Il petrolio ha guidato l’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti?

La decisione degli Stati Uniti di invadere l’Iraq nel marzo 2003 non è stata priva di opposizione. Il presidente George W. Bush ha sostenuto che l’invasione è stata un passo fondamentale nella guerra al terrorismo, rimuovendo il dittatore iracheno Saddam Hussein dal potere e cavalcando l’Iraq delle sue armi di distruzione di massa che allora si credeva fossero immagazzinate lì. Tuttavia, diversi membri del Congresso si sono opposti all’invasione, sostenendo che il suo vero obiettivo primario era quello di controllare le riserve petrolifere irachene.

“Assurdità assoluta”

Ma in un discorso del febbraio 2002, l’allora segretario alla Difesa Donald Rumsfeld ha definito quell’affermazione oleosa “assurdità assoluta”.

“Non prendiamo le nostre forze e andiamo in giro per il mondo e cerchiamo di prendere le proprietà immobiliari di altre persone o le risorse di altre persone, il loro petrolio. Non è quello che fanno gli Stati Uniti”, ha detto Rumsfeld. “Non l’abbiamo mai fatto, e non lo faremo mai. Non è così che si comportano le democrazie”.

Sciocchezze a parte, le sabbie dell’Iraq nel 2003 contenevano petrolio … molto.

Secondo i dati della US Energy Information Administration (EIA) dell’epoca, “l’Iraq detiene più di 112 miliardi di barili di petrolio, la seconda riserva accertata più grande del mondo. L’Iraq contiene anche 110 trilioni di piedi cubi di gas naturale, ed è un punto focale per questioni di sicurezza regionale e internazionale “.

Nel 2014 l’EIA ha riferito che l’Iraq deteneva la quinta più grande riserva provata di petrolio greggio al mondo ed era il secondo produttore di petrolio greggio dell’OPEC.

Il petrolio è l’economia irachena

In un’analisi di sfondo del 2003, l’EIA ha riferito che la guerra Iran-Iraq, la guerra del Kuwait e le sanzioni economiche punitive avevano notevolmente deteriorato l’economia, le infrastrutture e la società dell’Iraq durante gli anni ‘1980 e ‘1990.

Mentre il prodotto interno lordo (PIL) e il tenore di vita dell’Iraq sono diminuiti drasticamente dopo la sua fallita invasione del Kuwait, l’aumento della produzione di petrolio dal 1996 e l’aumento dei prezzi del petrolio dal 1998 hanno portato a una crescita stimata del PIL reale iracheno del 12% nel 1999 e dell’11% nel 2000 Si stima che il PIL reale dell’Iraq sia cresciuto solo del 3.2% nel 2001 ed è rimasto invariato fino al 2002. Altri punti salienti dell’economia irachena includono:

  • L’inflazione in Iraq è stata stimata intorno al 25%.
  • La disoccupazione e la sottoccupazione erano entrambe elevate in Iraq.
  • Il surplus commerciale iracheno di merci è stato di circa 5.2 miliardi di dollari, sebbene gran parte di questo sia stato guadagnato sotto il controllo delle Nazioni Unite.
  • L’Iraq ha subito un pesante fardello di debito, forse fino a $ 200 miliardi (o più) se si includessero i debiti verso gli stati del Golfo e la Russia.
  • Anche l’Iraq non aveva un sistema fiscale significativo e soffriva di politiche fiscali e monetarie irregolari.

Riserve petrolifere irachene: potenziale inutilizzato

Mentre le sue comprovate riserve di petrolio di 112 miliardi di barili hanno classificato l’Iraq al secondo posto nel lavoro dietro l’Arabia Saudita, l’EIA ha stimato che fino al 90% della contea è rimasto inesplorato a causa di anni di guerre e sanzioni. Le regioni inesplorate dell’Iraq, stima l’EIA, avrebbero potuto produrre altri 100 miliardi di barili. I costi di produzione del petrolio iracheno erano tra i più bassi al mondo. Tuttavia, solo circa 2,000 pozzi erano stati perforati in Iraq, rispetto a circa 1 milione di pozzi nel solo Texas.

Produzione di petrolio irachena

Poco dopo la fallita invasione del Kuwait nel 1990 e l’imposizione dei conseguenti embarghi commerciali, la produzione di petrolio irachena è scesa da 3.5 milioni di barili al giorno a circa 300,000 barili al giorno. Nel febbraio 2002, la produzione di petrolio irachena era tornata a circa 2.5 milioni di barili al giorno. I funzionari iracheni avevano sperato di aumentare la capacità di produzione di petrolio del paese a 3.5 milioni di barili al giorno entro la fine del 2000, ma non ci sono riusciti a causa dei problemi tecnici con i giacimenti petroliferi iracheni, gli oleodotti e altre infrastrutture petrolifere. L’Iraq sostiene anche che l’espansione della capacità di produzione di petrolio è stata limitata dal rifiuto delle Nazioni Unite di fornire all’Iraq tutte le attrezzature dell’industria petrolifera che ha richiesto.

Gli esperti dell’industria petrolifera dell’EIA hanno generalmente valutato la capacità di produzione sostenibile dell’Iraq non superiore a circa 2.8-2.9 milioni di barili al giorno, con un potenziale di esportazione netto di circa 2.3-2.5 milioni di barili al giorno. In confronto, l’Iraq ha prodotto 3.5 milioni di barili al giorno nel luglio 1990, prima della sua invasione del Kuwait.

Importanza del petrolio iracheno negli Stati Uniti nel 2002

Nel dicembre 2002 gli Stati Uniti hanno importato 11.3 milioni di barili di petrolio dall’Iraq. In confronto, le importazioni da altri importanti paesi produttori di petrolio dell’OPEC nel dicembre 2002 includevano:

  • Arabia Saudita – 56.2 milioni di barili
  • Venezuela 20.2 milioni di barili
  • Nigeria 19.3 milioni di barili
  • Kuwait – 5.9 milioni di barili
  • Algeria – 1.2 milioni di barili

Le principali importazioni da paesi non OPEC nel dicembre 2002 includevano:

  • Canada – 46.2 milioni di barili
  • Messico – 53.8 milioni di barili
  • Regno Unito – 11.7 milioni di barili
  • Norvegia – 4.5 milioni di barili

Importazioni petrolifere statunitensi e esportazioni odierne

Secondo la US Energy Information Administration, gli Stati Uniti hanno importato (acquistato) circa 10.1 milioni di barili di petrolio al giorno (MMb / d) da circa 84 paesi. “Petrolio” include petrolio greggio, liquidi di impianti di gas naturale, gas di raffineria liquefatti, prodotti petroliferi raffinati come benzina e gasolio e biocarburanti tra cui etanolo e biodiesel. Di questi, circa il 79% del petrolio importato era petrolio greggio.

I primi cinque paesi di origine delle importazioni di petrolio dagli Stati Uniti nel 2017 sono stati Canada (40%), Arabia Saudita (9%), Messico (7%), Venezuela (7%) e Iraq (6%).

Ovviamente gli Stati Uniti esportano (vendono) anche petrolio. Nel 2017, gli Stati Uniti hanno esportato circa 6.3 milioni di barili al giorno di petrolio in 180 paesi. I primi cinque clienti stranieri per il petrolio statunitense nel 2017 sono stati Messico, Canada, Cina, Brasile e Giappone. In altre parole, gli Stati Uniti hanno acquistato circa 3.7 milioni di barili al giorno di petrolio in più rispetto a quanto venduto nel 2017.