5 uomini che hanno ispirato Martin Luther King, Jr. a diventare un leader

Martin Luther King Jr., una volta disse: “Il progresso umano non è né automatico né inevitabile … Ogni passo verso l’obiettivo della giustizia richiede sacrificio, sofferenza e lotta; gli sforzi instancabili e la preoccupazione appassionata di individui dedicati”.

King, la figura di spicco del moderno movimento per i diritti civili, ha lavorato sotto i riflettori per 13 anni, dal 1955 al 1968, per lottare per la desegregazione delle strutture pubbliche, i diritti di voto e la fine della povertà. 

Quali uomini hanno offerto ispirazione a King per guidare queste battaglie? 

Il Mahatma Gandhi è spesso notato come fornire al re una filosofia che abbracciava la disobbedienza civile e la nonviolenza al suo centro. 

Furono uomini come Howard Thurman, Mordecai Johnson, Bayard Rustin a introdurre e incoraggiare King a leggere gli insegnamenti di Gandhi. 

Benjamin Mays, che è stato uno dei più grandi mentori di King, ha fornito a King una comprensione della storia. Molti dei discorsi di King sono cosparsi di parole e frasi originate da Mays. 

E infine, Vernon Johns, che ha preceduto King alla Dexter Avenue Baptist Church, ha preparato la congregazione per il boicottaggio degli autobus di Montgomery e l’ingresso di King nell’attivismo sociale. 

01 di 05

Howard Thurman: prima introduzione alla disobbedienza civile

Howard Thurman ed Eleanor Roosevelt, 1944.

Giornale afro / Gado / Getty Images

“Non chiedere di cosa ha bisogno il mondo. Chiedi cosa ti rende vivo e vai a farlo. Perché ciò di cui il mondo ha bisogno sono le persone che sono diventate vive.”

Mentre King leggeva molti libri su Gandhi, fu Howard Thurman a introdurre per primo il concetto di nonviolenza e disobbedienza civile al giovane pastore.

Thurman, che era il professore di King alla Boston University, aveva viaggiato a livello internazionale negli anni ‘1930. Nel 1935 incontrò Gandhi mentre guidava una “Delegazione di amicizia negra” in India. Gli insegnamenti di Gandhi rimasero con Thurman per tutta la sua vita e carriera, ispirando una nuova generazione di leader religiosi come King.

Nel 1949, Thurman pubblicò Gesù e i diseredati. Il testo utilizzava i vangeli del Nuovo Testamento per sostenere la sua tesi secondo cui la nonviolenza potrebbe funzionare nel movimento per i diritti civili. Oltre a King, uomini come James Farmer Jr. erano motivati ​​a usare tattiche non violente nel loro attivismo.

Thurman, considerato uno dei teologi afroamericani più influenti del XX secolo, è nato il 20 novembre 18 a Daytona Beach, in Florida.

Thurman si laureò al Morehouse College nel 1923. Entro due anni fu ordinato ministro battista dopo aver conseguito la laurea in seminario al Colgate-Rochester Theological Seminary. Ha insegnato al Mt. Zion Baptist Church a Oberlin, Ohio, prima di ricevere un appuntamento per la facoltà al Morehouse College.

Nel 1944, Thurman sarebbe diventato pastore della Chiesa per la Fellowship of All Peoples a San Francisco. Con una congregazione diversificata, la chiesa di Thurman ha attratto personaggi di spicco come Eleanor Roosevelt, Josephine Baker e Alan Paton.

Thurman ha pubblicato più di 120 articoli e libri. Morì a San Francisco il 10 aprile 1981. 

02 di 05

Benjamin Mays: mentore permanente

Benjamin Mays, mentore di Martin Luther King, Jr.
Public Domain

“Essere onorato di essere invitato a fare l’elogio funebre al funerale del dottor Martin Luther King, Jr. è come chiedere a uno di elogiare il suo figlio defunto – così vicino e così prezioso era per me…. Non è un compito facile; tuttavia lo accetto, con cuore triste e con piena consapevolezza della mia inadeguatezza a rendere giustizia a quest’uomo “.

Quando King era uno studente al Morehouse College, Benjamin Mays era il presidente della scuola. Mays, che era un importante educatore e ministro cristiano, divenne presto uno dei mentori di King.

King ha definito Mays il suo “mentore spirituale” e “padre intellettuale”. In qualità di presidente del Morehouse College, Mays teneva sermoni mattutini settimanali ispiratori che avrebbero dovuto sfidare i suoi studenti. Per King, questi sermoni furono indimenticabili poiché Mays gli insegnò come integrare l’importanza della storia nei suoi discorsi. Dopo questi sermoni, King discuteva spesso di questioni come il razzismo e l’integrazione con Mays, innescando un tutoraggio che sarebbe durato fino all’assassinio di King nel 1968. Quando King fu portato sotto i riflettori nazionali mentre il moderno movimento per i diritti civili prendeva piede, Mays rimase un mentore che era disposto a fornire informazioni su molti dei discorsi di King.

Mays iniziò la sua carriera nell’istruzione superiore quando John Hope lo reclutò per diventare insegnante di matematica e allenatore di dibattito al Morehouse College nel 1923. Nel 1935, Mays aveva conseguito un master e un dottorato di ricerca. dall’Università di Chicago. A quel punto, stava già servendo come Preside della School of Religion presso la Howard University.

Nel 1940 fu nominato presidente del Morehouse College. In un mandato che è durato 27 anni, Mays ha ampliato la reputazione della scuola istituendo un capitolo Phi Beta Kappa, sostenendo l’iscrizione durante la seconda guerra mondiale e aggiornando la facoltà. Dopo essere andato in pensione, Mays è stato presidente dell’Atlanta Board of Education. Durante la sua carriera, Mays pubblicherà più di 2000 articoli, nove libri e riceverà 56 lauree honoris causa.

Mays è nato il 1 ° agosto 1894 nella Carolina del Sud. Si è laureato al Bates College nel Maine e ha servito come pastore della Shiloh Baptist Church di Atlanta prima di iniziare la sua carriera nell’istruzione superiore. Mays morì nel 1984 ad Atlanta. 

03 di 05

Vernon Johns: precedente pastore della chiesa battista di Dexter Avenue

Chiesa battista di Dexter Avenue.
Public Domain

“È un cuore stranamente non cristiano che non può fremere di gioia quando l’ultimo degli uomini inizia a tirare verso le stelle”.

Quando King divenne il pastore della chiesa battista di Dexter Avenue nel 1954, la congregazione della chiesa era già preparata per un leader religioso che capiva l’importanza dell’attivismo comunitario.

King succedette a Vernon Johns, un pastore e attivista che aveva servito come diciannovesimo pastore della chiesa.

Durante il suo mandato di quattro anni, Johns è stato un leader religioso schietto e senza paura che ha cosparso i suoi sermoni con letteratura classica, greca, poesia e la necessità di cambiare la segregazione e il razzismo che caratterizzavano l’era di Jim Crow. L’attivismo della comunità di John includeva il rifiuto di aderire al trasporto pubblico di autobus segregato, la discriminazione sul posto di lavoro e l’ordinazione di cibo da un ristorante bianco. In particolare, Johns ha aiutato le ragazze nere che erano state aggredite sessualmente da uomini bianchi a ritenere responsabili i loro aggressori.

Nel 1953, Johns si dimise dalla sua posizione alla Dexter Avenue Baptist Church. Ha continuato a lavorare nella sua fattoria, è stato redattore di Second Century Magazine. È stato nominato direttore del Maryland Baptist Center.

Fino alla sua morte nel 1965, Johns fece da mentore a leader religiosi come King e il reverendo Ralph D. Abernathy.

Johns è nato in Virginia il 22 aprile 1892. Johns ha conseguito la laurea in divinità presso l’Oberlin College nel 1918. Prima che Johns accettasse la sua posizione alla Dexter Avenue Baptist Church, insegnò e ministrò, diventando uno dei più importanti leader religiosi neri nel Stati Uniti. 

04 di 05

Mordecai Johnson: influente educatore

Mordecai Johnson, primo presidente afroamericano della Howard University e Marian Anderson, 1935.

Giornale afro / Gado / Getty Images

Nel 1950 King si recò alla Fellowship House di Filadelfia. King, non ancora un importante leader per i diritti civili e nemmeno un attivista di base, si è ispirato alle parole di uno degli oratori, Mordecai Wyatt Johnson.

Johnson, considerato uno dei leader religiosi neri più importanti dell’epoca, ha parlato del suo amore per il Mahatma Gandhi. King trovò le parole di Johnson “così profonde ed elettrizzanti” che quando lasciò il fidanzamento, acquistò alcuni libri su Gandhi e sui suoi insegnamenti.

Come Mays e Thurman, Johnson era considerato uno dei leader religiosi neri più influenti del XX secolo. Johnson ha conseguito la laurea presso l’Atlanta Baptist College (attualmente noto come Morehouse College) nel 20. Per i due anni successivi, Johnson ha insegnato inglese, storia ed economia presso la sua alma mater prima di conseguire una seconda laurea presso l’Università di Chicago. Si è poi laureato al Rochester Theological Seminary, all’Università di Harvard, all’Università Howard e al Gammon Theological Seminary.

Nel 1926, Johnson fu nominato presidente della Howard University. La nomina di Johnson è stata una pietra miliare: è stato il primo nero a ricoprire la carica. Johnson è stato presidente dell’Università per 34 anni. Sotto la sua tutela, la scuola divenne una delle migliori scuole degli Stati Uniti e la più importante dei college e delle università storicamente neri. Johnson ha ampliato la facoltà della scuola, assumendo notabili come E. Franklin Frazier, Charles Drew e Alain Locke e Charles Hamilton Houston.

Dopo il successo di King con il boicottaggio degli autobus di Montgomery, gli è stato conferito un dottorato onorario dalla Howard University per conto di Johnson. Nel 1957, Johnson offrì a King una posizione come preside della Howard University’s School of Religion. Tuttavia, King ha deciso di non accettare la posizione perché credeva di dover continuare il suo lavoro come leader nel movimento per i diritti civili.

05 di 05

Bayard Rustin: Organizzatore coraggioso

Bayard Rustin.
Public Domain

“Se desideriamo una società in cui gli uomini siano fratelli, allora dobbiamo agire gli uni verso gli altri con fratellanza. Se riusciamo a costruire una società del genere, avremmo raggiunto l’obiettivo finale della libertà umana”.

Come Johnson e Thurman, anche Bayard Rustin credeva nella filosofia nonviolenta del Mahatma Gandhi. Rustin ha condiviso queste convinzioni con King che le ha incorporate nelle sue convinzioni fondamentali come leader dei diritti civili.

La carriera di Rustin come attivista iniziò nel 1937 quando entrò a far parte dell’American Friends Service Committee.

Cinque anni dopo, Rustin era un segretario di campo per il Congress of Racial Equality (CORE).

Nel 1955, Rustin consigliava e assisteva King mentre guidavano il boicottaggio degli autobus di Montgomery.

Il 1963 è stato forse il momento clou della carriera di Rustin: è stato vicedirettore e capo organizzatore della marcia su Washington. 

Durante l’era del movimento per i diritti civili, Rustin ha continuato a lottare per i diritti delle persone in tutto il mondo partecipando alla marcia per la sopravvivenza al confine tra Thailandia e Cambogia; ha istituito la National Emergency Coalition for Haitian Rights; e il suo rapporto, South Africa: Is Peaceful Change Possible? che alla fine ha portato alla creazione del programma Project South Africa.