

Il termine “politica interna” si riferisce ai piani e alle azioni intraprese da un governo nazionale per affrontare i problemi e le esigenze presenti all’interno del paese stesso.

La politica interna è generalmente sviluppata dal governo federale, spesso in consultazione con i governi statali e locali. Il processo di gestione delle relazioni e dei problemi degli Stati Uniti con altre nazioni è noto come “politica estera”.

Importanza e obiettivi della politica interna

Affrontando una vasta gamma di questioni critiche, come l’assistenza sanitaria, l’istruzione, l’energia e le risorse naturali, il benessere sociale, la tassazione, la sicurezza pubblica e le libertà personali, la politica interna influisce sulla vita quotidiana di ogni cittadino. Rispetto alla politica estera, che si occupa dei rapporti di una nazione con altre nazioni, la politica interna tende ad essere più visibile e spesso più controversa. Considerate insieme, la politica interna e la politica estera sono spesso definite “politica pubblica”.

Al suo livello di base, l’obiettivo della politica interna è ridurre al minimo i disordini e l’insoddisfazione tra i cittadini della nazione. Per raggiungere questo obiettivo, la politica interna tende a sottolineare aree come il miglioramento delle forze dell’ordine e dell’assistenza sanitaria. 

Politica interna negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti, la politica interna può essere suddivisa in diverse categorie, ciascuna concentrata su un diverso aspetto della vita negli Stati Uniti

  • Politica normativa: Si concentra sul mantenimento dell’ordine sociale mettendo fuori legge comportamenti e azioni che mettono in pericolo il pubblico. Ciò si ottiene in genere adottando leggi e politiche che vietano a individui, aziende e altre parti di intraprendere azioni che potrebbero mettere in pericolo l’ordine sociale. Tali leggi e politiche normative potrebbero variare da questioni banali come le leggi sul traffico locale alle leggi che proteggono il diritto di voto, prevengono la discriminazione razziale e di genere, l’arresto del traffico di esseri umani e la lotta al traffico e all’uso illegale di droghe. Altre importanti leggi sulla politica normativa proteggono il pubblico da pratiche commerciali e finanziarie abusive, proteggono l’ambiente e garantiscono la sicurezza sul posto di lavoro.
  • Politica distributiva: Si concentra sull’assicurazione dell’equa fornitura di benefici, beni e servizi governativi sostenuti dai contribuenti a tutti gli individui, gruppi e società. Tali beni e servizi finanziati dalle tasse dei cittadini includono elementi come l’istruzione pubblica, la sicurezza pubblica, strade e ponti e programmi di assistenza sociale. I benefici governativi sostenuti dalle tasse includono programmi come sussidi agricoli e cancellazioni fiscali per promuovere la proprietà della casa, il risparmio energetico e lo sviluppo economico.
  • Politica ridistributiva: Si concentra su uno degli aspetti più difficili e controversi della politica interna: l’equa condivisione della ricchezza della nazione. L’obiettivo della politica ridistributiva è trasferire equamente i fondi raccolti attraverso la tassazione da un gruppo o programma a un altro. Lo scopo di tale ridistribuzione della ricchezza è spesso quello di porre fine o alleviare problemi sociali come la povertà o i senzatetto. Tuttavia, poiché la spesa discrezionale in dollari delle tasse è controllata dal Congresso, i legislatori a volte abusano di questo potere dirottando fondi da programmi che affrontano problemi sociali a programmi che non lo fanno.
  • Politica costituente: Si concentra sulla creazione di agenzie governative per aiutare a fornire servizi al pubblico. Nel corso degli anni, ad esempio, sono state create nuove agenzie e dipartimenti per occuparsi delle tasse, per amministrare programmi come Social Security e Medicare, per proteggere i consumatori e per garantire aria e acqua pulite, solo per citarne alcuni.

Politica e politica interna

Molti dibattiti sulla politica interna degli Stati Uniti riguardano la misura in cui il governo dovrebbe essere coinvolto negli affari economici e sociali degli individui. Politicamente, conservatori e libertari ritengono che il governo dovrebbe svolgere un ruolo minimo nella regolamentazione degli affari e nel controllo dell’economia della nazione. I liberali, d’altra parte, credono che il governo dovrebbe lavorare in modo aggressivo per ridurre la disuguaglianza di ricchezza, fornire istruzione, garantire l’accesso universale all’assistenza sanitaria e proteggere l’ambiente controllando da vicino l’economia e la politica sociale.

Che sia conservatore o liberale nel suo intento, l’efficacia o il fallimento della politica interna dipende dall’efficacia della burocrazia governativa nel mettere in atto leggi, politiche e programmi. Se la burocrazia agisce lentamente o in modo inefficiente o non riesce ad attuare e mantenere quelle leggi e programmi come erano originariamente intesi, la politica interna lotterà per avere successo. Negli Stati Uniti, il potere di revisione giudiziaria consente ai tribunali federali di annullare la maggior parte delle azioni esecutive e legislative, comprese quelle relative alla politica interna, determinate a violare la Costituzione degli Stati Uniti. 

Altre aree di politica interna

All’interno di ciascuna delle quattro categorie di base di cui sopra, ci sono diverse aree specifiche della politica interna che devono essere sviluppate e costantemente modificate per rispondere alle mutevoli esigenze e situazioni. Esempi di queste aree specifiche della politica interna degli Stati Uniti e delle agenzie del ramo esecutivo a livello di gabinetto principalmente responsabili della loro creazione includono:

  • Politica di difesa (Dipartimenti della difesa e della sicurezza interna)
  • Politica economica (Dipartimenti del tesoro, del commercio e del lavoro)
  • Politica ambientale (Dipartimenti dell’Interno e dell’Agricoltura)
  • politica energetica (Dipartimento dell’Energia)
  • Applicazione della legge, sicurezza pubblica e politica sui diritti civili (Dipartimento di Giustizia)
  • Politica sanità pubblica (Dipartimento di Salute e Servizi Umani)
  • Politica di trasporto (Dipartimento dei trasporti)
  • Politica di previdenza sociale (Dipartimenti dell’edilizia abitativa e dello sviluppo urbano, dell’istruzione e degli affari dei veterani)

Il Dipartimento di Stato è il principale responsabile dello sviluppo della politica estera degli Stati Uniti.

Esempi di importanti questioni di politica interna

In vista delle elezioni presidenziali del 2016, alcune delle principali questioni di politica interna che il governo federale deve affrontare includevano:

  • Controllo delle armi: Nonostante la protezione dei diritti di proprietà delle armi assicurata dal Secondo Emendamento, dovrebbero essere imposte maggiori restrizioni all’acquisto e alla proprietà di armi da fuoco in nome della sicurezza pubblica?
  • Sorveglianza dei musulmani: Nel tentativo di prevenire attacchi terroristici da parte di estremisti islamici, le forze dell’ordine federali e locali dovrebbero aumentare la sorveglianza dei musulmani che vivono negli Stati Uniti?
  • Limiti di durata: Anche se richiederebbe la modifica della Costituzione, dovrebbero essere creati limiti di mandato per i membri del Congresso degli Stati Uniti?
  • Sicurezza sociale: L’età minima per la pensione dovrebbe essere aumentata per evitare che il sistema di sicurezza sociale vada in rovina?
  • Immigrazione: Gli immigrati clandestini dovrebbero essere espulsi o offrire un percorso di cittadinanza? L’immigrazione dalle nazioni che sanno di ospitare terroristi dovrebbe essere limitata o vietata?
  • Politica antidroga: Vale ancora la pena combattere la guerra alla droga? Il governo federale dovrebbe seguire la tendenza degli stati a legalizzare l’uso medico e ricreativo della marijuana?

Il ruolo del presidente nella politica interna

Le azioni del Presidente degli Stati Uniti hanno un impatto importante su due aree che influenzano direttamente la politica interna: la legge e l’economia.

La legge: Il presidente ha la responsabilità primaria di garantire che le leggi create dal Congresso e le normative federali create dalle agenzie federali siano applicate in modo equo e completo. Questo è il motivo per cui le cosiddette agenzie di regolamentazione come la Federal Trade Commission per la protezione dei consumatori e l’EPA per la protezione dell’ambiente ricadono sotto l’autorità del ramo esecutivo.

L’economia: Gli sforzi del presidente nel controllare l’economia degli Stati Uniti hanno un impatto diretto sulle aree distributive e ridistributive dipendenti dal denaro della politica interna. Le responsabilità presidenziali come modellare il bilancio federale annuale, proporre aumenti o tagli delle tasse e influenzare la politica del commercio estero degli Stati Uniti determinano in gran parte quanto denaro sarà disponibile per finanziare dozzine di programmi nazionali che influenzano la vita di tutti gli americani.

Punti salienti della politica interna del presidente Trump

Quando è entrato in carica nel gennaio 2017, il presidente Donald Trump ha proposto un’agenda di politica interna che includeva elementi chiave della sua piattaforma di campagna. Le prime tra queste sono state: l’abrogazione e la sostituzione dell’Obamacare, la riforma dell’imposta sul reddito e la repressione dell’immigrazione illegale.

Abrogare e sostituire Obamacare: Senza abrogarlo o sostituirlo, il presidente Trump ha intrapreso diverse azioni indebolendo l’Affordable Care Act – Obamacare. Attraverso una serie di ordini esecutivi, ha allentato le restrizioni della legge su dove e come gli americani potevano acquistare un’assicurazione sanitaria conforme e ha permesso agli stati di imporre requisiti di lavoro ai destinatari di Medicaid.

Più significativamente, il 22 dicembre 2017, il presidente Trump ha firmato il Tax Cuts and Jobs Act, parte del quale ha abrogato la sanzione fiscale di Obamacare per le persone che non riescono a ottenere l’assicurazione sanitaria. I critici hanno sostenuto che l’abrogazione di questo cosiddetto “mandato individuale” ha rimosso qualsiasi incentivo per le persone sane ad acquistare assicurazioni. Il Congressional Budget Office (CBO) apartitico ha stimato all’epoca che circa 13 milioni di persone avrebbero abbandonato la loro attuale assicurazione sanitaria di conseguenza.

Riforma dell’imposta sul reddito: tagli fiscali: Altre disposizioni del Tax Cuts and Jobs Act firmato dal presidente Trump il 22 dicembre 2017, hanno abbassato l’aliquota fiscale sulle società dal 35% al ​​21% a partire dal 2018. Per le persone fisiche, la legge ha tagliato le aliquote dell’imposta sul reddito su tutta abbassando l’aliquota fiscale individuale più elevata dal 39.6% al 37% nel 2018. Pur eliminando le esenzioni personali nella maggior parte dei casi, ha raddoppiato la detrazione standard per tutti i contribuenti. Mentre i tagli all’imposta sulle società sono permanenti, i tagli per le persone fisiche scadono alla fine del 2025 se non prorogati dal Congresso.

Limitazione dell’immigrazione illegale (“The Wall”): Un elemento chiave dell’agenda nazionale proposta dal presidente Trump è la costruzione di un muro sicuro lungo l’intero confine di 2,000 miglia tra Stati Uniti e Messico per impedire agli immigrati di entrare illegalmente negli Stati Uniti. La costruzione di una piccola parte di “The Wall” doveva iniziare il 26 marzo 2018. 

Il 23 marzo 2018, il presidente Trump ha firmato un disegno di legge omnibus di spesa del governo di $ 1.3 trilioni, parte del quale includeva $ 1.6 miliardi per la costruzione del muro, un importo che Trump ha definito “un acconto iniziale” sui circa $ 10 miliardi stimati necessari. Insieme alla riparazione e all’aggiornamento dei muri esistenti e dei dissuasori anti-veicolo, i $ 1.3 trilioni consentiranno la costruzione di circa 25 miglia (40 chilometri) di un nuovo muro lungo gli argini nella Texas Rio Grande Valley.